Alimenti ricchi di rame: quali sono? Ecco la tabella dei migliori

0

Non parla spesso di rame, eppure rappresenta un oligo elemento fondamentale per il benessere generale. Scopriamo quali sono gli alimenti ricchi di rame e perché inserirli nella dieta! Il rame è un oligoelemento in grado …

Non parla spesso di rame, eppure rappresenta un oligo elemento fondamentale per il benessere generale. Scopriamo quali sono gli alimenti ricchi di rame e perché inserirli nella dieta!

Il rame è un oligoelemento in grado di rinforzare le difese immunitarie e sostenere la battaglia contro le malattie virali, infettive e infiammatorie.

Per chi non lo sapesse  questo oligoelemento partecipa al metabolismo di fosforo e calcio e all’attività di tiroide e ipofisi.

Insomma il rame è un elemento importante che non dovrebbe mai mancare e l’alimentazione in questo senso gioca un ruolo essenziale.

Proprio come succede per i cibi ricchi di selenio, gli alimenti ricchi di ferro o gli alimenti ricchi di manganese, quindi, conoscere gli alimenti ricchi di rame aiuta a mantenersi in salute e in forma.

Proprietà del rame

Il rame è presente nell’organismo in una percentuale ridotta (50-120 mg) ma, nonostante ciò, risulta fondamentale per l’espletamento di molte funzioni biologiche.

A rendere il rame così importante per il benessere del corpo è la sua capacità di cedere o acquisire un elettrone e quindi partecipare a varie attività. Tra le più importanti ricordiamo:

  • Tessuto connettivo – Il rame contribuisce alla formazione dell’enzima lisil ossidasi necessario per la produzione di collagene ed elastina a loro volta vitali per rinforzare  il tessuto connettivo.
  • Proteine –  L’oligo elemento risulta importante per la sintesi delle proteine e quindi la funzionalità di muscoli e organi (cuore, reni, fegato e cervello).
  • Annessi cutanei – La capacità di sostenere la sintesi delle proteine lo rende importante anche per la cheratinizzazione della capelli e la pigmentazione della pelle.
  • Circolazione – Il fatto che partecipi alla costruzione del tessuto connettivo assicura l’elasticità dei vasi sanguigni e quindi la corretta circolazione del sangue.
  • Gravidanza – La sviluppo del feto in gravidanza dipende dalla presenza di rame nell’organismo della futura mamma (tanto più che risulta carente nel latte materno).
  • Anemia – Questo oligo elemento influisce positivamente sull’assorbimento del ferro nella sua forma utilizzabile e per questo impedisce o aiuta a gestire le formi lievi di anemia.

Tabella alimenti ricchi di rame

Un regime alimentare vario ed equilibrato riesce ad assicurare il corretto apporto giornaliero di rame. Ma quali sono gli alimenti ricchi di rame?

Basta dare uno sguardo alla seguente tabella di alcuni alimenti ricchi di rame per 100 g di prodotto per sapere cosa vale la pena inserire nella dieta di tutti i giorni.

AlimentiQuantità di rame mg
Fegato di vitello11,8
Fegato di manzo9,7
Fegato d’oca7,5
Fegato di agnello6,9
Fegato di anatra5,9
Cacao3,6
Farina di soia2,9
Anacardi2,1
Basilico essiccato2,1
Spaghetti di soia1,9
Calamari1,8
Nocciole1,7
Pomodori secchi1,4
Aragosta1,3
Semi di zucca1,3
Pepe nero1,3
Pinoli1,3
Pistacchi1,3
Noci Pecan1,2
Fieno greco1,1
Grano saraceno1,1
Fagioli1
Crusca0,9
Mandorle0,9
Granchio0,9
Cumino0,8
Piselli0,8
Ceci0,8
Fagioli borlotti0,7
Paprika0,7
Ostriche0,7
Fegato di maiale0,6
Arachidi0,6
Quinoa0,5
Seppie0,5
Popcorn0,5
Lenticchie0,5

Fabbisogno giornaliero

Una dieta varia ed equilibrata è sufficiente per assicurare la dose giornaliera di rame consigliata di 1-3 mg al giorno.

CategoriaEtàQuantità di rame
Neonatida 0 a 6 mesi0,4-0,6
Neonatida 6 mesi a 1 anno0,6-0,7
Bambinida 1 a 3 anni0,7-1
Bambinida 4 a 6 anni1-1,5
Bambinida 7 a 10 anni1-2
Ragazzida 11 a 18 anni1-3
Adultoda 18 anni in su1-3
Donna in gravidanza 1
Donna in allattamento 1,3

Il problema è che l’assunzione di alimenti ricchi di rame potrebbe non essere sufficiente se si accompagna ad altre sostanze.

Per esempio la vitamina C, i fitati e altri minerali come lo zinco, il calcio e il ferro ostacolano il corretto assorbimento del rame alimentare.

Sarebbe meglio fare attenzione a non abusare di alimenti ricchi di zinco e rame, alimenti ricchi di rame e ferro e cibi ricchi di sostanze “anti-rame”. Potrebbe inficiare l’attenzione verso l’oligo elemento.

Nonostante ciò, comunque, i meccanismi di assorbimento e le attività del fegato attraverso la bile e del tratto gastrointestinale attraverso le feci assicurano il mantenimento dei giusti livelli di rame.

I casi di deficit di rame sono associabili a problemi di origine genetica che impediscono il corretto assorbimento dell’oligo elemento.

La carenza di rame ha sintomi evidenti come problemi della crescita, propensione alle infezioni, osteoporosi prematura e disfunzioni varie.

Ricorrere all’assunzione di integratori di rame in maniera autonoma quindi non è una buona idea perché potrebbe dare vita a processi ossidativi deleteri.

Il medico può prescrivere un integratore di rame a neonati prematuri, neonati sottopeso alla nascita, bambini con dieta insufficiente nel primo anno di vita e bambini malnutriti.

Inoltre gli integratori di rame possono essere utili in caso di malattie che limitano la digestione, dieta insufficiente, farmaci che bloccano l’assorbimento del rame, integratori di ferro e zinco e osteoporosi.

Controindicazioni

L’inclusione di alimenti ricchi di rame non presenta particolari effetti collaterali o controindicazioni, ma non vale lo stesso per il consumo di integratori di rame senza controllo medico.

In linea di massima l’accumulo di rame può causare senso di nausea, vomito, dolore addominale, diarrea e addirittura problemi a fegato, reni e cervello.

Attenzione anche agli extra vitaminici contenenti rame in forma inorganica come l’ossido rameico perché potrebbero aumentare la percentuale di rame libero nel cervello e favorire il suo arrivo al tessuto nervoso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759