La friggitrice ad aria fa male alla salute? Fa bene o male a seconda dell’uso. Ecco cosa sapere!

0

La frittura nella friggitrice rende tutto più goloso, ma pone in essere diverse questioni riguardanti la salute spingendo verso una scelta diversa. Ma la friggitrice ad aria fa male? CONSIGLIO DEL GIORNO Guadagnare copiando gli …

La frittura nella friggitrice rende tutto più goloso, ma pone in essere diverse questioni riguardanti la salute spingendo verso una scelta diversa. Ma la friggitrice ad aria fa male?

Le pietanze fritte piacciono a tutti, soprattutto se la frittura viene preparata ad hoc usando la friggitrice. Eppure l’uso di olio e il metodo di cottura aprono diverse questioni.

Il fatto che frittura aumenti l’apporto di lipidi e finisca per sovraccaricare il processo digestivo spinge verso un modello diverso, la friggitrice ad aria.

Il suo punto di forza è la capacità di rendere tutto buono e light, permettendo un consumo maggiore di calamari fritti con friggitrice ad aria e altre ricette preparate con la friggitrice ad aria.

Cosa fa la friggitrice ad aria?

La cottura della friggitrice ad aria avviene sfruttando la ventilazione di aria calda al posto dell’olio di frittura. Il risultato è una frittura più light.

Tutto quello che bisogna fare è inserire il cibo nel contenitore della friggitrice, impostare la temperatura e il tempo di cottura e aspettare che l’aria creata dalle turbine interne facciano il loro dovere.

Sostanzialmente l’eliminazione dell’olio consente di avere fritti dorati e profumati a fronte di un taglio di grassi e calorie, anche se i cibi in pastella o i cibi impanati risultano leggermente meno croccanti.

Da una parte la cottura senza olio riduce la quantità di grassi fino al 70-80% mentre dall’altra parte il cibo non assorbe il grasso e le sostanze dannose per il corpo.

La frittura è buonissima, ma non permette di perdere peso: chi mangia cibi fritti troppo spesso apre la strada al sovrappeso e quindi alle malattie correlate.

Insomma la friggitrice ad aria ha pro e contro, ma permette di cuocere i cibi in maniera più light senza rinunciare alla frittura.

La friggitrice ad aria fa male?

Il funzionamento della friggitrice ad aria ha fatto sorgere diverse domande riguardanti l’aria calda e il suo impatto sul cibo. Comprare la friggitrice ad aria vale la pena? È vero che la friggitrice ad aria è nociva?

La prima cosa da sapere sulla friggitrice ad aria (evidenziata dalle recensioni negative) è che la cottura ad aria calda crea comunque sostanze dannose oltre i 120 gradi (anche se in quantità minori).

Per esempio, può produrre il composto acrilamide potenzialmente tossico che si crea per via dell’interazione tra i carboidrati e l’asparagina durante le cotture a una temperatura superiore ai 120 gradi.

Perché si parla di sostanza potenzialmente tossica? Alcuni studi hanno sottolineato la sua capacità di trasformarsi in glicidamide, vale a dire un composto che può danneggiare il DNA e il corpo.

Tra i cibi più propensi a sviluppare acrilamide ci sono il cacao, il caffè, la cicoria, le patate, il pane e gli altri prodotti da forno.

E ancora, oltre all’acrilamide, la cottura ad aria potrebbe formare altri composti potenzialmente dannosi (ammine eterocicliche, aldeidi e idrocarburi policiclici aromatici.

Friggitrice ad aria: si o no?

I cibi fritti con la friggitrice ad aria sono sicuramente più salutari dei cibi fritti con olio, ma non bisogna dimenticare che vengono cotti a temperature molto elevate.

Chiaramente facendo il punto su pro e contro, si può dire che l’uso della friggitrice ad aria vale la pena perché presenta molti più aspetti positivi. Tuttavia è sempre meglio non esagerare.

In pratica la friggitrice ad aria fa bene o male a seconda dei cibi che si “friggono” e della frequenza con cui la si utilizza.

Dopo aver capito questo, quindi, è possibile iniziare la ricerca della miglior friggitrice ad aria leggendo anche le recensioni online e capire quanto consuma e quanto costa la friggitrice ad aria.

Un modo per trovare la migliore friggitrice senza olio è quello di valutare capacità massima, dimensioni, consumi e opere di manutenzione richieste.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759