Garcinia Cambogia: non dimagrisco? Una questione di cervello!

639

Dimagrire non dipende solo dalla dieta. Ci sono comportamenti che possono aiutarci a perdere peso senza vivere con ansia la bilancia. È il caso della Garcinia Cambogia! Se avete deciso di affrontare una dieta dimagrante, …

Dimagrire non dipende solo dalla dieta. Ci sono comportamenti che possono aiutarci a perdere peso senza vivere con ansia la bilancia. È il caso della Garcinia Cambogia!

Se avete deciso di affrontare una dieta dimagrante, sicuramente non si tratta “solo” di perdere peso: lo state facendo per migliorare la vostra autostima. Oppure, perché cercate di rendervi interessanti agli occhi di una persona che vi attrae. O ancora, puntate a raggiungere un risultato sportivo che i chili di troppo vi negano.

Per fortuna, la natura continua a svelare i suoi segreti più preziosi per il benessere umano, e uno di questi è la Garcinia Cambogia, un frutto che sta guadagnando popolarità per le sue potenziali proprietà benefiche.

Qual è il ruolo del cervello nel percorso dimagrante?

Iniziamo col dire che il cervello svolge un ruolo fondamentale nel percorso per dimagrire, poiché è il centro di controllo per molte delle nostre azioni, decisioni e comportamenti legati all’alimentazione e all’attività fisica.

  • Regolazione dell’appetito e della sazietà – Il cervello regola i segnali di fame e sazietà attraverso complessi meccanismi neurologici che coinvolgono ormoni come la leptina e la grelina. Questi segnali influenzano la nostra percezione del cibo e la quantità che mangiamo.
  • Controllo degli impulsi – Contribuisce alla regolazione degli impulsi e delle abitudini legate all’alimentazione. Può essere influenzato da fattori come lo stress, l’ansia e l’umore, che possono portare a comportamenti alimentari impulsivi o emotivi.
  • Motivazione e autocontrolloÈ responsabile della motivazione e dell’autocontrollo necessari per mantenere uno stile di vita sano e adottare abitudini alimentari e comportamentali positive.
  • Gestione dello stress – Il cervello gioca un ruolo chiave nella gestione dello stress, che può avere un impatto significativo sui comportamenti alimentari, come il ricorso a cibi ad alto contenuto calorico per affrontare le emozioni negative.

Come allenare il cervello per dimagrire

Allenare il cervello per dimagrire è un approccio efficace che si concentra sull’adottare strategie mentali per modificare i comportamenti alimentari e lo stile di vita, migliorando così le probabilità di successo nel raggiungere e mantenere un peso corporeo sano.

Per esempio, a proposito di pianificazione, tenete presente che intraprendere attività utili (spesso necessarie) come fare ordine sulla scrivania o in casa predispone il cervello verso la scelta di cibi sani: disordine e cibo spazzatura sono due facce della stessa medaglia.

Sempre in termini di ordine, quando acquistate qualcosa, cercate di pagare in contanti. Per un semplice motivo: vedere le banconote che escono dal portafoglio aiuta ad essere parsimoniosi e ci evita di acquistare cose di cui non abbiamo bisogno, cibarie incluse.

Per allenare il cervello nella scelta, eccovi un consiglio semplice che chiunque può mettere in pratica: durante la settimana scrivete in una lista tutti gli alimenti che intendete acquistare senza pensare troppo se siano, o meno, adatti. Prima di uscire per la spesa, esaminate l’elenco e depennate tutto ciò che va contro una dieta sana ed equilibrata. 

Preparate sempre con cura la tavola, non lasciate nulla al caso e, se potete, utilizzate piatti rossi: pare che questo colore aiuti il cervello nell’innescare lo stimolo del senso di sazietà. Cercate di sedervi sempre a capotavola o, comunque, nel punto più lontano dai fornelli: sarete obbligati ad alzarvi per recuperare le pietanze o il cestino del pane e, per questo, potreste evitare di cadere della tentazione del bis!

Garcinia Cambogia: a cosa serve?

garcinia cambogia cosa serve

La Garcinia Cambogia è un frutto a a forma di zucca originario delle regioni tropicali dell’Asia, come l’Indonesia e l’India.

È stata usata per secoli nelle tradizioni culinarie e medicinali di queste aree, ma solo di recente ha catturato l’attenzione dell’Occidente per le sue potenziali proprietà. A cosa serve la Garcinia Cambogia?

