Aceto di mele: proprietà e benefici per essere belle e in forma

663

L’aceto di mele è un elisir amato per le sue proprietà benefiche per la salute e il benessere generale. Perché includerlo nella nostra routine? A cosa fa bene l’aceto di mele? Questo liquido dalle tinte …

L’aceto di mele è un elisir amato per le sue proprietà benefiche per la salute e il benessere generale. Perché includerlo nella nostra routine? A cosa fa bene l’aceto di mele?

Questo liquido dalle tinte dorate , ottenuto dalla fermentazione delle mele, non è solo un condimento per insalate, ma anche un potente rimedio naturale con una lunga storia di utilizzo in molte tradizioni culinarie e medicinali.

Cosa è l’aceto di mele?

L’aceto di mele è un tipo di aceto prodotto attraverso la fermentazione del mosto o del sidro di mele. Durante il processo di fermentazione, i carboidrati presenti nelle mele vengono trasformati in acido acetico e altri composti, conferendo all’aceto il suo caratteristico sapore aspro e il profilo nutrizionale unico.

È un alimento ricchissimo, contiene infatti un’alta quantità di potassio, calcio, magnesio, cloro, rame, ferro, fluoro e sodio. Inoltre questo alimento contiene anche moltissime vitamine, in particolare la vitamina C, oltre che A, B1, B2, B6 ed E. 

Aceto di mele: proprietà e benefici

aceto di mele benefici

Ippocrate utilizzava l’aceto di mele e lo consigliava ai suoi pazienti per curare molti disturbi. Questo vuol dire che da secoli, il prodotto è ampiamente apprezzato per le sue molteplici proprietà benefiche per la salute. Ecco alcuni dei principali benefici dell’aceto di mele:

  • Riduzione zucchero nel sangue: Gli studi hanno dimostrato quanto possa aiutare a migliorare la sensibilità all’insulina e ridurre i livelli di zucchero nel sangue dopo i pasti, il che lo rende un’opzione promettente per le persone con diabete di tipo 2.
  • Promozione della digestione: Tra gli altri effetti terapeutici dell’aceto di mele vi la riattivazione della peristalsi. Inoltre favorisce la digestione e nutre la flora batterica. In caso di stipsi l’aceto di mele funge da blando lassativo.
  • Apporta benefici all’intestino: Cosa fa l’aceto di mele all’intestino? Oltre alla promozione della digestione, grazie agli enzimi, svolge un’azione depurativa. In più contribuisce all’equilibrio del PH intestinale.
  • Controllo del peso: Alcune ricerche suggeriscono che l’aceto di mele possa contribuire al dimagrimento aumentando il senso di sazietà e riducendo l’appetito. Inoltre si è dimostrato efficace per stimolare il metabolismo dei grassi.
  • Proprietà antimicrobiche: Grazie alle sue proprietà antibatteriche e antifungine, può essere utilizzato per combattere i batteri dannosi sulla pelle e nelle ferite minori.
  • Virtù antinfiammatorie: L’aceto di mele è un antinfiammatorio perfetto in caso di infiammazioni lievi, diventando perfetto per i gargarismi e i suffumigi.
  • Supporto del sistema immunitario: Questo aceto è ricco di antiossidanti come la vitamina C, che possono aiutare a rinforzare il sistema immunitario e proteggere il corpo dai danni causati dai radicali liberi.
  • Benessere dei capelli: Ancora oggi c’è chi utilizza l’aceto di mele sui capelli per bilanciare il PH del cuoio capelluto, chiudere le cuticole, pulire il cuoio capelluto e ridurre la forfora. Diluito con acqua, viene applicato sui capelli e risciacquato dopo un breve tempo di posa.

Prova l’aceto di mele come condimento

Uno degli usi più comuni dell’aceto di mele è in cucina come condimento. Può sostituire l’aceto di vino (bianco e rosso) e molti lo preferiscono perché ha un sapore più delicato. Inoltre contrasta le fermentazioni e facilita la digestione, evitando quell’effetto “pancia gonfia” tipico di chi segue un regime alimentare vegetariano. Si può utilizzare al naturale o mescolato all’olio. Frullandolo con yogurt ed erbe aromatiche si ottiene una salsina perfetta per le grigliate di pesce o di carne,

L’aceto di mele come integratore salino

L’aceto di mele è simile agli integratori salini in quanto contiene molti minerali tra cui potassio, fosforo, calcio, magnesio, ferro e rame. Gli sportivi o chi ha una sudorazione abbondante può assumerlo disciolto in succhi di frutta o frullati.

