Mocktail: significato, ricette, idee e abbinamenti

340

I mocktails sono un’alternativa per coloro che desiderano godere dei sapori e delle sensazioni di un cocktail tradizionale senza gli effetti dell’alcol. Scopriamo come preparare un mocktail! Queste bevande hanno guadagnato popolarità, grazie alla crescente …

I mocktails sono un’alternativa per coloro che desiderano godere dei sapori e delle sensazioni di un cocktail tradizionale senza gli effetti dell’alcol. Scopriamo come preparare un mocktail!

Queste bevande hanno guadagnato popolarità, grazie alla crescente richiesta di opzioni analcoliche in un mondo sempre più orientato al benessere.

Che sia per scelta o per necessità, infatti, il mocktail  perfetto per non rinunciare all’aperitivo o alle occasioni in compagnia.

Cosa sono i mocktails: significato e caratteristiche

Partiamo da cosa vuol dire mocktail. Il termine è l’unione di “mok” che vuol dire “falso” e cocktail che vuol dire “drink alcolico”. Quindi si tratta di un “falso cocktail”.

Mocktail è la traduzione di una bevanda analcolica pensata per imitare i sapori e le sensazioni di un cocktail tradizionale. Tuttavia, grazie alla mixology, raggiunge livelli più alti. In alcuni casi può essere anche energizzante o detox.

A differenza di un drink analcolico, questo drink non elimina la componente alcolica, ma la sostituisce con altri ingredienti. Un esempio? Succhi di frutta o purea di frutta e/o verdura.

Essi sono composti da una miscela di ingredienti come succhi di frutta, sciroppi, erbette aromatiche, spezie bibite analcoliche e altri elementi che conferiscono gusto e complessità al drink.

Come creare un mocktail perfetto

mocktail significato
Mocktail all’arancia

Il mocktail perfetto è un drink analcolico gradevole e dissetante, ma richiede qualche piccola accortezza nella preparazione.

Scelta degli ingredienti

I mocktails offrono una vasta gamma di ingredienti per sperimentare: succhi di frutta freschi per ottenere una base di gusto (es. arancia, limone, lime e ananas); sciroppi analcolici per aggiungere complessità (es. sciroppo di menta, sciroppo di ribes nero o succo di zenzero); erbette aromatiche e spezie per aggiungere aroma e freschezza e aroma (es. menta, zenzero e curcuma); bibite analcoliche per conferire effervescenza e un tocco di amarezza (es. soda, ginger beer o acqua tonica).

Bilanciamento dei sapori

Come per i cocktail alcolici, è importante bilanciare i sapori di questo tipo di drink. È necessario trovare la giusta proporzione di dolce, acido e amaro per creare una bevanda equilibrata e gustosa.

Presentazione

I migliori mocktails sono presentati alla perfezione. In tal senso occorre usare bicchieri adatti e guarnizioni creative, come fette di frutta, foglie di menta o scorza di agrumi.

Ricetta: Virgin Daiquiri Mocktail

Lo Shriley Temple è stato il primo mocktail in assoluto (Ginger Ale e granatina), poi seguito dal Roy Roger (Coca Cola e granatina) e il San Francisco (succhi di arancia, limone, pompelmo e ananas e granatina). Tuttavia la lista è infinita.

Per capire cosa sono i mocktails fino in fondo e cosa aspettarsi, ti proponiamo la ricetta del Virgin Daiquiri Mocktail, la versione analcolica del Daiquiri.

Ingredienti

  • 50 ml di succo d’uva bianca
  • 20 ml di succo di lime appena spremuto
  • 15 ml di sciroppo semplice
  • Ghiaccio
  • Buccia di lime per guarnire

Procedimento

  • Raffreddare un bicchiere alto.
  • Versare ghiaccio, succo d’uva bianca, succo di lime e sciroppo semplice in uno shaker e agitare energicamente per 10-15 secondi.
  • Filtrare il tutto nel bicchiere ghiacciato.
  • Decorare con una scorza di lime.

Mocktail: ricette e idee

mocktail ricette
Mocktails

Ci sono numerose varianti di questi cocktail analcolici, ognuna con la sua combinazione di ingredienti e sapori unici. Ecco cosa bere ad un aperitivo analcolico:

  • Virgin Mojito – Basta schiacciare la menta fresca con lo zucchero di canna e il succo di lime e aggiungere soda e ghiaccio.
  • Pina Colada Analcolica – È sufficiente frullare succo di ananas, latte di cocco, crema di cocco con il ghiaccio e servire.
  • Sparkle Berry – Bisogna schiacciare i mirtilli e i lamponi fino a creare una purea, aggiungere il succo di mirtillo e completare con soda e ghiaccio.
  • Cucumber Mint Cooler -È necessario frullare cetriolo e menta con il succo di lime, aggiungere ghiaccio e soda e servire.
  • Ginger Beer Fizz – Non bisogna far altro che mescolare il succo di limone e lo zenzero fresco grattugiato con la ginger beer e servire con ghiaccio.
  • Tropical Sunrise – Per il Tropical Sunrise bisogna mescolare i succhi d’arancia e di ananas con la granatina e servire con ghiaccio.
  • Matcha Mint Cooler – Questo mocktail si prepara mescolando il latte di mandorle con la polvere di matcha e la menta fresca e aggiungendo ghiaccio a sufficienza.

Questi sono solo alcuni esempi, ma le possibilità sono praticamente infinite. Con un po’ di creatività e la giusta combinazione di ingredienti, si possono creare mocktails che soddisfano i gusti di tutti.

Mocktail: ci sono rischi?

La presenza di frutta e/o verdura e l’assenza di alcol fanno pensare ai mocktails come a bevande salutari da consumare senza particolare attenzione.

In realtà, complice la presenza di bevande zuccherine, sciroppi e succhi di frutta, la quota di zuccheri potrebbe crescere a tal punto da non renderli più “salutari”.

Non bisogna rinunciare al mocktail. Sarà sufficiente dosare gli ingredienti al meglio ed evitare l’eccesso di zuccheri (e calorie). Per il resto, è una bevanda adatta a tutti.

Mocktail e abbinamenti a tavola

Accompagnare i mocktails con il cibo può arricchire l’esperienza di degustazione e creare un perfetto equilibrio di sapori. Ecco alcune idee per abbinarli con deliziosi spuntini:

  • Antipasti leggeri – Bruschette con pomodori freschi e basilico, insalata caprese o involtini di melanzane.
  • Frutta fresca e formaggio – Un vassoio di frutta fresca con formaggi assortiti come formaggio di capra, brie o gorgonzola.
  • Frutta secca e noci – Mix di frutta secca come noci, mandorle e nocciole, magari tostate o aromatizzate.
  • Sushi e roll vegetariani – Sushi, maki o roll vegetariani con avocado, cetriolo e altre verdure.
  • Insalate creative – Insalate miste con ingredienti come frutta fresca, noci tostate e formaggio.
  • Hummus e verdure crude – Hummus con carote, sedano, peperoni e cetrioli tagliati a bastoncini.
  • Piatti mediterranei – Insalata greca, falafel o tzatziki con pane pita.
  • Insalate di cereali e legumi – Sì alle insalate di farro, quinoa o ceci con verdure e erbe aromatiche.
  • Sformati e torte salate – Sformati di verdure, torte salate o quiche con ingredienti a scelta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759
Non perderti le ultime novità! Vuoi ricevere una notifica quando pubblichiamo un'aggiornamento? No, grazie Sì, certo