  • Controllo dell’appetito: Si ritiene che l’acido idrossicitrico (HCA) contenuto possa influenzare la produzione di serotonina nel cervello, il che potrebbe aiutare a ridurre l’appetito e l’assunzione di cibo.
  • Promozione della perdita di peso: Alcuni studi preliminari suggeriscono che potrebbe aiutare a bloccare la sintesi dei grassi, portando potenzialmente a una maggiore perdita di peso quando combinato con una dieta equilibrata e un’attività fisica regolare.
  • Gestione del glucosio nel sangue: Alcune ricerche suggeriscono che lpotrebbe contribuire a migliorare la sensibilità all’insulina e a regolare i livelli di zucchero nel sangue.
  • Effetti antiossidanti: Gli antiossidanti naturali possono aiutare a combattere lo stress ossidativo nel corpo e a proteggere le cellule dai danni causati dai radicali liberi.

Garcinia Cambogia: funziona?

garcinia cambogia per dimagrire

L’espressione “diete per dimagrire” non è sinonimo di fatica e rinunce: se siete assaliti dalla fame, distraete il cervello con i videogiochi (non subito dopo i pasti, possibilmente), concedetevi un po’ di tempo per leggere, guardate un film o fate qualcosa che vi interessi davvero. Troppo spesso, per noia, si tende a mangiare fuori pasto e il surplus di calorie si trasforma proprio in quei rotolini di grasso che vorreste eliminare.

Nel caso la fame tornasse a riproporsi, specie con episodi di fame nervosa, perché non provare con la frutta? L’estratto della buccia di Garcinia Cambogia viene utilizzato soprattutto come ingrediente negli integratori dimagranti. Non bisogna dimenticare che l’acido idrossicitrico (HCA) è molto diffuso in cucina!

La Garcinia Cambogia Pura, per esempio, è un integratore creato con i principi attivi del frutto del sud-est asiatico per potenziare le proprietà nutrizionali. Va da sé che la Garcinia Cambogia funziona, infatti, come un potente anti-fame naturale, per resistere alle tentazioni più… caloriche! Riferimenti importanti su http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/9820262 (Istituto di Medicina e Salute e Libreria Nazionale US).

Quanta Garcinia assumere per dimagrire? La quantità di da assumere può variare a seconda di diversi fattori, tra cui il dosaggio raccomandato del prodotto, la concentrazione di acido idrossicitrico (HCA), il peso corporeo e la risposta del corpo . Tuttavia, la maggior parte degli studi ha utilizzato dosaggi compresi tra 500 mg e 1500 mg di Garcinia Cambogia al giorno.

La Garcinia Cambogia e le opinioni e i consigli per dimagrire in modo intelligente consentono di vedere premiare gli sforzi: più rilassati, potrete finalmente dormire il sonno dei giusti (se riuscite, fatelo almeno 8 ore per notte perché aiuta a bruciare i grassi) e ricordate di non superare i 20°C in camera da letto. Il freddo conserva e, in questo caso, vi aiuta a bruciare qualche caloria mentre vi godete il riposo!

Garcinia Cambogia: dopo quanto fa effetto?

Garcinia Cambogia: perché non dimagrisco? È questo quello che si chiedono in tanti nelle prime settimane.

In realtà, la Garcinia Cambogia può iniziare a mostrare effetti significativi sulla perdita di peso dopo circa 4-8 settimane di assunzione regolare.

Tuttavia le tempistiche dipendono da vari fattori, come il dosaggio e la concentrazione di HCA, nonché dallo stile di vita complessivo e dalla dieta.

Garcinia Cambogia: ci sono controindicazioni?

Ci alcune controindicazioni e precauzioni da considerare prima di prendere la Garcinia Cambogia.

  1. Problemi epatici: Garcinia Cambogia e fegato. Ci sono state segnalazioni di problemi epatici associati all’assunzione di integratori contenenti Garcinia Cambogia. Quindi, le persone con malattie epatiche preesistenti o con un rischio aumentato di problemi epatici dovrebbero evitare l’uso di questo supplemento.
  2. Reazioni allergiche: Alcune persone potrebbero essere allergiche alla Garcinia Cambogia o ad altri ingredienti presenti negli integratori. È importante prestare attenzione a eventuali reazioni avverse, come eruzioni cutanee, prurito o difficoltà respiratorie, e interrompere l’uso se si verificano sintomi allergici.
  3. Effetti collaterali gastrointestinali: L’uso di questo tipo di prodotti potrebbe portare effetti collaterali gastrointestinali, come nausea, diarrea o disturbi dello stomaco.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759
Non perderti le ultime novità! Vuoi ricevere una notifica quando pubblichiamo un'aggiornamento? No, grazie Sì, certo