La birra analcolica fa male? Fa ingrassare? Benefici, calorie, qual è la migliore e controindicazioni

0

La birra è una delle bevande più amate in assoluto in quanto gustosa e rinfrescante, ma l’arrivo della birra analcolica ha spizzato tutti. Scopriamola meglio! CONSIGLIO DEL GIORNO Guadagnare copiando gli investimenti dei TOP Trader? …

La birra è una delle bevande più amate in assoluto in quanto gustosa e rinfrescante, ma l’arrivo della birra analcolica ha spizzato tutti. Scopriamola meglio!

Da bevanda di accompagnamento di carne e aperitivo alla preparazione di ricette vere e proprie: la birra è una bevanda amatissima.

La fermentazione alcolica di malto o altri cereali, la presenza dei luppoli e le possibili aromatizzazioni hanno reso la birra davvero perfetta sia in estate che in inverno.

La produzione di birra tradizionale (bionda, rossa, cruda, filtrata e altri tipi di birre) ha fatto spazio anche alla birra analcolica.

Cos’è la birra analcolica? Questa birra 2.0 nata in Germania vanta tutte le caratteristiche della birra tradizionale, ma presenta una quantità bassissima di alcol.

Come si rende analcolica la birra?

La birra tradizionale non ha più segreti per gli intenditori, ma la birra analcolica ha sollecitato parecchie domande. Come si fa la birra analcolica?

In pratica si può produrre attraverso la dealcolazione, un blocco della fermentazione oppure un processo di osmosi inversa.

Il processo di dealcolazione rimuove l’alcol presente nella birra tradizionale attraverso la filtrazione e alcuni trattamenti termici in grado di produrre una birra con un tasso alcolico molto basso.

In alternativa viene prodotta intervenendo sul processo di fermentazione che trasforma lo zucchero del malto in alcol e anidride carbonica.

Può essere utilizzato anche un processo di osmosi inversa che spinge l’alcol e l’acqua fuori dalla birra tramite una membrana e sostituisce il liquido ottenuto con una quantità variabile di acqua.

A tal proposito è bene sapere che difficilmente si parla di una birra con tasso alcolico 0.0 vol%, soprattutto perché la legge considera analcoliche le birre con livello saccarometrico o zuccherino (cioè quantità di zuccheri presenti nella miscela prima della fermentazione) in volume minore di 3 e non maggiore di 8.

Non esiste una correlazione precisa tra grado alcolico e livello zuccherino, ma solitamente si parla di 1 grado alcolico a fronte di 3 gradi zuccherini. Questo significa che più alto sarà il volume alcolico e maggiore sarà il livello zuccherino e viceversa.

Birra analcolica Peroni, Heineken e altre proposte: quanti gradi ha la birra analcolica? La percentuale di alcol concessa per le birre analcoliche varia da nazione a nazione: 1,3 %  in Italia, 0,5 % in Germania, 0,4 % negli U.S.A. e così via.

Birra analcolica: Benefici

La birra analcolica fa male? Per rispondere alla domanda è necessario approfondire le caratteristiche di questa birra e le differenze tra la birra senza alcol e la birra tradizionale.

Se gli ingredienti (e quindi le proprietà nutritive) della birra senza alcol e della birra tradizionale sono simili non si può dire la stessa cosa della percentuale di alcol.

Entrambe sono ricche di acqua e minerali (es. magnesio, potassio, selenio e zinco) e contengono un minimo apporto di vitamine liposolubili. Inoltre hanno un pool di sostanze antiossidanti derivate dai luppoli.

Oltre a rifornire il corpo di micronutrienti preziosi, quindi, sviluppano una potente azione antiossidante grazie ai polifenoli e mantengono la salute del microbiota intestinale grazie all’inulina e ai fruttoligosaccaridi.

Tuttavia il contenuto bassissimo di alcol restituisce una bevanda leggermente più dolce, ipocalorica e poco impegnativa per il fegato. Quindi no, la birra analcolica non fa male.

Birra analcolica: Calorie

La birra analcolica fa ingrassare? Uno dei motivi per i quali scegliere la birra analcolica è la conta delle calorie di questa bevanda buona, rinfrescante e ipocalorica.

Il fatto di non contenere alcol, infatti, la rende meno calorica rispetto alla birra tradizionale, considerando che vengono attribuite 7 Kcal ogni grammo di alcol.

Nonostante le calorie della birra analcolica dipendano dalla composizione di ogni prodotto, possiamo dire che ne contiene sicuramente di meno: circa 69 kcal per 330ml.

A cosa fa bene la birra analcolica? È la scelta ideale per chi pratica sport e vuole remineralizzarsi senza assumere calorie e chi deve tagliare le calorie vuote per tenersi in forma.

Birra analcolica in gravidanza

La gravidanza è un momento di grandi trasformazioni che richiedono accorgimenti e rinunce, birra e alcol compresi. Ma si può bere la birra analcolica in gravidanza?

Sì, la donna incinta può bere questa bitta senza causare danni al nascituro, ma soltanto se vanta un tasso alcolico pari a 0.0 vol%.

Birra analcolica: Controindicazioni

Sapere qual è la birra analcolica più buona non scongiura l’arrivo di qualche controindicazione, pur essendo più salutare della birra tradizionale.  

Il basso contenuto di alcol, seppur minimo, sviluppa gli stessi effetti negativi sull’organismo in caso di assunzione eccessiva di birra analcolica, dalla cirrosi epatica alle forme tumorali fino agli ictus.

Inoltre l’assunzione eccessiva e regolare di birra senza alcol influisce negativamente sulla guida e sulle reazioni del consumatore.

Ovviamente sarebbe meglio chiedere il parere medico prima di poter consumare la birra analcolica in caso di problemi con il glutine. In questi casi è meglio scegliere una birra analcolica senza glutine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759