Gulash vegano (seitan e funghi)

Pubblicato da: Myriam Amato - il: 12-06-2019 10:49

Il gulash vegano non è altro che una variante vegan a base di seitan con funghi che non ha nulla da invidiare alla pietanza tradizionale ungherese.

Seitan- foto healthremediesforlife.com

La carne viene sostituita con il seitan (alternativa proteica ricavata dal glutine del grano o altri cereali) e tutti gli altri ingredienti (verdure e funghi) vengono trattati secondo la filosofia culinaria vegana.

Non resta che scoprire come preparare il gulash vegano in questa versione con seitan con funghi e senza salsa di pomodoro!

Ingredienti per 4 persone

  • 700 g seitan
  • 280 g di funghi misti
  • 120 g castagne lesse
  • 2 spicchi d'aglio
  • 2 cipolle
  • 300 ml di brodo vegetale
  • 300 ml di panna vegetale
  • 3 cucchiai di farina
  • 2 cucchiai di paprika in polvere
  • 2 cucchiai di timo tritato pepe
  • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • pepe q.b.
  • sale q.b.

Preparazione gulash vegano

Il gulash vegano promette di portare in tavola un tripudio di sapori e odori che regge perfettamente il confronto con il gulash ungherese. Ecco come procedere:

  • Prendere il seitan e tagliarlo a strisce o a fettine sottili
  • Pulire i funghi e tagliarli a metà o lasciarli interi a seconda del gusto e della loro grandezza
  • Tagliare le castagne lesse a pezzi piccoli
  • Sbucciare l'aglio e la cipolla e tritarli finemente
  • Versare un filo di olio in una padella e rosolare il seitan per qualche minuto
  • Aggiungere un pizzico di sale e pepe, togliere il seitan dalla padella e metterlo da parte
  • Versare le castagne e i funghi nella padella, lasciare rosolare per pochi minuti e metterli da parte
  • Soffriggere il trito di cipolle e versare prima la farina e dopo il brodo vegetale
  • Aggiungere la panna vegetale e lasciare addensare il tutto per 10 minuti
  • Unire il seitan, le castagne, i funghi e il rimo tritato, aggiungere la paprika e lasciare andare sul fuoco per 5-10 minuti
  • Impiattare e servire il gulash vegano
Myriam Amato

Laureata in Informazione e sistemi editoriali, lettrice ostinata e appassionata di ricette tradizionali e nuovi orizzonti culinari.

Ti è piaciuto questo articolo? Commentalo!

Scrivi un Commento