Come fare la sangria bianca

Pubblicato da: Myriam Amato - il: 24-07-2018 7:21 Aggiornato il: 16-07-2018 11:25

La sangria bianca è una particolare variante della sangria ricetta originale, il cocktail diffuso in Catalogna con frutta, spezie e vino. Oggi scopriamo come preparare la sangria bianca.

Sangria bianca- foto stilpalast.ch

La sangria è un cocktail caratterizzato dal colore rosso rubino e dal mix di profumi e dolcezza che conquista al primo sorso.

Il nome deriva da “sangre” che in spagnolo significa sangue, un modo originale per porre l'accento sul colore rosso rubino del vino per sangria utilizzato.

Nessuno vieta di preparare una sangria bianca, una ricetta che conserva le caratteristiche tipiche della bevanda amata in ogni parte del mondo, ma che mantiene un tocco di leggerezza e freschezza in più rispetto alla versione classica.

Come preparare la sangria bianca

La ricetta della sangria bianca prevede il vino come ingrediente principale, ma nella variante di prosecco o vino dal sapore fruttato.

Come fare la sangria bianca? Non bisogna far altro che mescolare un litro di vino bianco con 130 grammi di zucchero e aggiungere la frutta preferita tagliata a fettine.

A questo punto è necessario diluire con un po' di succo di limone o di arancia e aggiungere le fettine di agrumi, stecche di cannella e chiodi di garofano prima di lasciare riposare la bevanda in frigorifero per una notte intera.

Soltanto dopo la notte in frigorifero è possibile diluire la sangria con acqua, gazzosa o altro vino bianco.

La preparazione della sangria bianca lascia spazio a diverse declinazioni fantasiose a base di vino, liquori e vari tipi di frutta.

Chiaramente è possibile usare il prosecco, lo champagne oppure un vino fermo senza bollicine purché fruttato oltre che sviluppare la parte alcolica con la vodka secca, il brandy, il cognac o il Cointreau e aggiungere la frutta preferita (melone, pesche o altro).

Come servirla

La sangria bianca alcolica può essere servita in bicchieri con decorazioni di frutta a piacere oppure in una caraffa o un recipiente di vetro da insalate.

Nelle giornate più calde è possibile aggiungere il ghiaccio per renderla ancora più fresca e dissetante di quanto si possa immaginare.

Non resta che provare a preparare questa versione di sangria e assaporare il cocktail dolce, profumato e dissetante in occasione di un aperitivo, un pranzo o una cena estiva dal profumo spagnolo.

Myriam Amato

Laureata in Informazione e sistemi editoriali, lettrice ostinata e appassionata di ricette tradizionali e nuovi orizzonti culinari.

Ti è piaciuto questo articolo? Commentalo!

Scrivi un Commento