Come fare la torta paradiso

Pubblicato da: ValeriaM - il: 06-10-2018 18:50

Come suggerisce il nome, la torta paradiso è soffice e 'angelica', ovvero molto lieve nella sua composizione e dolce nel sapore. Si tratta di un dolce molto amato dagli italiani, di una torta che può essere gustata a colazione o nelle merende mattutine e pomeridiane, oppure servita come buon dopo pasto. Le regole per come fare la torta paradiso sono semplici, ma è importante considerare che per ottenere un dolce buono e soffice bisogna rispettare per bene le dosi e anche la procedura.

La torta paradiso è in ogni caso semplice e alla portata di tutti, può essere preparata in poco tempo e si presta ad essere completata con tante varianti diverse. Le anime più creative possono infatti aggiungere frutta fresca come le pesche, le albicocche, le fragole e i deliziosi frutti di bosco, per una torta paradiso dolce e che profuma d'estate. Chi ama i sapori più intensi può aggiungere all'impasto le gocce di cioccolato e servire il dolce con accompagnamenti creativi come la ricercata crema pasticcera, la crema al pistacchio o semplicemente farcirla con della confettura di frutta o un composto di gelatina.

È interessante notare che la torta paradiso nacque a Pavia nell'800, nel laboratorio del pasticcere Enrico Vigoni. La leggenda narra che il pasticcere fece assaggiare la sua creazione ad una nobildonna, che estasiata dal sapore esclamò 'questa torta è un vero paradiso!'. Da allora il dolce è diventato il simbolo della città di Pavia, ma anche una preparazione conosciuta e stimata in tutto il paese. Si tratta infatti di un dolce semplice, che assomiglia al pan di Spagna ma che si propone più soffice e corposo. La torta paradiso è considerata una delle deliziose 'ricette della nonna', un dessert 'rassicurante' che può essere preparato in tanti modi diversi e guarnito a piacere, per regalare un inaspettato momento di dolcezza nel corso della giornata. Vediamo come preparare la torta paradiso.

Come preparare la torta paradiso: ingredienti

  • 300 grammi di burro a temperatura ambiente
  • 300 grammi di zucchero semolato
  • 150 grammi di farina 00
  • 150 grammi di fecola di patate
  • 4 uova intere + 4 tuorli freschi
  • 16 grammi di lievito chimico per dolci
  • un baccello di vaniglia
  • sale un pizzico

Come fare la torta paradiso: preparazione

La preparazione della torta paradiso è semplice ed è importante che tutti gli ingredienti vengano portati alla stessa temperatura. Il burro deve quindi essere ammorbidito e le uova vanno tirate fuori dal frigorifero. In questo modo l'impasto non subisce shock e si rivela essere più morbido e compatto, quindi più semplice da lievitare in fase di cottura.

Iniziamo a preparare l'impasto unendo il burro ammorbidito con lo zucchero semolato in una ciotola capiente. Impieghiamo lo sbattitore elettrico e amalgamiamo i due ingredienti con cura, fino ad ottenere un composto cremoso. Se è la prima volta che facciamo la torta paradiso non stupiamoci se per amalgamare lo zucchero il burro serve tempo, perché si tratta di un procedimento che chiede un po' di pazienza per ottenere una crema densa e priva di grumi.

Preleviamo con un coltellino i semi della vaniglia dal baccello aprendolo nel senso della lunghezza e uniamoli alla crema di burro, quindi mescoliamo per amalgamare bene il tutto.

Ora ci servono otto tuorli e 4 albumi, quindi separiamoli e teniamo da parte 4 albumi. Con i restanti quattro si possono preparare delle buone meringhe da servire con il tè o il cioccolato caldo. Aggiungiamo gli 8 tuorli all'impasto di burro e zucchero procedendo uno alla volta. Prestiamo attenzione, perché prima di aggiungere un uovo dobbiamo essere sicuri che il precedente sia stato inglobato alla perfezione, quindi procediamo con cura e impastando con metodo.

Procediamo con la farina, setacciamola e uniamola al composto continuando a sbattere con le fruste, quindi uniamo la fecola e il lievito setacciati in precedenza, sempre sbattendo con le fruste elettriche. Il risultato che si deve ottenere è un composto spumoso ma denso.

Prepariamo a parte gli albumi a neve. In una ciotola mettiamo i 4 albumi e aggiungiamo un pizzico di sale, quindi montiamo a neve ben ferma impiegando l'apposito arnese delle fruste. Uniamo delicatamente l'albume a neve al composto aiutandoci con un mestolo di legno o con un lecca pentola, facendo un movimento rotatorio dal basso verso l'alto per non smontare l'impasto.

Foderiamo con carta da forno una tortiera a cerniera del diametro di 24 centimetri e contemporaneamente preriscaldiamo il forno a 180° normale, oppure ventilato a 160°.

Versiamo l'impasto sulla tortiera livellando con dolcezza e senza sbatterla, per non far smontare il composto. Inforniamo la torta e cuociamola per 60 minuti a 180° con forno non ventilato oppure per 50 minuti a 160° ventilato. Per controllare se la torta è pronta facciamo la prova dello stecchino, verificando che esca asciutto.

Una volta trascorso il tempo di cottura togliamo il dolce dal forno e lasciamolo intiepidire prima di servire, spolverizzandolo con generoso zucchero a velo, un complemento che rende la torta paradiso più buona e decisamente in linea con il suo nome angelico!

La torta paradiso può essere servita con crema pasticcera a parte o con una macedonia di frutta fresca. La torta può essere conservata sotto una campana di vetro per massimo quattro giorni, perché dobbiamo considerare che si tratta di un dolce a base di uova, che tende a reperire velocemente.

Per gustare la torta paradiso la si può tagliare in fette, quindi farcire con confettura o marmellata di frutta, oppure con crema di nocciole, per creare una sorta di pastina dolce e completarla con lo zucchero a velo. Questo trucco la rende il pasticcino ideale per accompagnare il caffè o il tè del pomeriggio o per diventare un ottimo dopo cena da consumare in allegria.

ValeriaM

Laureata in Filologia Classica, da sempre appassionata di scrittura e copywriting. Classe 1989, ama leggere, andare al cinema e a teatro, allevare cani e gatti e mangiare i biscotti di Bellagio.

Ti è piaciuto questo articolo? Commentalo!

Scrivi un Commento