Farina senza glutine: cos’è e quali sono le migliori farine senza glutine

0

Il numero di celiaci cresce ogni anno e con esso anche la necessità di capire quali sono i cibi senza glutine. Scopriamo quali sono le migliori farine senza glutine e come trovare la farina senza …

Il numero di celiaci cresce ogni anno e con esso anche la necessità di capire quali sono i cibi senza glutine. Scopriamo quali sono le migliori farine senza glutine e come trovare la farina senza glutine giusta!

L’intolleranza permanente al glutine è un problema che coinvolge sempre più persone, costringendole a rivedere la dieta per evitare per l’appunto il glutine.

La presenza di glutine scatena una serie di reazioni allergiche che potrebbe attentare al benessere generale del celiaco.

Per fortuna la campagna di sensibilizzazione intorno all’intolleranza al glutine ha portato alla creazione di tantissimi prodotti gluten free. L’obiettivo è ridurre le rinunce a tavola al minimo.

Pasta, pane, pizza, biscotti e tutti gli altri prodotti simili vengono prodotti con farine senza glutine cioè in chiave gluten free per offrire alternative valide per i celiaci.

Farina senza glutine

La farina senza glutine è un tipo di farina prodotta a partire da cereali privi di glutine in Natura, pseudocereali, legumi o frutta secca. Come si chiama la farina senza glutine? Farina gluten free.

Il riso, il mais, l’avena, il grano saraceno, le lenticchie, le mandorle e tutti gli altri ingredienti gluten free permettono di realizzare un’alternativa alla farina normale.

La farina senza glutine consente di non fare grandi rinunce a tavola, ma potrebbe rivelarsi meno performante rispetto alla farina con glutine (soprattutto nei lievitati).

Per risolvere questo problema è necessario procedere con il mix di più farine senza glutine (ma ricche di proteine) o l’aggiunta di ingredienti addensanti (es. fecola di patate).

Quali sono le farine senza glutine?

L’uso di una farina senza glutine potrebbe non bastare per ottenere lo stesso risultato che si avrebbe con la farina con glutine. Per questo è bene conoscere quali sono le farine senza glutine e le loro caratteristiche!

Farine senza glutine di cereali

Le farine senza glutine di cereali sono ricavate a partire da cereali naturalmente privi di glutine per permettere la preparazione di pasta, panificati, biscotti e dolci. Quale grano non contiene glutine?

Farina di mais

Questa farina è ricavata da un cereale senza glutine caratterizzato da una buona percentuale di proteine e una quantità ridotta di vitamine (vitamina B, vitamina B12 e vitamina C) e minerali (ferro e calcio). È perfetta se viene mischiata a una farina di legumi (circa 30%).

La farina di mais senza glutine viene usata per produrre sia la pasta (poco consistente) che per altri prodotti meno consistenti (piadine, crepes, tortillas e polenta).

Farina di riso

La farina di riso è ricavata dal riso, cioè un cereale privo di glutine caratterizzato da una ricchezza di amidi e carboidrati, un elevato indice glicemico e una percentuale bassissima di proteine.

Le caratteristiche della farina di riso senza glutine la rendono perfetta per addensare le preparazioni salate e dolci e preparare impanature. Non è adatta alla preparazione di prodotti da forno.

Farina di miglio

La farina di miglio è una farina senza glutine particolarmente ricca di proteine e lipidi, proprio come il miglio. Tuttavia non è molto calorica.

Cosa si può fare con la farina di miglio? Si può usare da sola o insieme alla farina di mais per preparare il pane, i grissini, le torte, i biscotti, le polpette e le zuppe.

Farina di avena

La farina di avena si ottiene dalla macinazione dell’avena, cioè un cereale naturalmente privo di glutine e ricco di sostanze benefiche. Tuttavia può dirsi senza glutine soltanto se non viene contaminata durante la lavorazione.

Il sapore neutro della farina di avena senza glutine si presta alle preparazioni sia dolci che salate: sì a pane, pasta, pizza, torte, dolci, torte salate, crepes, porridge e tanto altro ancora.

Farina di Teff

Cos’è la farina di Teff? Si tratta di una farina ricavata da un cereale gluten free simile al seme di papavero nell’aspetto.

È caratterizzata da una quantità elevata di proteine e calcio, un basso indice glicemico e un’elevata digeribilità. Viene usata per preparare il pane etiope injera, il pane, i biscotti e la frolla e per addensare.

Farina di sorgo

La farina di sorgo viene prodotta a partire da un cereale senza glutine semi sconosciuto in Italia (africano di origine e americano di produzione), il sorgo per l’appunto.

Si tratta di una farina priva di glutine caratterizzata da una buona percentuale di vitamine e minerali, un basso indice glicemico e un’elevata digeribilità. È perfetta per il pane, la pizza e la frolla.

Farine senza glutine di legumi

I legumi rappresentano la base perfetta per ricavare farine senza glutine ricche di proteine ideali per preparare pana, pane e altri prodotti panificati. Ecco quali sono le più conosciute:

Farina di ceci

La farina di ceci è una farina gluten free molto ricca, soprattutto se consideriamo la percentuale di fibre contenute nei legumi.

Questo tipo di farina è perfetta per addensare sughi e salse e per preparare polpette, frittate, farinate e altre preparazioni salate.

