Qual è la differenza tra astice e aragosta? Ecco come riconoscerli

0

I crostacei sono protagonisti di moltissime ricette, dalle preparazioni più tradizionali alle prove più sfiziose. Ma qual è la differenza tra astice e aragosta? L’astice e l’aragosta (in inglese lobster) sono due dei crostacei più …

I crostacei sono protagonisti di moltissime ricette, dalle preparazioni più tradizionali alle prove più sfiziose. Ma qual è la differenza tra astice e aragosta?

L’astice e l’aragosta (in inglese lobster) sono due dei crostacei più versatili e apprezzati in cucina, un po’ per le loro carni delicate e un po’ per il loro sapore dolciastro.

C’è differenza tra aragosta e astice? Sì, più di una in realtà. Purtroppo non tutti conoscono le differenze tra astice e aragosta e questo porta con se più di qualche dubbio.

Come cucinare l’aragosta o l’astice quindi dipende dalla capacità di saper rispettare le differenze tra i due crostacei, un po’ come accade per polpo, polipo e piovra.

Il motivo della confusione

Le caratteristiche fisiche creano confusione quando si tratta di scegliere tra astice e aragosta e inserire il crostaceo nelle preparazioni. Ma quali differenze tra aragosta e astice creano confusione?

Il motivo è riscontrabile nella forma a gambero dei due decapodi e nel loro habitat (fondale roccioso). Entrambi possono arrivare a misurare 20-60 cm, ma sono due crostacei diversi.

  • Astice – L’astice appartiene alla categoria degli Nephropidae e vanta un carapace liscio, chele sugli arti e strumenti di difesa e attacco.
  • Aragosta – L’aragosta  rientra nella famiglia dei Palinuridae, presenta un carapace con spine e due antenne piuttosto lunghe.

Qual è la differenza tra astice e aragosta?

C’è differenza tra aragosta e astice? Ne esistono diverse, anche se circola ancora un falso mito che considera l’astice soltanto come il “maschiodell’aragosta.

In realtà è sufficiente prestare attenzione ad alcune caratteristiche fisiche dei due crostacei per capire la differenza tra astice e aragosta.

  • Colore

Il colore è il primo elemento da tenere sott’occhio per capire se si sta acquistando un astice o un’aragosta. Che differenza c’è tra astice e aragosta?

Se l’aragosta ha un colore aranciato che vira verso il rosso o il viola, non si può dire lo stesso per l’astice giacché il colore cambia a seconda della specie.

L’astice che vive nei mari del Nord America presenta un carapace marrone e un ventre con chiazze gialle mentre l’astice del Mediterraneo è caratterizzato da un colore bluastro.

  • Dimensioni

Sia l’astice che l’aragosta possono raggiungere dimensioni considerevoli, ma qualche piccola diversità può aiutare a distinguerli.

Da un lato l’astice può raggiungere i 30-40 cm di lunghezza mentre dall’altro lato l’aragosta può arrivare a misurare 20-40 cm.

Qualche anno fa è stata catturata un’aragosta gigante nelle acque delle Bermuda: l’esemplare pescato (e poi riportato in acqua) pesava circa 6 Kg; il che ha stupito i cultori del crostaceo. Questo risultano non è di poco conto per l’aragosta e non va confuso con la facilità con cui l’astice può superare i 10 Kg.

  • Chele

Un’altra differenza tra astice e aragosta sta nelle chele: l’aragosta non ha le chele a differenza dell’astice. Come si difende? Semplicemente cambiando il carapace più e più volte.

  • Sapore

Le carni di questi due crostacei sono bianche e squisite, ma mantengono alcuni tratti caratteristici che possono cambiare il risultato finale. Che differenza di gusto c’è tra aragosta e astice?

L’astice nasconde carni compatte, elastiche e decise nel sapore mentre l’aragosta rossa vanta carni più delicate, pregiate e dolci.

  • Prezzo

La differenza tra astice e aragosta si traduce in un prezzo differente: 30-40 euro al Kg per l’astice e 30-60 euro al Kg per l’aragosta. Questo dimostra che l’aragosta è più pregiata.

Cos’è l’aragosta blu?

L’aragosta blu è un esemplare rarissimo che presenta un carapace bluastro determinato da un difetto genetico: secondo gli esperti 1 esemplare su 2 milioni presenta queste caratteristiche.

Diverso è il caso dell’astice blu, molto più facili da trovare nel mondo. Per esempio le coste sudoccidentali della Sardegna ne sono piene.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759