Aceto di mele per dimagrire

aceto di mele per dimagrire

L’aceto di mele è un ottimo alleato per perdere peso. Come abbiamo specificato in precedenza, ha una buona quantità di minerali. Inoltre è ricco di vitamina A, C, E e del gruppo B. Tuttavia, è composto principalmente da acido acetico che regola la glicemia. Consumato durante i pasti infatti, riduce la velocità di rilascio del glucosio nel sangue e di conseguenza in una minore produzione di insulina. E’ stato anche dimostrato scientificamente che l’acido acetico inibisce le attività dei geni responsabili dell’accumulo di grasso. Prima di ogni pasto si possono diluire 3 cucchiaini di aceto di mele in un bel bicchierone d’acqua. In questo modo il metabolismo accelera e frena l’appetito. In caso dovessero sorgere dei problemi si può abbassare la dose ad un cucchiaino, o preferire le capsule.

Come scegliere l’aceto di mele

L’aceto di mele può essere acquistato al supermercato, è collocato accanto ai suoi “cugini”. Ne esistono di vari tipi, raffinati (riconoscibili perché sono molto chiari), oppure biologici (e dall’aspetto torbido).

Il prodotto si ottiene dalla fermentazione del sidro di mele o del mosto di mele e per questo farlo in casa è semplicissimo. 

Per circa un litro di aceto di sidro di mele della ricetta home made, bisogna tagliare 2kg di mele a pezzetti senza sbucciale. Questi vanno ridotti in purè con un frullatore (meglio se avete una centrifuga). Aggiungere un cucchiaio di succo di limone e 10 grammi di lievito di birra. Versare nel composto 280 grammi di zucchero di canna e 250 ml di acqua e mescolate il tutto.

A questo punto, occorre versare il liquido ottenuto in un bottiglione da 1 litro e mezzo. La bottiglia va chiusa con uno speciale tappo chiamato tappo colmatore che è una specie di valvola, molto usata nelle produzioni artigianali di birra e vino, che consente l’eliminazione totale o parziale dell’anidrite carbonica prodotta dalla fermentazione e contemporaneamente impedisce l’ingresso dell’ossigeno, realizzando così quella che viene chiamata fermentazione anaerobica, senza aria.

Lasciare riposare il bottiglione con il preparato per 15 giorni, avendo la cura di agitarlo una volta al giorno per evitare la formazione di depositi. Trascorso questo tempo il composto va filtrato il preparato e avrete ottenuto il vostro aceto di sidro di mele.

Aceto di mele: ci sono controindicazioni?

aceto mele1

L’aceto di sidro di mele è un prodotto naturale dalle mille virtù, ma potrebbe portare con sè anche possibili controindicazioni. Quindi occhio a quello che si dice dell’aceto di mele perché le bufale sono sempre dietro l’angolo.

Per esempio, essendo acido, può danneggiare lo smalto dei denti se consumato in grandi quantità o non diluito. 

Alcune persone, soprattutto se soffrono di problemi gastrointestinali, possono sperimentare irritazione gastrica o bruciore di stomaco dopo l’assunzione, specialmente se consumato non diluito o in grandi quantità. 

Potrebbe interagire con alcuni farmaci, come quelli utilizzati per regolare i livelli di zucchero nel sangue o ridurre la pressione sanguigna. Per questo, prima di usare l’aceto di mele occorre chiedere il parere medico.

Curiosità

Non si tratta solo di cosa si può curare con l’aceto. Gli amanti della vita ecologica usano questo aceto per fare la lavatrice: sostituisce l’ammorbidente. Lo si usa come sgrassatore in cucina e in bagno come anti-calcare. Può essere indicato anche per i nostri amici cani e gatti, infatti se ne mettiamo qualche goccia nel loro cibo, le loro ossa si rafforzeranno ed il loro pelo diventerà bello e lucido.

Approfondimenti:

Bere acqua e aceto di mele: quali sono gli effetti e dosi giornaliere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759
Non perderti le ultime novità! Vuoi ricevere una notifica quando pubblichiamo un'aggiornamento? No, grazie Sì, certo