Insalata di mare: ricetta, condimento ed errori

Pubblicato da: Myriam Amato - il: 12-07-2019 6:43 Aggiornato il: 09-07-2019 12:51

L'insalata di mare è un piatto che non conosce stagioni, dall'insalata di mare estiva all'insalata di mare natalizia. Ma sappiamo come non commettere errori?

Insalata di pesce- foto piattoforte.it

C'è chi preferisce soluzioni surgelate (es. insalata di mare Findus o Arbi) e chi sperimenta ingredienti extra per un'insalata di mare alternativa.

Insomma questo piatto può essere un ottimo antipasto di mare o un secondo alternativo e sembra mettere tutti d'accordo a tavola, tranne i vegetariani e i vegani ovviamente.

Insalata di mare: Ricetta base

La ricetta dell'insalata di mare si presta a numerose varianti e questo lascia spazio a un'insalata di mare economica o una versione gourmet.

Questo piatto non è altro che un mix di sapori e consistenze: gamberi, polpo, calamari, vongole, cozze e polpa di granchio. Tutto modificabile in base ai gusti personali!

Varianti della ricetta a parte, resta indispensabile prestare attenzione alla pulizia e alla cottura dei diversi ingredienti.

Per prima cosa bisogna pulire i gamberi togliendo la testa, la coda e il carapace, sciacquare le cozze sotto acqua corrente e rimuovere barbetta e impurità e lavare e pulire le vongole (facendo attenzione all'eventuale presenza di sabbia).

A questo punto si può procedere con i calamari, staccando loro la testa, la pelle e la cartilagine, sciacquandoli e tagliandoli a rondelle.

Arriva il turno del polpo. Il mollusco deve essere sciacquato sotto acqua corrente, asciugato con carta da cucina, pulito (eliminando occhi, becco, interiora e pelle) e lavato con cura.

È il momento della cottura: cuocere il polpo in acqua bollente per 30 minuti a fuoco basso con un coperchio, bollire i calamari per 10 minuti e i gamberi per qualche minuto e rosolare le cozze in padella con olio EVO e spicchio d'aglio.

Tutto il pesce deve essere riposto in un contenitore e deve raffreddarsi completamente prima di passare al condimento. La regola non vale per chi preferisce l'insalata tiepida di mare!

Come condire l'insalata di mare

Non c'è insalata di pesce senza condimento a base di succo di limone, olio extravergine di oliva e trito di prezzemolo oppure odori vari.

È sufficiente miscelare gli ingredienti (frullandoli o mischiandoli a mano), versare il condimento sul pesce e mescolare gli ingredienti. Il mix goloso deve riposare almeno 30 minuti prima di essere assaporato!

Insalata di mare: Conservazione

Forse i più golosi la gusteranno tutta fino all'ultimo boccone, ma per completezza dobbiamo dire che l'insalata di pesce può essere conservata in frigo per due giorni soltanto se viene coperta con pellicola o posta in un contenitore con chiusura ermetica.

Insalata di mare: Calorie

È un piatto ideale anche per chi è a dieta. Perché? Le calorie dell'insalata di mare sono talmente ridotte (177 calorie ogni 100 grammi) da rendere il piatto decisamente light.

3 Errori da non fare

La ricetta dell'insalata di pesce lascia intuire gli errori più comuni in cui si può incappare preparando questa delizia a base di mare.

  1. Pesce non freschissimo

Un'insalata di mare surgelata, seppur di qualità, non potrà essere mai paragonata a un'insalata preparata con pesce fresco e di qualità.

Se proprio non si ha la possibilità di trovare ingredienti freschi allora occorre scongelare il preparato qualche ora prima, cuocere il tutto per 15-20 minuti, scolare, lasciare raffreddare e condire.

  • Cottura unica

Questo piatto contiene così tanti ingredienti diversi che non può prevedere una cottura unica. Ognuno di loro richiede un trattamento differente.

  • Odori mancanti

Pensare che il pesce sia sufficiente per dare gusto al piatto è un grave errore. Gli odori possono fare la differenza!

Myriam Amato

Laureata in Informazione e sistemi editoriali, lettrice ostinata e appassionata di ricette tradizionali e nuovi orizzonti culinari.

Ti è piaciuto questo articolo? Commentalo!

Scrivi un Commento