Melagrana: proprietà, benefici, ricette ed effetti collaterali

479

La melagrana è stato riscoperta negli ultimi anni e definito un vero e proprio super alimento. Ma quanto la conosciamo? È un frutto bellissimo che mostra una scorza scura e legnosa e all’interno tanti chicchi …

La melagrana è stato riscoperta negli ultimi anni e definito un vero e proprio super alimento. Ma quanto la conosciamo?

È un frutto bellissimo che mostra una scorza scura e legnosa e all’interno tanti chicchi di colore rosso scuro.

All’iinterno nasconde un pool di vitamine e sali minerali preziosi che aiuta le persone a mantenere un ottimo stato di salute e, soprattutto, a scongiurare la comparsa di infiammazioni e di problematiche all’apparato respiratorio.

Melograno o melagrana?

La melagrana e il melograno sono termini che spesso vengono utilizzati in modo intercambiabile per riferirsi al frutto, ma in realtà spiegano due concetti diversi.

Melagrana è il nome del frutto stesso, che cresce sull’albero o arbusto della pianta Punica granatum. È un frutto apprezzato per il suo sapore dolce e leggermente acidulo, nonché per le sue proprietà nutritive.

Melograno, d’altro canto, è il nome della pianta, Punica granatum, che produce il frutto della melagrana. È un arbusto o albero deciduo che può crescere fino a 5-8 metri di altezza e produce fiori sgargianti e frutti rotondi.

Quindi il melograno o la melagrana? Per essere precisi, quando ci riferiamo al frutto rosso con semi succosi e dolci, dovremmo usare il termine “melagrana”, mentre il termine “melograno” si riferisce alla pianta che produce questo frutto.

Quanti tipi di melagrana esistono?

In Europa, quindi anche in Italia, il melograno ha un colore rosso vivo, ma esistono anche delle varietà più esotiche che hanno scorza nera e chicchi molto scuri, difficili da reperire da noi. Ecco alcune delle varietà più comuni:

  • Wonderful: Una delle varietà più diffuse e popolari, caratterizzata da una buccia mediamente spessa, forma tondeggiante e da semi rossi succosi. È conosciuta per il suo sapore leggermente agrodolce e semi poco consistenti al palato.
  • Haku Botan: Originaria del Giappone, questa varietà ha una buccia sottile e un alto contenuto di zuccheri, con semi di colore rosso chiaro.
  • Mollar de Elche: Questa varietà spagnola è apprezzata per la sua polpa tenera e succosa e per il suo sapore dolce e leggermente acido. Ha una buccia sottile e semi di colore rosso brillante.
  • Ako: Una varietà originaria di Israele, Ako è nota per la sua buccia e i suoi semi di colore rosso scuro e il suo sapore dolce (appena acidulo).
  • Parfianka: Originaria dell’Asia centrale, questa varietà ha semi di colore rosso scuro e una polpa succosa e aromatica, con un sapore dolce e aromatico.
  • Dente di Cavallo: Questa varietà è conosciuta per i suoi semi di colore quasi rosato e un sapore molto dolce.
  • Nana: Una varietà compatta originaria dell’Afghanistan, con semi di colore rosso intenso e una buccia sottile. Ha un sapore dolce e aromatico.

Perché la melagrana è considerata un super food?

melagrana benefici

La melagrana è tipica della stagione autunnale e sappiamo che la natura ci regala tanti doni abbondanti che servono per la salute e la rigenerazione dell’organismo. Non è infatti un caso che venga considerato come un frutto importante per aumentare le difese immunitarie e per aiutare le persone a trascorrere il periodo invernale con forza e salute.

La ragione va ricercata principalmente nella grande quantità di vitamina C presente in questo frutto. Sappiamo che la vitamina C ha delle proprietà incredibili, perché aiuta a scongiurare l’ossidazione cellulare, è un potente antinfiammatorio e agisce a livello delle difese immunitarie rafforzandole e proteggendole. Ecco che, in previsione dei malanni di stagione come i raffreddori e le influenze, aiuta a creare una barriera di protezione naturale che fortifica l’organismo e favorisce la salute delle vie respiratorie.

Alimenti super della salute: la melagrana per dimagrire

La melagrana non è solo un frutto buono e benefico, ma un cibo che può essere consumato in previsione di una dieta dimagrante.

