Come cucinare i lampascioni: cosa sono, calorie e ricette

372

Nelle terre assolate della Puglia, tra le distese di ulivi e i profumi intensi del Mediterraneo, si trova un tesoro poco conosciuto: il lampascione. Scopriamo cosa sono e come usare i lampascioni nelle ricette. Iniziamo …

Nelle terre assolate della Puglia, tra le distese di ulivi e i profumi intensi del Mediterraneo, si trova un tesoro poco conosciuto: il lampascione. Scopriamo cosa sono e come usare i lampascioni nelle ricette.

Iniziamo col dire che il lampascione è un bulbo dal sapore unico e dalla tradizione antica, uno degli ingredienti segreti che rendono la cucina pugliese così speciale.

È sufficiente sapere come pulire i lampascioni e come usarli in cucina per preparare ricette sfiziose e originali. Un esempio? L’agnello al forno con patate novelle e lampascioni.

Lampascioni: cosa sono e origini

Prima di scoprire come pulirli e come usarli in cucina al meglio è bene fare un passo indietro e capire cosa sono i lampascioni.

Il lampascione, noto anche come “cipolla di montagna” o “cipollotto selvatico”, è originario delle zone dell’Italia meridionale. La sua presenza è particolarmente marcata nella regione pugliese, dove cresce spontaneamente nei pascoli e nelle terre incolte.

Questo bulbo ha conquistato il cuore dei pugliesi, diventando un ingrediente imprescindibile in molte ricette tradizionali. Negli ultimi anni, però, ha saputo attirare l’attenzione degli chef.

Descrizione del lampascione: aspetto e caratteristiche distintive

Il “cipollotto selvatico” si presenta come un piccolo bulbo dalla forma tondeggiante, simile a una cipolla in miniatura. È la componente sotterranea ed edibile della pianta Leopoldia comosa, un’erbacea che si trova comunemente nelle regioni meridionali e si distingue per i suoi fiori di colore viola.

La sua buccia sottile e la superficie rugosa celano un interno carnoso e saporito, che sprigiona un profumo delicato ma distintivo. Il colore può variare dal bianco al viola, aggiungendo un tocco di vivacità al piatto.

Si sviluppa in modo selvatico nei campi incolti, richiedendo un periodo di crescita completa tra i 4 e i 5 anni, e viene generalmente raccolto verso la fine della bella stagione e l’inizio dell’autunno.

Che gusto hanno i lampascioni?

Il lampascione selvatico ha un gusto unico e caratteristico che combina elementi dolci, leggermente amari ed erbacei.

La parte commestibile, il bulbo, ha una consistenza carnosa e croccante. Quando cotto, sviluppa una dolcezza delicata, con una leggera nota amara che aggiunge complessità al suo profilo gustativo.

La combinazione di queste sfumature di sapore e aroma contribuisce a renderlo un ingrediente versatile che può essere utilizzato in una varietà di ricette, dalla frittura al sott’olio, dall’insalata alla frittata.

Lampascione: proprietà e benefici

lampascioni proprieta
Gestione del peso

Il lampascione, oltre ad essere un ingrediente gustoso, offre anche diversi benefici per la salute grazie alle sue proprietà nutrizionali e alle sostanze benefiche che contiene. Quali sono le proprietà benefiche dei lampascioni?

  • Ricco di nutrienti –  È una fonte di nutrienti essenziali, tra cui vitamine e minerali come la vitamina C, il potassio, il calcio, il manganese e il ferro. Questi elementi contribuiscono al mantenimento della salute generale del corpo e supportano diverse funzioni fisiologiche.
  • Effetti antiossidanti – Contiene composti antiossidanti che aiutano a neutralizzare i radicali liberi nel corpo, contribuendo a ridurre lo stress ossidativo e proteggendo le cellule dai danni. Questo può avere effetti positivi sulla salute a lungo termine.
  • Favorisce la digestione – Può contribuire a migliorare il processo digestivo, alleviando eventuali disturbi gastrointestinali e favorendo la regolarità intestinale.
  • Sostegno al sistema immunitario – La presenza di vitamina C nel “cipollotto selvatico” può contribuire al rafforzamento del sistema immunitario, aiutando l’organismo a difendersi contro le infezioni e le malattie.
  • Gestione del peso – Il lampascione è relativamente basso in calorie e ricco di fibre, il che può contribuire a una sensazione di sazietà. Inserirlo in una dieta equilibrata potrebbe essere utile per coloro che cercano di gestire o perdere peso. A tal proposito è bene ricordare che 100 grammi di lampascioni equivalgono a 40 calorie.
  • Benefici cardiovascolari – Alcuni componenti, come il potassio, possono contribuire al mantenimento della salute cardiovascolare regolando la pressione sanguigna e riducendo il rischio di malattie cardiovascolari.

