Tutte le differenze tra Parmigiano Reggiano e Grana Padano

Pubblicato da: Myriam Amato - il: 01-06-2017 7:56 Aggiornato il: 26-05-2017 17:59

Buoni, stagionati e avvolgenti. Il Parmigiano Reggiano e il Grana Padano sono due eccellenze italiane a livello mondiale, due formaggi dal sapore inconfondibile e dalla consistenza solida e granulosa. Ma come riconoscere le differenze tra Parmigiano Reggiano e Grana Padano? Scopriamole insieme.

Differenze tra Parmigiano Reggiano e Grana Padano- foto checucino.it

  1. Questi formaggi italiani a pasta dura nascono da anni e anni di tradizione ad opera dei monaci benedettini.
  2. I formaggi D.O.P. conservano peso, forma e pasta granulosa identici.
  3. Il Parmigiano Reggiano e il Grana Padano si differenziano per il prezzo.
  4. La lavorazione del latte, l’alimentazione delle vacche e la stagionatura rappresentano le maggiori differenze tra Parmigiano Reggiano e Grana Padano.
  5. Il Grana Padano viene prodotto in 32 province di 5 regioni italiane (Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna, Trentino Alto Adige).
  6. Il Parmigiano Reggiano nasce solo in Emilia Romagna (province di Parma, Reggio Emilia, Bologna e Modena).
  7. Le vacche che danno origine al Parmigiano Reggiano vengono nutrite esclusivamente di erbe provenienti dalla zona di produzione del formaggio.
  8. Le bovine da cui trae origine il Grana Padano possono nutrirsi anche di foraggi di provenienza diversa.
  9. La lavorazione costituisce una delle più grandi differenze tra Parmigiano Reggiano e Grana Padano: il primo può essere prodotto solo con una lavorazione giornaliera mentre il secondo può essere prodotto con due lavorazioni giornaliere.
  10. Se per la produzione del Grana Padano è ammessa la lisozima (proteina naturale estratta dall’albume dell’uovo), la produzione del Parmigiano Reggiano ne vieta l’uso.
  11. È chiaro che questi formaggi conquistano sapori diversi: il Parmigiano conserva un sapore complesso, rotondo e deciso mentre il Grana Padano è più delicato e morbido.
  12. Il diverso processo di lavorazione riserva diversi aspetti nutrizionali: il Grana Padano possiede una percentuale inferiore di grassi, dovuta alla scrematura di entrambe le munte utilizzate.
  13. Ecco il fattore stagionatura: il Grana Padano stagiona dai 9 mesi fino ad un massimo di 24 mesi, mentre il Parmigiano Reggiano deve stagionare almeno 12 mesi, un tempo che può prolungarsi fino ai 36 mesi ed oltre.
Myriam Amato

Laureata in Informazione e sistemi editoriali, lettrice ostinata e appassionata di ricette tradizionali e nuovi orizzonti culinari.

Ti è piaciuto questo articolo? Commentalo!

Scrivi un Commento

Termini di ricerca:

  • cucina ricette riso rosso
  • Grana Padano mail