Dieta del riso e tonno: fa perdere 4 kg in 7 giorni?

Pubblicato da: ValeriaM - il: 14-11-2017 22:21

Introduzione

La dieta più cliccata del 2017 è quella di riso e tonno, due alimenti molto apprezzati. L'abbinamento, oltre ad essere molto goloso, consente di perdere peso. Oggi scopriremo come perdere 4 kg in una settimana con questa dieta dimagrante.

A pranzo e a cena si possono mangiare riso e tonno a volontà, inserendo nel piano alimentare le verdure, yogurt a colazione, frutta per gli spuntini. Come tutti i regimi alimentari che si basano su uno o due alimenti anche la dieta riso e tonno è sbilanciata. Basta fare una piccola ricerca su Google per imbattersi nel piano settimanale, noi però abbiamo deciso di affidarci all'esperienza della dottoressa Caterina Cellai, che ha sviluppato una dieta equilibrata. Pronti per dimagrire con riso e tonno?

Tonno, fonte di proteine: vantaggi e svantaggi

Il tonno è un pesce ricco di sali minerali come ferro, iodio e selenio (essenziali per il funzionamento della tiroide), e vitamine, in particolare quelle del gruppo B, e ancora la vitamina A e D. Così come il salmone, anche il tonno è considerato fonte di omega 3, acidi grassi fondamentali per il nostro organismo.

L'apporto calorico di questo pesce è contenuto e fornisce da 20 a 27 gr di proteine per 100 gr di prodotto, tutto dipende dal metodo di cottura, quella al vapore infatti le preserva meglio. Ricordiamo ai nostri lettori che questi valori si riferiscono al tonno fresco e non a quello surgelato o conservato sottolio. Purtroppo essendo un pesce di grossa taglia, il tonno è soggetto alla contaminazione da mercurio e metalli pesanti, quindi deve essere consumato sempre con moderazione. La dottoressa Cellai consiglia di acquistare prodotti surgelati in filetti o tranci solo quando non si conosce l'origine, quello in scatola è una buona alternativa per le emergenze.

Riso, fonte di vitamine: quale scegliere?

Il riso è utilizzato molto spesso nelle diete dimagranti (soprattutto quello integrale) perché sazia ed è povero di grassi, ne basta una piccola dose per placare il senso di fame. Il riso inoltre non appesantisce lo stomaco ed è facilmente digeribile. I nutrizionisti consigliano quello integrale perché è una fonte di vitamine del gruppo B alle quali si aggiungono i sali minerali, altri elementi indispensabili per la salute del nostro organismo.

Non dimentichiamo che è un prodotto privo di glutine, perfetto per i celiaci e gli intolleranti al glutine. Il riso raffinato invece presenta alcuni svantaggi come l'indice glicemico alto che lo rende non adatto ai soggetti diabetici perché devono tenere sotto controllo la glicemia.

La dottoressa Cellai consiglia di scegliere riso integrale anche se più “duro” rispetto a quello classico e con cottura più lunga, provate a cuocerlo nella pentola a pressione oppure mettetelo in ammollo per un po' per ridurre i tempi. In commercio esiste anche il cuociriso, strumento pratico e adatto per tenerlo al caldo, anche se fate la pausa pranzo in ufficio.

Le varietà di riso da prediligere per questa dieta, oltre a quello integrale, sono il riso venere o rosso. Per quanto riguarda il riso integrale scegliere il basmati con chicchi sottili e allungati, perfetto per primi piatti e contorni. Il riso venere conosciuto anche come “selvatico” e “nero”, ha origini nord americane, è ricchissimo di proteine (almeno il doppio di quello tradizionale) e si ricava dal seme di una pianta acquatica. Infine il riso rosso che è una buona fonte di ferro, poco utilizzato nella nostra cucina, trova spazio negli scaffali dei supermercati specializzati in alimentazione biologica. Prima di procedere con le ricette della dieta riso e tonno vi ricordiamo che il parboiled non è una varietà di riso, ma si tratta di una tecnica di cottura. Il riso parboiled è parzialmente bollito e non scuoce, ha un indice glicemico basso.