Come pulire il lampascione

La pulizia del lampascione è una fase essenziale per garantire che il suo sapore unico emerga in tutta la sua intensità. Ecco una guida dettagliata su come pulire questo bulbo amato:

  • Raccogliere i lampascioni, scegliendo quelli privi di macchie o segni di deterioramento.
  • Tagliare le radici alla base del bulbo e rimuovere la buccia con l’aiuto di un coltello affilato, facendo attenzione a non danneggiare il bulbo sottostante.
  • Sciacquare i bulbi sotto un getto di acqua corrente, facendo in modo di rimuovere le tracce di terra.
  • Lessare i lampascioni in acqua  per qualche minutino.

Il segreto per attenuare il sapore amarognolo

I lampascioni pugliesi hanno un sapore tendente all’amarognolo che potrebbe non piacere a tutti, ma fortunatamente esiste un trucco per attenuare questa nota marcata e non rinunciare all’uso di questo tesoro culinario.

Tutto quello che bisogna fare per attenuare il sapore amarognolo dei lampascioni è metterli in un recipiente pieno di acqua e lasciarli a bagno per 8-10 ore.

Lampascioni: ricette e idee

lampascioni ricette
Frittata

Il lampascione, con il suo profilo gustativo che abbraccia dolcezza, amarezza e nota erbacea, diventa l’ingrediente di ricette. Ecco qualche idea su come cucinare i lampascioni:

  • Lampascioni sott’olioLampascioni puliti e tagliati, conservati in vasetti con olio extravergine d’oliva, aglio, pepe nero e aromi mediterranei. Perfetti come antipasto o contorno.
  • Insalata di – Tagliati a fette sottili e mescolati a pomodorini secchi, olive nere, basilico fresco e olio extravergine d’oliva e aceto balsamico o  tonno in scatola, capperi, prezzemolo e olio d’oliva creano un’insalata fresca e aromaticamente deliziosa.
  • Frittata di lampascioni – È sufficiente mescolare lampascioni cotti in padella con cipolla e prezzemolo e uova sbattute per preparare una frittata soffice e ricca di sapori.
  • Lampascioni in agrodolce – Basta sbollentarli per qualche minuto e marinarli con una salsa agrodolce con aceto, zucchero e aromi. Il risultato è un piatto dal contrasto di sapori intrigante, ideale per accompagnare formaggi e salumi.
  • Lampascioni al forno – In questo caso, i lampascioni lessati vengono gratinati al forno con formaggio (come pecorino o parmigiano) per portare in tavola una delizia filante e dorata.
  • Risotto ai lampascioni – Sì, possono essere usati in un risotto. Non bisogna far altro che tagliare i lampascioni a cubetti e aggiungerli a un risotto cremoso con brodo, formaggio e una spruzzata di limone.
  • Lampascioni fritti –  È sufficiente immergere i lampascioni lessi in una pastella leggera e friggerli fino a farli diventare croccanti.
  • Lampascioni alla griglia – Dopo averli marinati, si possono grigliare alla piastra per ottenere un tocco affumicato. Serviti come contorno o accompagnati da salse creative.

Chi non può mangiare i lampascioni?

Nonostante il lampascione sia un alimento gustoso e apprezzato in molte cucine, ci sono alcune persone che potrebbero dover fare attenzione o evitare il suo consumo. Ecco alcune considerazioni:

  • Allergie o intolleranze – Persone con allergie o intolleranze specifiche dovrebbero evitare il lampascione se sono consapevoli di reazioni allergiche o di intolleranze alimentari a questo bulbo.
  • Problemi gastrointestinali – Coloro che soffrono di disturbi gastrointestinali dovrebbero consumare il lampascione con cautela, poiché alcuni potrebbero sperimentare disagi gastrointestinali.
  • Gravidanza e allattamento – Le donne in gravidanza o in fase di allattamento dovrebbero prestare attenzione alla loro dieta e discutere con il proprio medico prima di includere il lampascione, come con qualsiasi altra variazione alimentare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759
Non perderti le ultime novità! Vuoi ricevere una notifica quando pubblichiamo un'aggiornamento? No, grazie Sì, certo