Il cerfoglio in cucina

0

Il cerfoglio è una pianta erbacea annuale tipica del Mediterraneo, con foglie frastagliate e piccoli ombrelli di fiori bianchi. Per le sue caratteristiche è apprezzato fin dall’antichità dalla medicina popolare ed è molto utilizzato in …

Il cerfoglio è una pianta erbacea annuale tipica del Mediterraneo, con foglie frastagliate e piccoli ombrelli di fiori bianchi.

Per le sue caratteristiche è apprezzato fin dall’antichità dalla medicina popolare ed è molto utilizzato in cucina per il suo aroma. Foglie e fiori, infatti, si possono tritare e aggiungere a insalate, risotti, pesce, carni bianche, e minestre (a fine cottura). Le foglie secche sono anche utilizzate per preparare tisane depurative, digestive e diuretiche.

In cucina generalmente si preferisce utilizzare la pianta fresca perchè durante il processo di essiccazione il cerfoglio perde parte delle sue proprietà.

Il suo aroma particolare, tra anice e prezzemolo con un leggero richiamo di liquirizia, è utilizzato anche con i formaggi freschi, nelle omelette e nelle uova strapazzate.

Come molte altre erbe profumate, il cerfoglio è utilizzato anche per insaporire il burro da utilizzare poi nelle varie ricette.

Per prepararlo occorre innanzitutto un burro di buona qualità: si lascia ammorbidire a temperatura ambiente e poi si mescola al cerfoglio tritato, al pepe macinato, ad un pizzico di sale e a qualche goccia di limone.

Il burro al cerfoglio può essere utilizzato per la cottura delle verdure, degli scampi alla griglia, delle paste ripiene o negli antipasti, spalmato sulle fette di pane fresco condite con pomodorini e olive snocciolate.

CURIOSITA’
Nel linguaggio delle piante, il cerfoglio è simbolo di sincerità, perchè il suo aroma intenso non può essere mascherato anche se usato in piccole quantità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759