Si può mangiare il pane keto senza fare la dieta chetogenica?

311

Il mondo della dieta chetogenica ha guadagnato enorme popolarità negli ultimi anni, grazie ai suoi potenziali benefici per la perdita di peso. Ma cosa si intende per pane keto? Si può mangiare anche senza fare …

Il mondo della dieta chetogenica ha guadagnato enorme popolarità negli ultimi anni, grazie ai suoi potenziali benefici per la perdita di peso. Ma cosa si intende per pane keto? Si può mangiare anche senza fare la chetogenica?

La dieta chetogenica richiede un’elevata restrizione dei carboidrati per indurre il corpo a produrre corpi chetonici e promuovere la chetosi, uno stato in cui il corpo brucia principalmente grassi come fonte di energia. Quindi, almeno in teoria, il pane andrebbe eliminato.

Tuttavia questa rinuncia può essere superata. Quale pane si può mangiare in chetogenica? Il cosiddetto pane chetogenico o pane keto, cioè un pane a basso contenuto di carboidrati.

La dieta chetogenica: i concetti base

La dieta chetogenica si basa sull’induzione dello stato metabolico chiamato chetosi. In questa condizione, il corpo brucia principalmente grassi anziché carboidrati per ottenere energia.

Sostanzialmente, riducendo drasticamente l’assunzione di carboidrati e aumentando l’assunzione di alimenti senza carboidrati, grassi salutari e proteine, si spinge il corpo a entrare in questo stato metabolico.

Cos’è il pane chetogenico?

Il pane può essere incluso nella dieta chetogenica ma, piuttosto che il pane tradizionale ricco di farina di grano ad alto contenuto di carboidrati, deve essere sostituito con varianti a basso contenuto di carboidrati.

Per pane chetogenico o pane keto si intende un pane preparato con farine alternative a basso contenuto di carboidrati: quali farine usare in keto? Per esempio, la farina di mandorle, la farina di cocco o i semi di lino macinati.

Queste farine danno vita a pane capace di mantenere un basso contenuto di carboidrati netti e di soddisfare il desiderio di un prodotto da forno senza compromettere la chetosi.

Ovviamente c’è un ma. È importante considerare le proporzioni e gli ingredienti utilizzati nella preparazione del pane chetogenico per assicurarsi che rispettino i limiti di carboidrati della dieta.

Il pane keto: una soluzione a basso contenuto di carboidrati

farine basso contenuto carboidrati
Cucchiaio di farina

Il pane chetogenico si distingue per il suo basso contenuto di carboidrati, essenziale per coloro che seguono la dieta chetogenica.

Una delle sfide principali nella preparazione del pane chetogenico risiede nella scelta della farina, poiché le farine tradizionali come quella di grano sono ricche di carboidrati. Ecco alcune farine alternative adatte per il pane chetogenico:

  • Farina di mandorle – La farina di mandorle è una scelta popolare per preparare il pane chetogenico. È ricca di grassi sani, proteine e ha un basso contenuto di carboidrati. La consistenza della farina può rendere il pane keto con farinadi mandorle un po’ più denso, ma il sapore e i nutrienti che offre lo rendono una scelta eccellente.
  • Farina di cocco – Anche la farina di cocco è un’ottima alternativa in quanto ricca di fibre e povera di carboidrati netti. Il pane preparato con farina di cocco potrebbe richiedere una maggiore quantità di liquidi nella ricetta a causa dell’assorbimento delle fibre.
  • Semi di lino macinati – I semi di lino contengono fibre e acidi grassi Omega-3 e hanno un contenuto di carboidrati molto basso. Possono conferire al pane una consistenza più compatta, ma offrono un’eccellente base nutrizionale.
  • Semi di sesamo macinati – La farina di semi di sesamo è ricca di proteine, fibre, grassi sani e nutrienti come vitamine e minerali. Ha un sapore distintivo e leggermente aromatico, contribuendo a un colore e una consistenza più grossolana nei prodotti da forno.

Quali sono i benefici del pane keto?

Il pane chetogenico offre diversi benefici, soprattutto quando si segue una dieta chetogenica. Ecco i principali benefici:

  • Riduzione dei livelli di carboidrati – Il pane chetogenico è realizzato con farine a basso contenuto di carboidrati o senza carboidrati e questo lo rende ideale per coloro che cercano di limitare l’assunzione di carboidrati. Questo può aiutare a mantenere i livelli di zucchero nel sangue stabili e a indurre la chetosi, lo stato metabolico chiave della dieta chetogenica.
  • Miglioramento della gestione del peso – Riducendo i carboidrati, si può favorire la perdita di peso. Inoltre, il pane keto è spesso ricco di grassi sani, che possono contribuire a una maggiore sazietà e quindi a un controllo dell’appetito più efficace.
  • Stabilizzazione dell’energia – Poiché i picchi di zucchero nel sangue vengono ridotti, si possono evitare le cadute di energia che spesso si verificano dopo aver consumato alimenti ad alto indice glicemico.
  • Controllo della fame e miglioramento del metabolismo – Le diete chetogeniche, con l’uso di pane keto incluso, possono influenzare positivamente le risposte ormonali che regolano la fame e il metabolismo, aiutando così a controllare la sensazione di fame e a favorire una maggiore efficienza metabolica.
  • Controllo dell’infiammazione – Diminuendo l’assunzione di carboidrati e spesso evitando i cereali contenenti glutine, il pane chetogenico può contribuire a ridurre l’infiammazione per alcune persone, il che può avere benefici per la salute generale.

