Come aprire le ostriche

0

Nell’immaginario comune sono un potente afrodisiaco, ma quando non svolgono questo ruolo allietano occasioni speciali e cene conviviali. Le ostriche sono una vera prelibatezza che arriva direttamente dal mare, un frutto di mare gustoso e …

Nell’immaginario comune sono un potente afrodisiaco, ma quando non svolgono questo ruolo allietano occasioni speciali e cene conviviali. Le ostriche sono una vera prelibatezza che arriva direttamente dal mare, un frutto di mare gustoso e profumato che pone diverse domande. Scopriamo come aprire le ostriche!

Ecco come aprire le ostriche- foto amando.it

Esistono varie specie di ostriche, riconducibili a tre tipologie ovvero ostrica piatta, ostrica portoghese e ostrica giapponese. Ognuna di queste varietà mantiene caratteristiche diverse: l’ostrica piatta presenta una forma ovale e dimensioni variabili (10-15 cm di grandezza), l’ostrica portoghese si mostra allungata nella forma e l’ostrica giapponese realizza una forma concava e lamelle esteriori molto evidenti.

Marennes, Belon, Gauloise, Ustra Béla, Gillardeau, La Maison Grand Cru, Tsarksaya e La Perle de l’Imperatrice lasciano spazio a una questione piuttosto spinosa, la parte più complicata che riguarda l’apertura delle ostriche.

Come aprire le ostriche: ecco un metodo sicuro!

Come si aprono le ostriche? Per aprire i gustosi molluschi basta prendere un coltello corto e robusto o un coltello per ostriche (simile a quello del parmigiano), proteggere la mano che mantiene l’ostrica con un guanto spesso, infilare la punta del coltello tra le valve (nella particolare cerniera), ruotare la lama prima a destra e poi a sinistra e fare leva sulla conchiglia finché non si schiude.

A questo punto per l’apertura delle ostriche sarà necessario staccare la valva piatta superiore, recidere il muscolo che tiene unite le due valve e continuare ad allargare le conchiglie fino a staccare quella piatta da eliminare.

L’ultimo passo per aprire le ostriche è quello di posare la conchiglia con il mollusco sul tagliere e fare scorrere la lama sotto per staccarlo.

È un impresa capire come mangiare le ostriche. La maggior parte delle volte questo frutto di mare afrodisiaco viene gustato rigorosamente crudo per esaltare il suo sapore caratteristico. Per chi non riesce a rinunciare alla combinazione di diversi sapori esistono diversi tipi di cotture in grado di esaltarne il gusto e la fragranza. Come cucinare le ostriche? Semplicemente gratinandole con olio, pan grattato e prezzemolo oppure con un mix di groviera, tuorlo o besciamella. L’unico limite è l’immaginazione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759