Salsa ponzu: cos’è, ingredienti, ricetta, gusto, calorie e varianti

425

La salsa ponzu è un condimento tradizionale giapponese che ha conquistato gli appassionati di cucina orientale. Scopriamo come fare la ponzu salsa fatta in casa. In Giappone, la salsa di soia è l’unico condimento comunemente …

La salsa ponzu è un condimento tradizionale giapponese che ha conquistato gli appassionati di cucina orientale. Scopriamo come fare la ponzu salsa fatta in casa.

In Giappone, la salsa di soia è l’unico condimento comunemente reperibile già pronto e confezionato. Tutte le altre salse, inclusa la rinomata salsa ponzu e la celebre salsa teriyaki, sono di solito preparate in casa.

La salsa di soia rappresenta la base della ponzu ma questa salsa, con il suo equilibrio perfetto tra sapori acidi, salati e agrumati, rappresenta un’aggiunta deliziosa a molte pietanze, dalle verdure ai piatti a base di carne o pesce.

Salsa ponzu: cos’è e origini

La salsa ponzu trova le sue radici nella cucina giapponese, ma il suo nome sembrerebbe derivare dalla parola olandese “pons”, cioè “miscuglio di succo di agrumi”. Si ritiene che questa salsa sia stata creata per la prima volta nel periodo Edo (cioè quando il Giappone visse la chiusura della gran parte delle rotte commerciali internazionali).

Nel corso dei secoli, la ricetta di quello che somigliava a una bevanda alcolica è stata perfezionata ed è diventata un elemento imprescindibile nella cucina giapponese tradizionale.

Come fare la salsa ponzu: ingredienti e ricetta

salsa ponzu ricetta
Salse

La ricetta della salsa ponzu è facile da preparare, ma richiede una grande attenzione nel dosaggio degli ingredienti per ottenere una combinazione equilibrata. Ecco come com’è fatta la salsa ponzu.

Ingredienti

  • 5 cucchiai di aceto di riso
  • 1 pezzo di alga Kombu 
  • 120 ml salsa di soia
  • 200 ml di succo di yuzu (agrume tipico)
  • 5 cucchiai di mirin (sakè dolce)
  • fiocchi di katsuobushi (pesce fermentato ed essiccato) q.b.

Preparazione ricetta salsa ponzu

  • Mescolare l’aceto di riso e il mirin in una casseruola, aggiungere l’alga Kombu e portare a bollore
  • Spegnere la fiamma, unire un paio di cucchiaini di katsuobushi, rimettere il coperchio e far riposare per 30 minuti
  • Filtrare il composto, versare la salsa di soia e il succo di yuzu e mescolare
  • Trasferire la salsa in un recipiente, coprire con pellicola trasparente e far riposare in frigorifero per almeno 24 ore. Dopodiché la salsa è pronta.

Che gusto ha la salsa ponzu?

salsa ponzu gusto
Riso fritto

La salsa ponzu ha un sapore che incarna un equilibrio complesso caratterizzato da acidità, derivante principalmente dal succo di yuzu, che conferisce una vivacità e una freschezza che si sposano con una vasta gamma di piatti.

Tuttavia, ciò che rende questa salsa veramente speciale è la sua capacità di bilanciare questa acidità con altri sapori. La salsa di soia, elemento fondamentale, contribuisce con una nota sapida e ricca di umami, regalando una profondità di sapore. A questo contribuisce anche il katsuobushi.

La dolcezza gioca un ruolo fondamentale nel profilo di gusto della salsa. Il mirin, un vino di riso dolce, agisce come un elemento di equilibrio, offrendo una leggera dolcezza che addolcisce sottilmente l’asprezza degli agrumi.

Infine, l’aroma agrumato completa il quadro di sapori, regalando una nota di freschezza all’esperienza gustativa complessiva.

Quindi, la salsa ponzu che gusto ha? Possiamo dire che ha un sapore acidulo ma fresco, arricchito da un retrogusto dolciastro e allo stesso tempo salato.

Salsa ponzu: calorie

Chi è a dieta può gustare la salsa ponzu? A quante calorie equivale? Considerando che ci sono circa 122 calorie in 100 ml di salsa, è possibile inserirla nei menu anche quando si è a dieta (purché si consideri nell’insieme del menu).

Quali sono i segreti per la salsa ponzu?

Come abbiamo visto, la salsa ponzu della ricetta tradizionale non è difficile da preparare, ma nasconde alcune insidie da superare.

  • Quantità – La quantità degli ingredienti vanno rispettate sia per ottenere una salsa equilibrata sia per evitare che la salsa avanzata perda le peculiarità che la rendono così prelibata.
  • Ingredienti – Essendo una salsa orientale richiede l’uso di prodotti lontani dalla nostra tradizione culinaria, come lo yuzu o il mirin. Tuttavia è possibile preparare una salsa “italianizzata” usando ingredienti sostitutivi. Qualche esempio? Il succo di limone o lime al posto del succo di yuzu; l’aceto di mele o l’aceto balsamico se non si dispone dell’aceto di riso; il brodo di pesce anziché fiocchi di katsuobushi; il vino bianco e lo zucchero o il vino bianco e il miele per sostituire il mirin.
  • Riposo in frigo – Il riposo in frigo della salsa è un passaggio fondamentale da rispettare per permettere ai sapori di fondersi e regalare quella tipica combinazione di dolcezza e acidità.
  • Temperatura di servizio – Quando si serve questa salsa è sempre meglio servirla a temperatura ambiente per consentire alle papille gustative di percepire ogni sfumatura.

Salsa ponzu, varianti e sperimentazioni

La ricetta base della salsa ponzu è solo l’inizio. Gli chef creativi possono sperimentare con ingredienti aggiuntivi per creare varianti uniche. Ecco alcune opzioni interessanti includono:

  • Salsa ponzu piccante – La salsa ponzu non è piccante, ma è possibile aggiungere un po’ di zenzero grattugiato e/o peperoncino rosso per ottenere un tocco di piccantezza e un aroma vivace.
  • Salsa ponzu con aglio tritato – L’aggiunta di aglio tritato conferisce al condimento un sapore più robusto.
  • Miele o zucchero -È possibile aggiungere un cucchiaino di miele o zucchero per conferire una nota dolce aggiuntiva.

Dove si usa la salsa ponzu?

dove si usa la salsa ponzu
Pollo con salsa ponzu

Le caratteristiche della salsa ponzu la rendono adatta a una vasta gamma di piatti. Ecco alcune idee su come utilizzarla:

1. Condimento per sushi e sashimi – La salsa è un accompagnamento ideale per il sushi e il sashimi. Il suo gusto fresco e agrumato si sposa perfettamente con il pesce crudo, aggiungendo un tocco di acidità che esalta i sapori.

2. Marinatura per carni e pesce – Utilizzare la salsa come marinatura per pesce e carne è una scelta intelligente. L’acidità aiuta a intenerire la carne mentre i sapori intensi si assorbono, creando un piatto succulento e saporito.

3. Insalate e verdure – Si può usare come condimento per insalate o verdure grigliate per aggiunge una vivace nota di freschezza. La sua combinazione di acido e salato si sposa bene con i sapori naturali delle verdure.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759
Non perderti le ultime novità! Vuoi ricevere una notifica quando pubblichiamo un'aggiornamento? No, grazie Sì, certo