Spargifiamma per fornelli a gas: a cosa serve, come si usa e come si pulisce

6

Gli amanti delle pentole in terracotta conoscono benissimo lo spargifiamma, ma l’accessorio si rivela utile in molte altre occasioni. Scopriamo come usare lo spargifiamma e tutto quello che c’è da sapere! Le pentole in terracotta …

Gli amanti delle pentole in terracotta conoscono benissimo lo spargifiamma, ma l’accessorio si rivela utile in molte altre occasioni. Scopriamo come usare lo spargifiamma e tutto quello che c’è da sapere!

Le pentole in terracotta sono perfette per preparare tutte quelle ricette che prevedono cotture prolungate e necessitano di una temperatura invariata.

Tuttavia l’unico modo per assicurarsi la giusta temperatura quando si cucina sul fornello a gas ed evitare sbalzi termici “fatali” è usare lo spargifiamma per terracotta (e non solo).

Cos’è lo spargifiamma?

Si chiama spargifiamma e altro non è che un accessorio simile a un disco destinato a essere posizionato sul fornello  gas prima della cottura.

In commercio ne esistono diversi tipi caratterizzati da dimensioni, materiali e accessori diversi: dischi grandi e piccoli; spargifiamma in ghisa, alluminio o acciaio; retina spargifiamma in acciaio nella parte superiore /o impugnatura rivestita con materiale “antiscottatura”.

A cosa serve lo spargifiamma? Sostanzialmente, posizionando l’accessorio sul fornello a gas, si favorisce la distribuzione uniforme del calore e si evita il contatto diretto tra la fiamma e il fondo della pentola.

L’uso di questo accessorio contribuisce alla cottura uniforme degli alimenti, evitando così che si possano bruciare e/o attaccare sul fondo.

Perché usare lo spargifiamma?

Questo accessorio distribuisce il calore in modo uniforme alla pentola e favorisce la cottura omogena del cibo, evitando eventuali bruciature e salvaguardando la pentola. Ma non solo.

Come già accennato prima, l’accessorio è diventato il migliore amico di chi utilizza il pentolame in terracotta (che potrebbe rompersi a seguito di sbalzi repentini della temperatura).

Non solo terracotta. Si rivela utile anche per bollire o cucinare in contenitori e pirofile in ceramica, vetro o altri materiali caratterizzati da bassa conducibilità ed elevata dilatazione termica.

Di fatto, distribuendo il calore in modo uniforme, il pentolame non rischia di essere riscaldato in un solo punto e di subire uno sbalzo termico. In pratica difficilmente si romperà.

In ultimo, ma non per importanza, la diffusione omogenea del calore ostacola la fuoriuscita della componente liquida della ricetta durante l’ebollizione e così facendo allontana la necessità di mescolare gli ingredienti in pentola. Praticamente cucinare diventerà molto più facile.

Quando non serve usare lo spargifiamma?

Se lo spargifiamma per fornelli a gas è utilissimo per l’uso di pentolame in terracotta, vetro, ceramica e pirex, non si può dire lo stesso per l’acciaio inox e l’alluminio.

La verità che è questi materiali non hanno bisogno di uno “scudo” tra loro e la fiamma, anzi danno il meglio di loro entrando in contatto con la fonte di calore: il suo utilizzo potrebbe addirittura favorire la dispersione del calore.

Tra l’altro, non riscaldando direttamente la pentola, i tempi di cottura si dilatano e di conseguenza si allungano i tempi di preparazione della ricetta e aumentano i consumi di gas (incidendo pesantemente sulla bolletta).

Inoltre, essendo perfetto per le cotture lente e a fuoco dolce (es. sughi, stufati, brasati e legumi), l’accessorio non andrebbe usato quando si intende friggere o preparare pietanze che richiedono una fiamma vivace (es. rosolatura della carne).

Spargifiamma: Come usarlo

È un accessorio molto facile da usare anche quando non si ha dimestichezza, ma richiede qualche piccola accortezza per ottenere il massimo.

Come si mette lo spargifiamma? Tutto quello che bisogna fare è scegliere lo spargifiamma migliore per la pentola (cioè un modello con un diametro uguale) e posizionarlo sopra il fornello. Dopodiché occorre usare la pentola in terracotta, vetro, ceramica e pirex come si fa di solito.

Come pulire lo spargifiamma? Dopo l’utilizzo è necessario lasciarlo raffreddare e soltanto successivamente lavarlo sotto un getto di acqua corrente in modo da evitare uno sbalzo termico che possa rovinarlo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759