Come cucinare con la pietra ollare

0

La pietra ollare, conosciuta anche come steatite o pietra saponaria, è una roccia metamorfica per cucinare qualsiasi tipo di carne, pesce o verdure. Piastre, pentole e stoviglie di pietra ollare permettono di esaltare i sapori …

La pietra ollare, conosciuta anche come steatite o pietra saponaria, è una roccia metamorfica per cucinare qualsiasi tipo di carne, pesce o verdure. Piastre, pentole e stoviglie di pietra ollare permettono di esaltare i sapori diversi delle pietanze che si portano in tavola.

Stoviglie in pietra naturale- foto lacucinaitaliana.it

La roccia conserva un rapporto esclusivo con le zone del territorio in cui è maggiormente diffusa (Valtellina e Valchiavenna): l’umanista bolognese Leandro Alberti scriveva che “quivi cavansi le pietre da far lavezzi di cuocer i cibi, li quali son portati per tutta Italia” per riferirsi alle pentole in pietra ollare; il naturalista svizzero Johann Jakob Scheuchzer esaltava le sue proprietà salutistiche: “In queste pentole di pietra i cibi cuociono più in fretta e meglio che in altre fatte in ottone, rame o altro metallo; inoltre i cibi mantengono la loro naturale fragranza e non vengono inquinati da sapori estranei”.

Come usare la pietra ollare

Innanzitutto, il primo utilizzo della pietra ollare presenta una serie di operazioni obbligatorie:

  • lavare accuratamente in acqua salata
  • risciacquare in acqua dolce
  • asciugare
  • cospargere la superficie con olio di oliva
  • oleare per almeno 24 ore
  • eliminare l’olio con un panno assorbente

La pietra ollare, dopo il primo utilizzo, deve essere lasciata a raffreddare e successivamente deve essere immersa in acqua tiepida, senza utilizzare alcun detergente o detersivo.

Si usa per cucinare: non bisogna far altro che riscaldare la pietra in modo graduale, cercando di distribuire la fiamma in modo uniforme su tutto il fondo. Una volta raggiunta la temperatura desiderata, sia le piastre che le pentole in pietra ollare mantengono il calore costante per un lungo periodo.

Fettine di vitello, maiale o pollo, pesce spada, tonno, salmone, tomini e verdure miste potranno cuocere sulla pietra naturale antiaderente in modo graduale, senza bruciature e privi dell’aggiunta di grassi come l’olio o il burro.

Dove acquistare la pietra naturale? I maggiori produttori sono attivi soprattutto in Valchiavenna e Valmalenco, ma anche a Sondrio e Morbegno. Ovviamente la rete tende la mano a chi non si ha la possibilità di recarsi direttamente in zona: piastre, stufe e pentole in pietra ollare, pietre ollare su misura e altro su Amazon e piattaforme specializzate. Basta ricordarsi che la pietra ollare presenta prezzi differenti a seconda di misure, forme e store!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759