Come cucinare la faraona in tegame: ricetta e cottura

376

La faraona in tegame è un secondo che rende più “festoso” il menu, strizzando l’occhio ai giorni di festa. Scopriamo come cucinare la faraona in tegame e tutti i segreti per prepararla a regola d’arte. …

La faraona in tegame è un secondo che rende più “festoso” il menu, strizzando l’occhio ai giorni di festa. Scopriamo come cucinare la faraona in tegame e tutti i segreti per prepararla a regola d’arte.

C’è chi l’associa alle feste natalizie e chi la prepara nelle occasioni speciali: la faraona ripiena è sicuramente un piatto succulento e ricco.

Strizzando a questa pietanza complessa, la ricetta della faraona in tegame permette di portare in tavola la stessa prelibatezza in una preparazione più semplice e veloce.

Praticamente anziché riempire la cavità interna della faraona e cuocerla in forno per almeno un’ora, questo piatto si accompagna a purè o verdure e si prepara sul fuoco.

Che tipo di carne è la faraona?

La faraona è un uccello originario dell’Africa subsahariana molto simile alla gallina, cosa che spesso porta molti a renderla interscambiabile con tacchino, cappone o pollo. In realtà si tratta di una carne bianca con caratteristiche uniche.

Ne esistono di tre specie, la faraona comune (meleagris), la faraona mitrata (mitrata) e la faraona con ciuffo (crostata), anche se la prima è quella più in Europa.

Che differenza c’è tra pollo e faraona? La carne di faraona è succulenta e saporita, leggermente più grassa e proteica rispetto al tacchino o al pollo e caratterizzata da un colore più scuro rispetto alle altre carni bianche. È più consistente e saporita.

Questa carne è considerata più pregiata e viene utilizzata in cucina per creare piatti raffinati dal sapore intenso e aromatico e apprezzati da intenditori; insomma qualcosa da riservare alle occasioni speciali.

Come preparare la faraona in tegame

faraona in tegame a pezzi
Faraona in umido

La carne della faraona è magra, compatta e dal sapore delicato, con un leggero retrogusto che ricorda il pollo ma con una nota più intensa. La sua consistenza fine e succosa la rende ideale per molte ricette.

Preparare la faraona in tegame a pezzi e senza ripieno permette di portare in tavola una carne pregiata senza doversi cimentare in una preparazione più difficile e lunga, come quella della faraona ripiena cotta al forno.

La ricetta della faraona a pezzi in umido è più facile e veloce da realizzare e non ha nulla da invidiare alle ricette più complesse.

Ingredienti

  • 1 faraona (circa 1,5-2 kg)
  • 1 cipolla media
  • 2 carote
  • 2 coste di sedano
  • 3 spicchi d’aglio
  • 2 rametti di rosmarino fresco
  • 250 ml di brodo di pollo
  • 250 ml di vino bianco
  • 4 cucchiai di olio d’oliva
  • Sale e pepe q.b.

Preparazione ricetta faraona in tegame

  • La prima cosa da fare è sciacquare bene la faraona sotto acqua corrente fredda e asciugarla con carta assorbente. Rimuovere eventuali penne residue o piccole piume che potrebbero essere rimaste usando la fiamma del gas. Dopodiché occorre selezionarla, ricavando le ali, il petto, le sovracosce e le cosce.
  • Scaldare l’olio d’oliva in un tegame ampio e pesante a fuoco medio-alto, aggiungere la cipolla, le carote, il sedano e l’aglio tritati e lasciare soffriggere per circa 5 minuti o finché le verdure non saranno leggermente ammorbidite.
  • Posizionare la faraona nel tegame caldo, facendo attenzione a farla dorare su tutti i lati. Ciò contribuirà a sigillare la carne, preservandone i succhi e massimizzando il sapore.
  • Una volta che la faraona è ben dorata, occorre aggiungere il vino bianco e lasciare evaporare la parte alcolica prima di aggiungere il brodo e il rosmarino.
  • Coprire il tegame e abbassare il fuoco al minimo. Lasciate cuocere a fuoco lento per circa 40-45 minuti, girando la faraona di tanto in tanto e aggiungendo un po’ di brodo o acqua se necessario.
  • Verificare la cottura della faraona inserendo una forchetta nella parte più spessa della carne e valutando il liquido che fuoriesce. Come capire se la faraona è cotta? Se il liquido è trasparente, la faraona è cotta.
  • Una volta cotta, occorre trasferire la faraona su un piatto da portata e ridurre il liquido di cottura a fuoco alto fino a quando non si addensa leggermente. Dopodiché si può versare la salsa ottenuta sopra la faraona e servire.

Quali sono i segreti di una faraona in tegame?

Non è difficile preparare una faraona in tegame perfettamente succulenta e saporita, tuttavia alcuni trucchi e segreti possono evitare errori grossolani.

  • Marinatura – Se si ha tempo allora è possibile marinare la faraona per alcune ore facendola marinare in un mix di erbe fresche, olio d’oliva e limone. Questo aiuterà ad infondere ulteriori sapori nella carne.
  • Rosolatura – È bene assicurarsi di rosolare la faraona a fuoco medio-alto inizialmente per ottenere una doratura uniforme e sigillare i succhi all’interno.
  • Uso di un tegame pesante – Un tegame pesante, come quello in ghisa, è ideale per questa preparazione perché distribuisce il calore in modo uniforme e aiuta a mantenere una cottura costante.
  • Aggiunta di liquido – Durante la cottura, se il fondo del tegame sembra troppo asciutto, è necessario aggiungere un po’ di brodo o acqua per mantenere la giusta umidità.
  • Coperchio – È necessario assicurarsi di coprire il tegame durante la cottura per trattenere l’umidità e mantenere la carne succosa.
  • Sughetto di accompagnamento – Se si vuole ottenere un liquido più omogeneo è possibile frullarlo con un frullatore a immersione.
  • ContornoCome si mangia la faraona dipende dalle preferenze personali, servendo il secondo con patate arrosto, purè di patate o verdure grigliate.

Faraona in tegame, le varianti

faraona in tegame ricetta
Pezzi di faraona-

La faraona in tegame è una ricetta della nonna che si apre a varie modifiche e sperimentazioni a seconda di gusti ed esigenze. Eccone alcune:

  • Faraona intera in tegame – Si può lasciare la faraona intera e procedere con la ricetta per servire un piatto “faraonico”.
  • Faraona in umido alla toscana – Aggiungendo pomodori pelati alla preparazione è possibile replicare un classico della cucina toscana, quello della faraona ricetta toscana.
  • Faraona al limone e rosmarino – Basta aggiungere fette di limone e rametti di rosmarino al tegame insieme alla faraona per ottenere un tocco di freschezza e aromaticità. Vale lo stesso se si opta per la versione faraona all’arancia in tegame.
  • Faraona alla contadina – L’aggiunta di funghi porcini freschi o secchi durante la cottura conferisce un sapore terroso e ricco.
  • Faraona con salsa di senape e miele – È possibile preparare una salsa con senape e miele e spalmarla sulla faraona prima della cottura per un contrasto dolce-piccante.
  • Faraona in padella – Al posto del tegame è possibile usare una padella dal fondo spesso e dai bordi alti. Il risultato sarà comunque squisito. Largo alla faraona in padella al vino bianco, alla faraona in padella con olive e così via.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759