Si può mangiare il pane keto senza fare la chetogenica?

pane keto senza fare la chetogenica
Colazione

Il pane chetogenico può essere consumato anche da coloro che non seguono una dieta chetogenica, ma cercano alternative salutari e a basso contenuto di carboidrati.

Questa varietà di pane tende ad avere un minor impatto sui livelli di zucchero nel sangue rispetto al pane tradizionale a base di farina di grano.

Va da sé che, anche se non si segue una dieta chetogenica, il consumo occasionale di pane keto potrebbe essere una scelta interessante per chi cerca di ridurre l’assunzione di carboidrati o di sperimentare nuove opzioni alimentari più nutrienti.

È importante ricordare che, pur avendo un ridotto contenuto di carboidrati, potrebbe comunque contenere più calorie e grassi rispetto al pane tradizionale, quindi è consigliabile prestare attenzione alle porzioni per mantenere un equilibrio nella propria alimentazione.

Inoltre i benefici possono variare da persona a persona. Prima di apportare modifiche significative è sempre consigliabile consultare un professionista per garantire che la dieta sia adatta alle esigenze individuali e per evitare potenziali rischi per la salute.

Come fare il pane keto: ricetta e consigli

pane chetogenico
Pane

Perché chiedersi dove comprare il pane senza carboidrati se si può preparare a casa? Volendo si può preparare il pane keto col Bimby per sporcare il meno possibile, ma in realtà la ricetta è semplice e alla portata di tutti. Ecco come procedere:

Ingredienti

  • 400 g di farina di semi di sesamo
  • 4 uova
  • 60 g burro fuso
  • 1 cucchiaino di lievito in polvere
  • Sale e spezie a piacere

Preparazione

  • Preriscaldare il forno a 180 gradi e preparare uno stampo rivestito con carta da forno.
  • In una ciotola, mescolare la farina con il lievito, il sale e le spezie.
  • In un altro recipiente, sbattere le uova e aggiungere il burro (o l’olio in alternativa).
  • Unire gli ingredienti umidi a quelli secchi e mescolare fino a ottenere un impasto omogeneo.
  • Versare l’impasto nello stampo e livellalo uniformemente.
  • Infornare per circa 30-40 minuti o finché il pane non risulta dorato e cotto internamente.

P.S. Le uova servono a “legare” la farina a basso contenuto di glutine, ma possono essere sostituite usando il psillio

Qual è il ruolo dello psillio?

Lo psillio è un ingrediente ricorrente nelle ricette di pane keto ma, come abbiamo appena visto, non è indispensabile. Si tratta di una sostanza caratterizzata da fibre e potere addensante e gelificante.

Spesso, questa polvere ricavata dalla Plantago ovata, viene aggiunta per favorire la lavorazione dell’impasto di farine senza glutine.

Il psillio viene usato per riuscire a replicare quello che fa il glutine, cioè formare una rete proteica che intrappola l’anidride carbonica nell’impasto, conferendogli elasticità e sofficità.

Se si vuole preparare il pane keto con psillio allora la quantità da usare dovrebbe essere compresa tra l’1,5% e il 3% rispetto al peso delle farine utilizzate nella ricetta.

Il nostro è un pane keto senza psillio perché contiene la farina di semi di sesamo, una farina che può offrire una buona consistenza e una gradevole struttura agli impasti senza glutine.

Si può fare il pane keto in padella?

È assolutamente possibile preparare il pane keto in padella e questa è una scelta rapida e comoda per chi desidera un pane a basso contenuto di carboidrati senza utilizzare il forno.

Dopo aver preparato l’impasto, non bisogna far altro che versarlo in una padella antiaderente (già unta con olio o burro e riscaldata), livellarlo con un cucchiaio, mettere il coperchio e lasciare cuocere a fuoco medio basso per 5-7 minuti.

Quando l’impasto inizia a dorarsi sui bordi e a formare delle bolle sulla superficie, occorre girare il pane con l’aiuto di una spatola e lasciarlo cuocere dall’altro lato per altri 5-7 minuti, fino a quando entrambi i lati sono dorati e il pane è cotto al centro.

Una volta cotto, quindi, si può trasferire il pane su un piatto e lascialo raffreddare leggermente prima di tagliarlo a fette.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759
Non perderti le ultime novità! Vuoi ricevere una notifica quando pubblichiamo un'aggiornamento? No, grazie Sì, certo