Pepe nero: proprietà, usi e controindicazioni della spezia

662

Sfogliando la nostra sezione Alimentazione e salute in cui approfondiamo gli aspetti nutrizionali dei vari alimenti, abbiamo scoperto che mancava quello sul re delle spezie: il pepe nero! Ebbene sì, in ogni ricetta con pepe …

Sfogliando la nostra sezione Alimentazione e salute in cui approfondiamo gli aspetti nutrizionali dei vari alimenti, abbiamo scoperto che mancava quello sul re delle spezie: il pepe nero!

Ebbene sì, in ogni ricetta con pepe nero c’è l’indicazione “q.b.” (quanto basta) in modo da modulare la nota profumata e piccante a seconda dei gusti personali.

Quello che in molti non sanno è le proprietà di questa spezia permettono di considerarla un valido aiuto anche fuori dalla cucina.

L’indentikit del pepe nero

Il pepe nero ha un sapore leggermente piccante e aromatico, alcuni grani furono ritrovati nelle tombe dei faraoni e questo ci fa pensare che fosse apprezzato anche presso gli antichi egizi. Ippocrate invece lo consigliava per alleviare i dolori mestruali abbinato ad aceto e miele, mentre nell’Impero Romano era considerato merce di scambio di altissimo valore.

Nell’immaginario comune il pepe nero simboleggia arguzia e vivacità, infatti spesso si sottolinea il carattere di una persona dicendo che è “tutto pepe”.

Detto questo, la pianta del pepe nero (Piper Nirgrum) appartiene alla famiglia delle Piperaceae che è originaria dell’India. Le altre specie (bianco e verde) si ottengono dalla lavorazione di questi semi, mentre il pepe rosa deriva dallo Schinus Molle, e ha un sapore più delicato.

I grani di pepe nero vengono essiccati al sole per 10 giorni, per disidratarsi e assumere il tipico aspetto rugoso.

Pepe nero: proprietà e benefici

pepe nero proprieta

Il pepe nero è uno dei rimedi indicati dalla medicina ayurvedica e fa parte del trikatu, la triade di spezie che favorisce la digestione e stimola il metabolismo, insieme a zafferano e pepe lungo.

La piperina contenuta all’interno del pepe nero è un alcaloide che stimola la produzione di succhi gastrici e contribuisce all’assorbimento dei nutrienti contenuti negli alimenti. Per chi non lo sapesse, però, irrita le mucose, quindi in caso di gastrite, ulcera ed emorroidi è caldamente sconsigliato il suo utilizzo.

Il contenuto di piperina rende il pepe antinfiammatorio, sebbene ulteriori ricerche siano necessarie per confermare appieno questo effetto. È per questo che viene utilizzato insieme alla curcuma per potenziare i suoi benefici antinfiammatori.

Nella carrellata di quali sono i benefici del pepe nero non può mancare la menzione alla sua capacità di stimolare della termogenesi, per questo nelle diete dimagranti i medici consigliano di usarlo per condire i cibi.

Ovviamente rientra tra i prodotti afrodisiaci, anche se molti studi hanno dimostrato che il pepe nero combatte la depressione.

Sempre la piperina si è dimostrata efficace per la vitiligine, mentre nei centri estetici, le ultime tecniche per la cura e la bellezza del corpo, vedono il pepe nero in grani come ingrediente principale dei trattamenti eudermici e dei massaggi. Per depurare l’organismo è consigliato un bagno di pepe nero, mentre gli impacchi attenuano gonfiori e diminuiscono il dolore in caso di traumi e cadute.

Come si usa il pepe nero in cucina

pepe nero menu

Arriviamo all’uso culinario. Il pepe nero è un ingrediente fondamentale è utilizzato per insaporire una vasta gamma di piatti, dalle zuppe alle carni, dai piatti di pesce alle salse. La sua versatilità lo rende adatto a molteplici preparazioni, sia dolci che salate.

Può essere utilizzato intero, macinato fresco con un macina pepe al momento o sotto forma di pepe nero in polvere. Ecco alcuni dei modi più comuni per utilizzarlo in cucina:

  • Condimento per piatti salati: La spezia è spesso utilizzata come condimento per una vasta gamma di piatti salati, tra cui zuppe, stufati, salse, insalate e piatti di carne e pesce. Una generosa macinata di pepe nero fresco può intensificare il sapore dei piatti e donare loro complessità.
  • Marinature: È un ottimo ingrediente per marinature, poiché il suo sapore si diffonde bene nei cibi durante il processo di marinatura. Può essere utilizzato in combinazione con altri aromi come aglio, limone, erbe aromatiche e olio d’oliva per cmarinare carni, pesce e verdure.
  • Grigliate e arrosti: Una leggera spolverata sulla carne, il pesce o le verdure prima di grigliarli o arrostirli può aggiungere un delizioso sapore speziato e un tocco di croccantezza alla superficie dei cibi.
  • Salse e condimenti: È un ingrediente essenziale in molte salse e condimenti, come la salsa al pepe verde o la salsa di pepe nero. La sua nota piccante e aromatica può bilanciare il sapore dolce di salse a base di panna o vino, o aggiungere profondità a condimenti a base di pomodoro.
  • Primi piatti: Viene aggiunto spesso a piatti di pasta e riso per aggiungere un tocco di aromaticità. Si abbina bene a sughi a base di pomodoro, panna o formaggio, e può essere aggiunto direttamente alla pasta o al riso durante la cottura o come tocco finale prima di servire.
  • Formaggi e salumi: È un accompagnamento classico per molti formaggi e salumi. Può essere spolverato sopra formaggi freschi o stagionati per aggiungere una nota piccante e speziata, o utilizzato per insaporire salumi come salame o prosciutto.
  • Bevande calde: In alcune cucine, viene aggiunto a bevande calde come tè o cioccolata calda per aggiungere una nota piccante e aromatica. In particolare, è popolare in alcune tradizioni di tè speziato, come il chai indiano.

Pepe nero: controindicazioni ed effetti collaterali

pepe nero controindicazioni

Il pepe nero è una spezia ampiamente utilizzata in cucina e offre numerosi benefici per la salute, ma è bene tenere a mente quali sono le controindicazioni del pepe nero per non dover fare i conti con situazioni spiacevoli.

Innanzitutto, come già accennato, l’eccessivo consumo può provocare irritazione gastrica, specialmente nelle persone che soffrono di ulcere gastriche, reflusso acido o altre condizioni gastrointestinali. Questo perché la piperina può irritare la mucosa gastrica.

Inoltre, ci sono alcune preoccupazioni riguardo all’effetto del pepe nero sul tratto urinario, poiché l’eccessivo consumo potrebbe aumentare il rischio di calcoli renali nelle persone predisposte.

Consumo eccessivo: cosa può considerarsi eccessivo e quanto pepe nero si può mangiare in un giorno? Non esiste una quantità specifica che sia universalmente applicabile a tutte le persone. In linea generale, consumare fino a 1-2 cucchiaini al giorno è considerato un livello di consumo normale e sicuro.

Infine, le donne in gravidanza dovrebbero limitare il consumo di pepe nero e consultare un medico. Perché il pepe non fa bene in questa fase della vita? Perché potrebbe irritare le mucose dello stomaco e causare bruciore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759
Non perderti le ultime novità! Vuoi ricevere una notifica quando pubblichiamo un'aggiornamento? No, grazie Sì, certo