Anice, tutte le proprietà e i benefici

Pubblicato da: ClaudiaL - il: 05-09-2016 7:54 Aggiornato il: 02-09-2016 19:56

L'anice è una pianta aromatica dalle interessanti proprietà nutritive. Ha origini orientali, questa pianta è molto antica. Basta pensare che gli egizi e i greci la coltivavano in modo assiduo. Il clima asciutto e caldo è perfetto per la crescita selvatica dell’anice, questo almeno per quanto riguarda nello specifico il nostro Paese.

anice

Il fusto di questa pianta può raggiungere mezzo metro d'altezza. Le dimensioni dei fiori sono ridotte e presentano un colore bianco. Il periodo della loro fioritura è quando comincia l'estate. Il frutto generato dalla pianta dell’anice è di piccole dimensioni e si presenta dalla forma ovale, mentre il colore è sul verde giallognolo (giallo). In agosto si raccolgono i semi e sono anche le parti impiegate della pianta.

Anice: composizione chimica

Vediamo l'anice a livello di composizione chimica. Contiene acqua, fibre, proteine, vitamine, carboidrati etc. Dispone di alcune vitamine del gruppo B e altre, quali: A e C. L'anice è ricco di sali minerali e ne possiede una grande varietà, eccoli menzionati: Ferro, magnesio, selenio, calcio, potassio, manganese, rame, sodio, fosforo e zinco. Al suo interno è presente anche l'olio essenziale, il quale è ricco di altre buone sostanze come timolo, eugenolo e anetolo. I semi di anice comportano circa 335Kcal per cento grammi di semi assimilati.

Anice: i suoi benefici

L'anice è veramente una pianta benefica e siamo fortunati a poterne fare uso, anche se in realtà sono poche le persone che la integrano in modo continuativo nella propria alimentazione. La composizione chimica che abbiamo appena visto parla da sola. Ma ad essere più precisi, cosa ci offre l'anice? Non resta che scoprirlo insieme! Troviamo subito qui sotto riportati alcuni benefici che gli esperti hanno scoperto in merito all'impiego di questa pianta.

  • Gastrite. Se il problema di gastrite è indotto dallo stress, l'anice è più che indicato per trattare il disturbo in questione. Sono le proprietà sedative e antispasmodiche a renderlo possibile.
  • Mal di testa. Le proprietà calmanti dell’anice sono ben conosciute per curare il mal di testa. Sembra anche adatto contro la tosse e disturbi ai bronchi.
  • Digestivo. È in grado di rilassare la muscolatura dell'intestino e allo stesso tempo stimolare la digestione. Perfetto sopratutto per combattere la stipsi.
  • Flatulenza. L'olio essenziale di anice è utilizzato per contrastare la flatulenza. È merito di alcune sostanze presenti all'interno di esso.
  • Antinfiammatorio. Si prende cura del sistema respiratorio e viene utilizzato in caso di asma. Merito dell'effetto antinfiammatorio che offre l'anice sul corpo umano.
  • Afrodisiaco. Tra tutti i benefici che offre questa pianta, troviamo anche quello di riattivare il desiderio sessuale. Basta un litro di acqua lasciata a infondere con 1 cucchiaio medio di semi di anice. È importante che i semi vengono schiacciati prima. Assumere 1 tazza la sera.
  • Antisettico. L'effetto antisettico che offre l'olio essenziale di anice è portentoso. Si dimostra utile per eliminare i vermi intestinali. Inoltre tutela le possibili infezioni delle ferite.

Quindi per tutti coloro che pensano all'anice solo come pianta aromatica, stanno sbagliando. Visto che si dimostra un alleato per il nostro corpo al 100%. Lo abbiamo appena visto, adesso concludiamo con le controindicazioni rivolte all'anice.

Anice: la sua coltivazione

La coltivazione dell'anice deve essere effettuata sopra un ottimo terreno per lei. Esso deve disporre di moltissime sostanze nutritive che possono far crescere in ottima forma la pianta. L'anice ha bisogno di molto sole, mentre il terreno deve presentarsi drenato e asciutto.

Questa pianta di riproduce grazie alla semina che comincia da aprile – maggio (fine/inizio).

I coltivatori usano generalmente semi molto recenti per poter cominciare la semina, questo perché l'azione germinante di questi semini dura poco. Vengono anche coperti dalla terra che è stata lavorata in modo che risulti molto fine. Questo perché i semi sono di dimensioni ridotte.

Anice: alcune curiosità

In rete si possono reperire molte informazioni che riguardano l'anice. Qui sotto ne sono disponibili quattro, ma ovviamente ci sarebbe moltissimo da parlare su questa pianta. Vediamo subito le curiosità che riguardano l'anice:

  • Per combattere l'alito cattivo, basta masticare alcuni semi di questa pianta, sempre dopo pranzo o cena. Sembrano anche adatti per stimolare il sistema digestivo.
  • L'anice è utilizzato regolarmente per produrre liquori e diversi tipi di dolci. Quindi un ottimo alleato in cucina possiamo aggiungere.
  • Nell'antica Roma, l'anice (assieme alla farina) era usato per produrre un tipo di pane denominato ai tempi "mustaceum". Erano convinti che potesse dopo i pasti migliorare la digestione.
  • Nel settore della fitoterapia è comune utilizzare le foglie e i semi della pianta dell'anice, tutto merito dei principi attivi in essi contenuti.

Anice: controindicazioni

L'anice può portare a degli effetti collaterali, dato che presenta sostanze estrogene è necessario un controllo medico prima che una donna in dolce attesa ne faccia uso.

Per quanto riguarda l'impiego esterno, l'olio essenziale di anice in alcuni soggetti può dare comparsa a irritazioni e vesciche. Mentre in dosi eccessive è addirittura tossico per l'organismo facendo riferimento all'impiego interno di quest'olio essenziale. In quest'ultimo caso i sintomi correlati possono essere: disturbi della circolazione, narcosi e convulsioni.

ClaudiaL

Appassionata di dieta, alimentazione, benessere e rimedi naturali. Curiosa quanto basta per tenermi sempre aggiornata e creare contenuti che possono rivelarsi utili agli altri!

Ti è piaciuto questo articolo? Commentalo!

Scrivi un Commento

Termini di ricerca:

  • masticare semi di anice
  • anice e vermi
  • benefici di anice
  • i benifici dellanice quali sono
  • semi di anice benefici
  • semi di anice benefici salute