Come chiudere i cappelletti

Pubblicato da: Myriam Amato - il: 22-10-2019 7:02 Aggiornato il: 22-10-2019 15:47

I cappelletti sono tipici della Romagna e la loro versatilità ha conquistato il mondo. Ma sappiamo davvero come chiudere i cappelletti?

Cappelletti- foto it.wikipedia.org

La ricetta dei cappelletti richiede una sfoglia a base di uova, farina e olio, un ripieno goloso e una chiusura a regola d'arte.

Anche se i cappelletti racchiudono un ripieno a base di carne e formaggio, esistono diverse varianti della ricetta: cappelletti romagnoli con mortadella, cappelletti romagnoli al ragù, capelletti in brodo e così via.

Gli amanti della pasta fresca devono sapere come chiudere i cappelletti prima ancora di scoprire i cappelletti e le ricette del condimento (es. ricetta del ripieno dei cappelletti romagnoli al formaggio)o come cucinare i cappelletti.

La passione e la voglia di sperimentare in cucina non sono sufficienti per dire di aver portato in tavola un piatto impeccabile.

Fare i cappelletti fatti in casa

I cappelletti o “caplet” presentano una forma rotonda che ricorda il cappello medievale con fascia asimmetrica imbottita che si usava in quegli anni.

Diversamente dai tortellini, però, i cappelli sono leggermente più grandi e presentano ripieni variabili in base alle tradizioni regionali e ai gusti personali.

Basta miscelare farina e uova (un uovo per ogni 100 g di farina) e un po' di olio extravergine di oliva per ottenere un composto liscio e omogeneo che deve riposare per almeno 30 minuti.

A questo punto occorre dividere il composto in parti uguali, stendere ogni parte, tagliare la sfoglia con una rotella prima a strisce e dopo a quadrati e inserire al centro un cucchiaio di ripieno.

I cappelletti vanno chiusi a triangolo e lasciati riposare su un vassoio foderato con carta forno appena infarinata.

Come chiudere i cappelletti

A rendere i cappelli quei piccoli fagottini golosi è sicuramente la chiusura tanto precisa quanto perfetta.

Se la pasta si presenta troppo secca e si teme la sua apertura in cottura allora è meglio bagnare il bordo con una goccia di acqua per chiudere la sfoglia.

Tutto quello che bisogna fare è prendere un cappelletto, avvicinare le due estremità che si trovano alla base del triangolo, sovrapporle delicatamente e schiacciare con le dita per saldarle.

L'ultimo passaggio per ottenere dei cappelletti tradizionali è necessario girare le due punte del cappelletto verso l'alto.

Myriam Amato

Laureata in Informazione e sistemi editoriali, lettrice ostinata e appassionata di ricette tradizionali e nuovi orizzonti culinari.

Ti è piaciuto questo articolo? Commentalo!

Scrivi un Commento