Come sfilettare il pesce

Pubblicato da: Myriam Amato - il: 30-08-2018 7:39 Aggiornato il: 21-08-2018 11:42

Il pesce da sfilettare rappresenta una delle prove culinarie più temibili sia per i neofiti della cucina che i più esperti. Oggi scopriamo come sfilettare il pesce per dar vita a qualsiasi ricetta!

Sfilettare il pesce- foto scattidigusto.it

Sfilettare il pesce è la tecnica delicata che consente tagliare il pesce a filetti, una missione che può essere superata semplicemente tenendo ben a mente alcuni passaggi.

Chiaramente ogni pesce può richiedere un'attenzione particolare in quanto un pesce nasello si presenta strutturalmente differente rispetto a un pesce spigola, un pesce sogliola o un altro tipo di pesce.

L'unico modo per riuscire a sfilettare il pesce e portare in tavola un secondo piatto invidiabile è seguire tutte le fasi di pulitura e sfilettatura a regola d'arte.

Come sfilettare il pesce

Come pulire e sfilettare il pesce? Basta far luce su tutti i trucchi su come sfilettare il pesce in modo corretto e iniziare a sperimentare per prendere confidenza con la tecnica in vista di un'occasione speciale.

Spellare

La prima fase di spellatura permette di preparare il pesce perfettamente pulito, privo di pelle o scorie per la fase successiva. L'operazione deve essere eseguita su tutti i pesci tondi come il branzino, l'orata, la triglia o il salmone!

Pulire

La fase di toelettatura prevede l'eliminazione delle pinne del pesce (pinne poste sui fianchi, sul dorso e sulla pancia) con l'ausilio di un paio di forbici da cucina.

Squamare

Questa fase richiede passaggi semplici e precisi: appoggiare il pesce su un piano di lavoro, mantenere la testa con una mano, impugnare un coltello nell'altra mano e raschiare il pesce seguendo dei piccoli movimenti rettilinei che vanno dalla coda alla testa per eliminare ogni squama presente.

Eviscerare

La rimozione delle parti interne del pesce rappresenta un passaggio fondamentale che non può essere trascurato.

In questo caso è importante incidere l'intestino con una forbice e proseguire fino alla parte finale del ventre, eliminando le branchie poste nella testa, le estremità e facendo attenzione a fare leva con il dito indice per rimuovere le stesse.

Va da sé che alla fine di questo step è importantissimo lavare il pesce sotto l'acqua corrente, cercando di eliminare ogni possibile residuo sanguinante del pesce.

Sfilettare

A questo punto non bisogna far altro che asciugare il pesce con della carta assorbente, appoggiarlo sul tagliere e iniziare a sfilettarlo.

È sufficiente incidere la parte posteriore della testa del pesce con un coltello flessibile (attrezzo per sfilettare il pesce) e procedere con un taglio netto sul dorso vicino alla pinna centrale, facendo scorrere la lama fino alla coda e posizionando il coltello con un'angolazione di 45 gradi.

Successivamente occorre rimuovere la polpa vicina alla lisca centrale, raggiungendo le lische della pancia ed eseguendo la stessa operazione sull'altro lato del pesce.

Rifinire

Dopo aver ricavato due filetti, è imprescindibile diliscare il filetto con una pinzetta e rimuovere le lische della pancia con un coltello.

Myriam Amato

Laureata in Informazione e sistemi editoriali, lettrice ostinata e appassionata di ricette tradizionali e nuovi orizzonti culinari.

Ti è piaciuto questo articolo? Commentalo!

Scrivi un Commento

Termini di ricerca:

  • sfilettare e cucinare il pesce
  • spellare il pesce