Glifosato nella Birra, Germania sotto torchio

0

L’IARC (International Agency for Research on Cancer) ha espresso la propria opinione su quelli che sono i risultati dell’analisi effettuata dall’Istituto per l’Ambiente di Monaco. Secondo la ricerca infatti, in alcune birre tedesche, vi è …

L’IARC (International Agency for Research on Cancer) ha espresso la propria opinione su quelli che sono i risultati dell’analisi effettuata dall’Istituto per l’Ambiente di Monaco. Secondo la ricerca infatti, in alcune birre tedesche, vi è il diserbante glifosato. IARC fa sapere che è “probabile cancerogeno per l’uomo”.

Questo test ha preso in esame diverse birre, e sono emerse che ben 14 marche tedesche tra le più note contengono diserbante glifosato in livelli che vanno da 0,46 a 29,74 microgrammi ogni litro. Casi estremi quest’ultimi perché la quantità della sostanza è ben 300 volte superiore a quella consentita ad esempio nell’acqua potabile. Nessun limite realmente esistente invece per la birra.

Una notizia che in questi giorni sta facendo discutere i principali quotidiani online e che indigna le persone che, di tanto in tanto, vogliono bersi una birra in assoluta tranquillità. Cosa ancor più sorprendente è che proprio la birra tedesca è stata accusata di tutto ciò.

Ricordiamo infatti che la birra è proprio la bevanda simbolo di questa nazione ed è parte della stessa cultura tedesca. Non detengono certo il primato di “bevitori” (che spetta ai bavaresi”, ma la Germania è la patria di importantissime birre. Ricordiamo anche che nel 1516 venne promulgata una legge secondo la quale nel processo produttivo della birra non dovevano essere utilizzate materie prime di poca qualità. A questa legge ancora oggi moltissimi birrifici tedeschi si attengono.

La storia che oggi vi raccontiamo quindi a qualcosa di eclatante. Tuttavia, è bene approfondire un secondo prima di trarre conclusioni affrettate. Se da una parte sembra essere vero che tale sostanza cancerogena è stata rinvenuta nella birra, non è da sottovalutare la nota dell‘Istituto federale per la valutazione del rischio.

Se da una parte l’IARC ha classificato il diserbante glifosato come potenziale cancerogeno per l’uomo, il BFR sottolinea che, se è vero che tale sostanza (l’erbicida usato come diserbante) dal punto di vista scientifico è potenzialmente cancerogena, dall’altra dice: “Un adulto dovrebbe bere intorno ai mille litri di birra al giorno per assumere una quantità di glifosato preoccupante per la salute”

Insomma, nonostante il polverone che è stato alzato pare che queste birre contengono si il diserbante glifosato, ma non in quantità tali da dover realmente preoccupare. Le marche che sono nel mirino vediamo quali sono: Beck’s, Warsteiner, Paulaner, Krombacher, Veltins, Oettinger, Bitburger, Hasseroeder, Erdinger, Radeberger, Franziskaner, Augustiner, Jever e Konig Pilsener.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759