Pizza: curiosità e valori nutrizionali

Pubblicato da: ValeriaM - il: 31-10-2018 17:09

Dieci curiosità sulla pizza

Sapete quante pizze vengono sfornate ogni giorno in Italia? Cinque milioni. Se provate a moltiplicare questo numero per 365 giorni la calcolatrice impazzirà, proprio come impazziamo quando passiamo per caso davanti ad una pizzeria e il profumo ci stuzzica e solletica le narici. Sicuramente la parola pizza è la più conosciuta all'estero insieme a caffè e pasta e rappresenta il Made in Italy per l'eccellenza. Credete di sapere proprio tutto sulla pizza? Noi abbiamo scoperto dieci curiosità:

  1. Chi ha inventato la pizza? Il segreto della lievitazione è stato scoperto dagli antichi egizi che hanno anche preparato la prima pizza, chiamata “pita”. Sulle rive del Nilo è stato edificato il primo forno intorno al 4000 a.C. e gli egiziani amavano la pita, ed erano grandi bevitori di birra. Il più classico degli abbinamenti è anche il più antico, strano a dirsi, vero?
  2. Qual è la ricetta originale della pizza? La pizza è stata importata in Italia grazie ai saraceni che la preparavano con la farina di farro. Nello specifico è “sbarcata” a Torre del Greco e il farro è stato sostituito dal grano. Il pomodoro è arrivato un po' di tempo dopo, con la scoperta dell'America. Le pizze erano condite con olio e aglio, solo a partire dal Settecento è stata introdotta la versione rossa.
  3. Qual è la prima pizza? La più antica delle pizze è la marinara, non poteva essere diversamente visto che contiene tutti gli ingredienti utilizzati all'epoca ovvero il pomodoro, l'aglio, l'origano e l'olio di oliva. Il nome marinara non c'entra nulla con il pesce, ma era il piatto consumato dai pescatori quando tornavano al porto.
  4. Qual è la prima pizzeria? Dopo aver scoperto qual è la prima pizza, non potevamo non svelarvi qual è stata la prima pizzeria. La più antica p a Napoli ed è stata aperta nel 1738, Port'Alba rifocillava tutti gli ambulanti che andavano in giro. Circa 90 anni dopo la pizzeria si arricchì di sedie e tavoli per i clienti, tra questi ci sono stati anche Gabriele D'Annunzio, Benedetto Croce e persino il Re Ferdinando di Borbone.
  5. Chi ha inventato la Margherita? Questa è facile, forse lo sapete già che nel 1830 il pizzaiolo Raffaele Esposito realizzò insieme alla moglie Maria Giovanna Brandi una pizza in onore della Regina Margherita in visita a Napoli. Il pizzaiolo si ispirò ai colori della bandiera italiana: bianco con la mozzarella, rosso con il pomodoro e verde con il basilico.
  6. Com'è la pizza napoletana? Non tutte le pizze sono uguali, la vera pizza napoletana per esempio richiede la cottura nel forno a legna, non si deve stendere con il mattarello e non deve superare i 3 mm di spessore. Gli ingredienti usati per la preparazione devono essere italiani e l'Associazione Verace Pizza Napoletana ha stilato un vero e proprio vademecum per la corretta realizzazione e le regole devono essere rispettate da chi vi aderisce.
  7. Quanto costa una pizza? Il costo di una pizza varia in base agli ingredienti e alla pizzeria dove viene servita, solitamente una pizza Margherita viene venduta al costo di 4-5 euro. La pizza più costosa al mondo però è la Luigi XIII, è stata inventata da Renato Viola, pizzaiolo di Agropoli. Il diametro della pizza è di 20 centimetri e l'impasto lievita per 72 ore, per il condimento si usa solo mozzarella di bufala Dop, sale rosa australiano, caviale, aragosta, gamberoni e si accompagna con champagne. Il tutto per la modica cifra di 8300 euro.
  8. Chi mangia più pizza? Gli americani battono gli italiani, sono loro che mangiano più pizza. Secondo le ricerche infatti il consumo medio di pizza all'anno è di 13 kg per gli americani, mentre noi ci fermiamo solo a 7,6 kg. Quasi il doppio!
  9. La pizza fa bene? Sono tante le pizze inventate ma di recente ne sono state presentate tre che fanno bene alla salute e sono state chiamate Vita, Tiresia ed Eracle. La pizza Vita, come suggerisce il nome, è stata ideata per le donne incinta, la pizza Tiresia invece stimola il metabolismo, infine la pizza Eracle per gli sportivi, perché consente di recuperare proteine, vitamine e sali minerali persi durante lo sforzo fisico.
  10. Qual è la pizza più grande del mondo? Un alimento amato come la pizza si presta anche a sfide gastronomiche e imprese memorabili. Nel 2015, ad Expo, è stato segnato il Guinness dei Primati per la pizza più lunga del mondo. Per la cottura sono stati usati 5 forni (è stato stimato un tempo di 3 minuti per ogni metro di pizza). La pizza era lunga 1594,45 metri e pesava 5 tonnellate circa. La preparazione è stata affidata ad 80 componenti della Nazionale italiana pizzaioli, 200 volontari che hanno verificato la cottura, e 40 addetti allo spostamento dei forni.

Calorie della pizza

La pizza è un impasto a base di farina di grano tenero 00, acqua, lievito di birra e sale. La pasta ottenuta unendo insieme questi ingredienti e impastandoli energicamente con le mani, si fa riposare per almeno due ore coperta con un panno umido. Trascorso questo tempo, si lavora ancora e si divide in panetti, poi si fa lievitare altre 4-6 ore a temperatura ambiente. Dopo la seconda lievitazione la pasta si stende con il mattarello o con le mani per dare la forma a disco, si condisce con pomodoro, mozzarella, basilico, origano, olio extravergine di oliva e sale e si cuoce. La varietà migliore di pomodori per la pizza è San Marzano ma potete scegliere quelli che più vi piacciono.

La pizza è un alimento calorico, 100 grammi di pizza margherita apportano 270 kcal. L'Istituto Nazionale di Ricerca per gli Alimenti e la Nutrizione ha rilevato che il peso di una pizza margherita è 280-300 grammi, dunque le calorie aumentano e si attestano intorno a 700-800 kcal circa, un intero pasto. Aggiungere altri ingredienti comporta l'aumento dell'apporto calorico. I carboidrati rappresentano il 52% del peso della pizza, le proteine sono il 5,6% mentre i grassi il 5,9% che tradotto in grammi significa: 156 gr di carboidrati, 18 gr di grassi, 24 gr di proteine.

I condimenti della pizza ovvero la mozzarella e il pomodoro apporta sali minerali (calcio, fosforo e potassio), inoltre la pizza è ricca di sodio, una porzione da 100 gr apporta 770 mg di sodio, il 50% della razione giornaliera consentita. Una pizza intera contiene 2 gr di sodio, la quantità giornaliera raccomandata dall'OMS. Chi è a dieta può mangiare la pizza, nella giornata in cui si prevede l'uscita in pizzeria è preferibile fare un pasto leggero a base di verdura e proteine (insalata verde e bresaola) e consumare frutta fresca e secca a merenda (una mela e due noci). La pizza solitamente viene abbinata alla birra, una media bionda apporta 200 kcal circa che, sommate a quelle della pizza, sono circa 900 kcal.

ValeriaM

Laureata in Filologia Classica, da sempre appassionata di scrittura e copywriting. Classe 1989, ama leggere, andare al cinema e a teatro, allevare cani e gatti e mangiare i biscotti di Bellagio.

Ti è piaciuto questo articolo? Commentalo!

Scrivi un Commento