Ricette con riso e tonno

Vi proponiamo due ricette deliziose, da leccarsi i baffi nel vero senso della parola. Semplici e veloci, risvegliano la voglia di cucinare, anche dopo una lunga giornata di lavoro. La prima è il risotto di zucca frullata, per 4 persone avete bisogno di 600 gr di zucca, 1 porro, 1 lt di brodo vegetale, 1 ricottina piccola, 320 gr di riso integrale, ½ bicchiere di vino, 4 cucchiai di olio evo.

Per preparare la ricetta iniziate affettando il porro, e soffriggete con 2 cucchiai di olio, aggiungete la zucca a pezzetti (priva della buccia!) e coprite con il brodo. Lasciate cuocere mezz'ora a fuoco medio, frullate con il frullatore ad immersione e riducete in crema. Lessate il riso, scolatelo e unitelo alla crema, infine mantecate con la ricotta e servite.

La seconda ricetta è il finto pesce, molto sfiziosa. Per 4 persone avete bisogno di 400 gr di tonno in scatola al naturale, 4 patate, 50 gr di capperi sott'aceto. La prima cosa da fare è lessare le patate (di piccole dimensioni), sbucciatele e schiacciatele, poi frullate il tonno con i capperi e unite i due composti. Mettete in uno stampo e fate riposare almeno 2-3 ore in frigo prima di servire.

Schema alimentare settimanale

Il programma alimentare proposto si ispira alla dieta riso e tonno che si trova cercando su Google ma è molto più completo. In una settimana si possono perdere 4 kg perché è basato sullo schema della dieta dissociata, come vedrete le dosi di riso sono limitate ad 80 gr per pasto. Per ottenere risultati ottimali bevete 2 litri di acqua al giorno, in questo modo è più facile drenare i liquidi e contrastare la ritenzione idrica. Elenchiamo di seguito i pasti principali e accanto le proposte giorno per giorno, vi consigliamo di seguire la dieta alla lettera e di non fare troppe modifiche (per esempio spostare il pranzo e la cena).

  • Colazione: tè verde, 2 gallette di riso integrale con 1 cucchiaino di marmellata, 1 yogurt magro con pezzettini di frutta fresca; 1 tazza di latte, 2 gallette di riso integrale, ½ avocado con succo di limone; porridge con latte di riso, 2 noci, frutti di bosco, 1 cucchiaio di crusca; 1 tazza di latte di soia, 2 gallette di riso integrale con 1 cucchiaino di miele, 1 kiwi; 1 tazzina di caffè d'orzo, 1 yogurt magro con 3 noci 1 cucchiaio di fiocchi d'avena integrale, 1 cucchiaio di mirtilli; 1 tazza di tisana limone e zenzero, macedonia di frutta fresca (1 pera, 1 kiwi, 1 mela), 2 gallette di riso con 1 cucchiaino di marmellata; 1 tazza di tè verde, 125 gr di yogurt greco e 2 fette di ananas;
  • Spuntino (a giorni alterni): 1 mela; 1 yogurt bianco senza grassi;
  • Pranzo: riso integrale con verdure e curcuma; risotto di zucca frullata; riso integrale con verdure e curry; riso integrale con melanzane e zucchine al forno; riso integrale e piselli; riso rosso con asparagi; riso venere con verdure al forno;
  • Merenda: spremuta d'arancia o arancia; centrifugato di mela, cetriolo (sedano o carota) e zenzero; mandarini;
  • Cena: tonno alla piastra con semi di sesamo e insalata mista; nasello al vapore con olio evo ed erbe aromatiche, insalata di finocchi; finto pesce e patate lesse; filetto di platessa al vapore con olio evo e succo di limone, insalata di pomodorini con origano; sashimi di tonno con salsa di soia, insalata di valeriana, carote e germogli di soia; polpo marinato con succo di limone, cetrioli, menta e olio evo; tartare di tonno con erba cipollina, capperi e succo di limone, insalata di cavolo cappuccio.
ValeriaM

Laureata in Filologia Classica, da sempre appassionata di scrittura e copywriting. Classe 1989, ama leggere, andare al cinema e a teatro, allevare cani e gatti e mangiare i biscotti di Bellagio.

Ti è piaciuto questo articolo? Commentalo!