Farina di fagioli

La farina di fagioli è una farina di legumi meno conosciuta, ma ugualmente preziosa per i celiaci e anche per i diabetici: quantità elevata di proteine e minerali e indice glicemico basso.

Questa farina si presta alla preparazione di pasta o dolci dal sapore alternativo e alla miscelazione con altri tipi di farine senza glutine.

Farina di piselli

La farina di piselli è molto apprezzata per via della ricchezza di proteine rispetto ad altri tipi di farine senza glutine.

È l’ingrediente perfetto per preparare pasta e pane, per produrre cibi dietetici e vegani e per addensare salse e zuppe.

Farina di lenticchie

La farina di lenticchie racchiude la ricchezza delle lenticchie: proteine, fibre, carboidrati a basso indice glicemico e minerali.

La ricchezza di questa farina gluten free si adatta perfettamente alla preparazione di pasta secca e fresca  prodotti panificati. Può essere usata anche come addensante di vellutate, zuppe e creme.

Farina di soia

La macinazione dei semi di soia, una pianta appartenente alla famiglia delle Leguminose, dà vita a una farina senza glutine ricca di proteine adatta sia alle ricette dolci che alla ricette salate.

La farina di soia può essere usata per preparare pane, pizza e altri prodotti panificati in modo da renderli più buoni anche dopo qualche giorno.

Farine senza glutine di pseudocereali

Il termine “pseudocereale” indica le piante che non sono cereali, ma producono semi utilizzabili per preparare farine adatte ai mix con altre farine senza glutine e alla preparazione di pasta e pane.

Le piante dicotiledoni usate per produrre farine senza glutine di pseudocereali appartengono alle famiglie  delle Amaranthaceae, delle Polygonaceae e delle Chenopodiaceae.

Farina di grano saraceno

La farina di grano saraceno viene ricavata da una pianta appartenente alla stessa famiglia del rabarbaro (a dispetto di quanto possa lasciare intuire il nome).

Il suo sapore marcato e tendente all’amarognolo inserisce la farina di grano saraceno tra le migliori farine senza glutine per pane e pizza. Tuttavia viene usata anche per preparare i pizzoccheri e i dolci particolari.

Farina di canapa

Negli ultimi anni c’è stato un grande interesse intorno alla farina di canapa perché ricavata dalla Cannabis sativa coltivata (cioè priva del THC ovvero la sostanza psicotropa della Canapa).

È una farina ricca di proteine e gustosa (richiama vagamente le nocciole) utilizzata per preparare pasta, pane, dolci, gelati e frullati iperproteici.

Farina di amaranto

I semi di amaranto rappresentano la base dalla quale si ricava una farina caratterizzata una grande quantità di aminoacidi essenziali e un sapore molto marcato.

Le caratteristiche nutrizionali e il sapore che richiama alla mente la nota tostata della frutta secca la rendono perfetta per preparare gli impasti di pane e pizza e per essere miscelata ad altre farine più delicate.

Farina di quinoa

La farina di quinoa conserva le caratteristiche del pseudocereale quinoa: carboidrati, proteine, fibre e ferro. Solitamente questo tipo di farina viene usata per preparare il pane o prodotti lievitati salati e dolci.

Farine senza glutine di frutta secca

Le farine senza glutine di frutta secca vengono ricavate per l’appunto dalla frutta secca (ma anche dai semi di alcuni frutti). Il loro compito principale è donare sapore e colore alle ricette.

Farina di mandorle

La farina di mandorle viene ricavata dalle mandorle e si presenta come un prodotto ricco di acidi monoinsaturi e vitamina E e calorico (anche se vanta un basso indice glicemico).

Il sapore inconfondibile e dolce la rende la farina senza glutine per dolci d’eccellenza; infatti viene usata per preparare biscotti, torte e molti altri dolci.

Farina di nocciole

La farina di nocciole è meno usata della farina di mandorle, ma si rivela un ingrediente nutriente e versatile. Tuttavia anche questa farina gluten free è calorica.

Le sue caratteristiche e il suo sapore permettono di mescolare la farina di nocciole ad altre farine senza glutine e di preparare dolci dal sapore marcato (dolci al cucchiaio e torte per lo più).

Farina di castagne

La farina di castagne viene ricavata dai semi di castagno e presenta una quantità elevata di vitamine, proteine e fibre. Ha un sapore inconfondibile capace di dare una marcia in più alle preparazioni.

Questa farina senza glutine è la base del castagnaccio, ma si rivela un ottimo ingrediente per preparare la pasta, il pane, le crostate e i biscotti, anche se viene sostituita spesso da altri tipi di farine gluten free.

Farina di cocco

La polpa del cocco viene disidratata e tritata per produrre una farina ricca di carboidrati, grassi, fibre e minerali adatta a chi ha problemi con il glutine.

Questo tipo di farina senza glutine è perfetta per preparare torte, biscotti, ciambelle e qualunque altro tipo di dolce sia da sola che con altre farine.

Farina di carrube

La farina di carrube viene ricavata da un frutto poco apprezzato fino a qualche tempo fa, ma tornato alla ribalta negli ultimi anni per via del suo profilo nutritivo e del suo sapore che ricorda il cioccolato.

Questa farina senza glutine, complice il contenuto di pectina, può essere usata per addensare gelati, creme e confetture e per rendere più cremosi le vellutate e i condimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759