Contiene, infatti, pochissime calorie, solo 75 per 100 grammi di prodotto. Ecco che la melagrana, in particolare, il suo succo, può essere inserita con fiducia nella dieta alimentare votata al dimagrimento, perché si tratta di un cibo poco calorico e che protegge dall’ossidazione, aiutando al contempo i tessuti a mantenersi forti e sani.

Quante volte abbiamo visto persone uscire da una dieta dimagrante stanche e sciupate? Questo accade perché l’alimentazione si è proposta scarsa di vitamine e di sali minerali, quindi per mantenersi forti, sani e anche belli, la melagrana può essere inserita con felicità nelle diete dimagranti e alternato al consumo di agrumi come l’arancia, il limone e il pompelmo.

Melagrana: proprietà e benefici

La melagrana è considerato un super alimento perché contiene moltissima vitamina C, ma anche flavonoidi che prevengono l’invecchiamento precoce e contrastano efficacemente l’azione dei radicali liberi. Inoltre è una preziosa fonte di vitamina A, vitamina E e vitamine del gruppo B.

Abbondante è il contenuto di sali minerali, dove i maggiori possono essere ricercati nel manganese, nello zinco, nel fosforo e nel rame.

Il frutto del melograno contiene quini zuccheri, acqua e fibre, dove quest’ultime aiutano a favorire il corretto transito intestinale e a migliorare la circolazione delle linfe. Ecco perché la melagrana, così come tutti i cibi ricchi di vitamina C, è consigliata per chi soffre di ritenzione idrica e non riesce a bere molto nel corso della giornata.

A cosa fa bene il frutto del melagrano?

a cosa fa bene il melograno

Il frutto del melograno può essere consumato con fiducia da tutte le persone che vogliono depurare l’organismo con alimenti naturali. Grazie al contenuto di acqua, fibre e sali minerali, il frutto stimola la diuresi e aiuta a perdere peso, velocizzando il metabolismo e favorendo la digestione e l’espulsione dei liquidi in eccesso.

Può quindi essere assunta da chi sta cercando di rafforzare le difese immunitarie nel periodo autunnale e invernale, grazie all’elevato contenuto di vitamina C in esso presente e a chi desidera migliorare la meta quotidiana arricchendola di vitamine e sali minerali con un cibo buono, bello e anche curioso da consumare per i bambini.

Il frutto aiuta quindi chi ha pelle spenta, capelli opachi e unghie fragili a rafforzarli, grazie all’elevato contenuto di vitamina E e di vitamina A, amiche della pelle e importanti ingredienti della rigenerazione cellulare. In dieta o a seguito di un percorso dimagrante, consumare la melagrana è quindi un toccasana per la salute di pelle, unghie e capelli, che si scoprono luminosi, più forti e purificati.

Come consumare la melagrana?

Quanto è bello, tanto è difficile da consumare. Serve, infatti, un bel po’ di pazienza per sgranare questo frutto, ma la fatica può essere ampiamente ricompensata dal sapore così particolare dei chicchi e dai tanti usi che se ne possono fare in cucina.

È interessante notare che la melagrana può diventare protagonista dei piatti d’autunno, accompagnando le verdure e anche le carni bianche nelle salse e nella decorazione. Può essere aggiunta ai piatti etnici come il cous cous o alle insalate per aggiungere un bel tocco di dolce. Il frutto può quindi essere consumato con fiducia nelle macedonie di frutta o nello yogurt

In ogni caso, il modo più semplice e benefico per consumare la melagrana è la ricetta del succo. Quindi occorre spremere il succo e berlo immediatamente, per fare un bel pieno di vitamine e di sali minerali. Il succo di melagrana può essere ottenuto con l’apposito estrattore che permette di ottenere un nettare buono e limpido, ma anche con un semplice spremiagrumi.

Basta infatti tagliare il frutto in due parti e spremerlo come se fosse un limone o un arancio. Chi non ama i residui legnosi che i chicchi lasciano può filtrare il succo della melagrana con un colino e berlo immediatamente. Questa accortezza è importante, perché il succo è sensibile e può perdere tutte le sue proprietà benefiche se non viene bevuto immediatamente. Al contempo, è importante usare coltelli di ceramica per tagliarlo oppure spezzarlo con le mani e impiegare uno spremiagrumi in plastica o ceramica e non di metallo. Lo spremiagrumi di metallo va, infatti, ad ossidare le vitamine e i sali presenti nel chicco e a vanificare il prezioso contenuto di nutrienti presenti in questo frutto.

