Come preparare l’uva passa in casa

Pubblicato da: Myriam Amato - il: 10-10-2017 9:17 Aggiornato il: 06-10-2017 16:21

L’ uva passa è un goloso spuntino naturale e un ingrediente che arricchisce diverse ricette con un sapore dolce e delicato. Chi non ha mai mangiato un panettone o uno strudel con l’uvetta secca?

Uvetta- foto inran.it

I deliziosi chicchi piccoli dell’uva senza semi di color marroncino sono il risultato di un processo di essiccazione che coinvolge un particolare tipo di uva.

Uva sultanina

Non sempre l’uva passa può essere chiamata uva sultanina perché questo tipo di denominazione spetta solo a un particolare tipo di uva bianca che viene coltivata in Oriente e in particolare in Turchia, Grecia e Iran.

Il colore verde intenso di questi acini di uva diventa prima ambrato e poi marroncino appena il processo di essicazione risulta terminato.

Come preparare l’ uva passa in casa

Ma come fare l’ uva passa in casa? Bisogna munirsi di una buona dose di pazienza e qualche sforzo extra e avere a disposizione una buona materia prima (uva sultanina, uva passolina, uvetta di Zante, uva Malaga, uva di Corinto, uva di Smirne e simili) e un luogo asciutto con una buona temperatura dove far essiccare l’uva.

Non resta che scoprire come preparare l’ uva passa fatta in casa:

  • Lavare l’uva e asciugare ogni acino in modo da non far restare traccia di umidità
  • Essiccare l’uva a grappoli oppure staccare gli acini dai raspi e riporli su un vassoio
  • Tenere l’uva in un luogo asciutto e caldo (cucina o solaio)
  • Lasciarla essiccare per diverse settimane
  • Conservare l’uva in barattoli di vetro o sacchetti di carta

A cosa serve?

Siamo abituati a pensare erroneamente all’uva secca come un ingrediente perfetto per preparazioni dolci come biscotti, torte e panettoni. Eppure è possibile creare molte ricette salate con l’ uva passa. Come si fa?

L’uva passa può essere usata nell’impasto del pane, abbinata con verdure come spinaci o broccoli e combinata con sapori decisi e forti come alici o baccalà. Un esempio? Ecco la ricetta dei pomodori gratinati con uvetta e pinoli.

Ricetta pomodori gratinati con uvetta e pinoli

Ingredienti 6 persone

  • 6 pomodori medi
  • 50 g grissini
  • 25 g pinoli
  • 10 g uvetta
  • 1 filetto di acciuga
  • prezzemolo q.b.
  • olio extravergine di oliva q.b.
  • pepe q.b.
  • sale q.b.

Preparazione

  • Lavare i pomodori, eliminare il picciolo e tagliarli a metà in modo orizzontale
  • Disporre i mezzi pomodori con la polpa rivolta verso l’alto su una placca coperta con carta da forno, condirli con un pizzico di sale e un filo di olio extravergine di oliva e infornarli a 200 °C per 15 minuti
  • Sminuzzare i grissini e metterli in una ciotola
  • Aggiungere l’uvetta, i pinoli e un filetto di acciuga tritati, un ciuffetto di prezzemolo sminuzzato e un cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • Mescolare il composto e aggiustare di sale e pepe
  • Sfornare i pomodori e cospargerli con il trito aromatico
  • Infornare nuovamente i pomodori sotto il grill per almeno 3-4 minuti fino a farli gratinare
  • Sfornare i pomodori gratinati con uvetta e pinoli e servire in tavola
Myriam Amato

Laureata in Informazione e sistemi editoriali, lettrice ostinata e appassionata di ricette tradizionali e nuovi orizzonti culinari.

Ti è piaciuto questo articolo? Commentalo!

Termini di ricerca:

  • come fare luva passa