Melagrana: ricette e idee

melagrana ricette

Il succo è soltanto una delle preparazioni con cui gustare questo frutto e fare il pieno delle sue virtù. Ecco alcune deliziose ricette con la melagrana come ingrediente principale:

  • Riso alla melagrana – Il riso viene cotto con brodo vegetale e succo di melagrana, ottenendo un piatto un colore rosato e un aroma leggermente dolce. Viene spesso arricchito con semi di melagrana freschi e prezzemolo tritato per un tocco di freschezza.
  • Confettura – Chiamata erroneamente melagrana marmellata, si prepara cuocendo i semi di melagrana con zucchero e succo di limone fino a ottenere una consistenza densa e cremosa. Il risultato ha un sapore intenso e fruttato, perfetto per spalmare su pane tostato, croissant o per dolcificare yogurt e cereali. Da provare anche la gelatina di melagrana.
  • Liquore alla melagrana – È una bevanda perfetta da gustare come aperitivo o da servire dopo cena come digestivo. Viene preparato macerando i semi di melagrana in alcolici come la vodka o il brandy, aggiungendo zucchero e altri aromi se desiderato. Dopo un periodo di riposo, il liquore viene filtrato e imbottigliato, pronto per essere gustato.
  • Crostata alla melagrana e cioccolato – Tra i dolci con la melagrana c’è questa crostata farcita con una morbida crema al cioccolato e decorata con semi di melagrana freschi. Il contrasto tra il cioccolato ricco e la dolcezza della melagrana rende questa crostata un vero e proprio peccato di gola.
  • Insalata di rucola con melagrana e formaggio di capra – Questa insalata combina rucola croccante, semi succosi di melagrana e formaggio di capra cremoso. Il contrasto tra il sapore leggermente piccante della rucola e la dolcezza della melagrana crea un piatto equilibrato e delizioso.
  • Pollo alla melagrana – Il pollo al melograno è un piatto succoso e aromatico, perfetto per una cena speciale. Il succo di melagrana viene ridotto in una salsa densa e dolce che avvolge il pollo arrosto, creando un connubio di sapori irresistibile.
  • Couscous con verdure e melagrana – Questo piatto leggero e colorato unisce il couscous soffice con una varietà di verdure croccanti e semi di melagrana succosi.
  • Salmone alla griglia con salsa alla melagrana – Il salmone alla griglia viene arricchito con una salsa fresca e vivace preparata con succo di melagrana, erbe aromatiche e un pizzico di pepe nero.
  • Gelato alla melagrana – Questo gelato cremoso e rinfrescante è realizzato con succo di melagrana fresco e panna.

Melagrana: ci sono controindicazioni?

melagrana controindicazioni

Il consumo di melagrana non è esente da effetti collaterali e alcune controindicazioni:

  • Allergie: Le persone con allergie alimentari, in particolare allergie ai frutti rossi, dovrebbero prestare attenzione perché potrebbero andare incontro a effetti come gonfiore, prurito o eruzioni cutanee.
  • Interazioni farmacologiche: Alcuni studi suggeriscono che potrebbe interagire con determinati farmaci, come gli anticoagulanti o alcuni farmaci metabolizzati dal fegato. Meglio chiedere il parere medico.
  • Problemi gastrointestinali: Il consumo eccessivo può causare disturbi gastrointestinali. Quali sono gli effetti collaterali del melograno? Diarrea, crampi addominali o nausea, soprattutto se si ha una sensibilità agli alimenti acidi.
  • Sovrappeso: La melagrana è naturalmente ricca di zuccheri e calorie, quindi chi segue una dieta a basso contenuto caloricodovrebbe consumarla con moderazione.
  • Glicemia: Il consumo eccessivo del frutto è sconsiglito per chi ha problemi di controllo del glucosio nel sangue.
  • Effetti sulle gengive: Alcune persone potrebbero sperimentare irritazione delle gengive o ulcere orali dopo aver consumato melagrana, specialmente se mangiano i semi interi.

Quanta melagrana mangiare al giorno? Il consumo di melagrana dovrebbe essere moderato, con una porzione raccomandata di circa mezza tazza di semi al giorno per godere dei suoi benefici senza eccessi di zuccheri e calorie. Quindi, una al giorno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759
Non perderti le ultime novità! Vuoi ricevere una notifica quando pubblichiamo un'aggiornamento? No, grazie Sì, certo