Kale o cavolo riccio: proprietà, che sapore ha il kale, come si pulisce e come mangiarlo

58

L’appellativo di super food è il lasciapassare verso un alimento sano e ricco di proprietà: è il caso del kale. Scopriamo come si chiama il kale in italiano e tutto quello che c’è da sapere! …

L’appellativo di super food è il lasciapassare verso un alimento sano e ricco di proprietà: è il caso del kale. Scopriamo come si chiama il kale in italiano e tutto quello che c’è da sapere!

Da anni, specie Oltreoceano, vengono pubblicizzati alcuni super food in qualità di toccasana per il corpo e la mente. Tra i più apprezzati c’è il kale.

Il cavolo kale crudo, cotto o trasformato in smoothie e centrifugati rappresenta un cibo salutare che vale la pena conoscere.

Cos’è il kale?

Si chiama kale e altro non è che un tipo di cavolo usato per preparare piatti e centrifughe di frutta e/o verdure dalle proprietà detox.

Il cavolo riccio (questo il nome con cui si conosce in Italia) viene coltivato anche nel nostro Paese, specie in Puglia e Toscana.

Dove trovare il kale in Italia? È un ortaggio reperibile facilmente sui banchi del fruttivendolo e a volte anche al supermercato.

Il cavolo riccio non ha avuto molta fortuna in passato, ma le tendenze d’Oltreoceano lo hanno fatto riscoprire anche da noi.

Cavolo nero toscano e cavolo riccio

Purtroppo la scarsa notorietà di questo ortaggio alimenta la confusione intorno ai diversi tipi di cavolo: qual è la  differenza tra il cavolo nero toscano e il cavolo riccio? Che sapore ha il kale?

Da un lato il cavolo nero toscano si presenta con foglie allungate di colore bluastro, aspetto quasi bolloso e sapore intenso.

Dall’altro lato il kale ha foglie increspate di colore vario, aspetto arricciato e sapore più dolce (ma con una note acidula).

Kale: Proprietà e benefici

Il cavolo a foglia lunga è un ortaggio della famiglia Brassica oleracea particolarmente apprezzato per il pool di vitamine, sali minerali e sostanze antiossidanti. A cosa serve il kale esattamente? Perché consumarlo?

  • Radicali liberi – Il pool di polifenoli e flavonoidi e la presenza di vitamina C assicurano un potente effetto antiossidante contro i radicali liberi. In pratica rallentano l’invecchiamento cellulare.
  • Pressione sanguigna – I minerali contenuti in questo cavolo tengono sotto controllo l’equilibrio idrico del corpo e regolano la pressione.
  • Colesterolo – La presenza di fibre ostacola lo stoccaggio dei grassi e quindi l’accumulo di molecole di colesterolo sulle pareti dei vasi, riducendo così l’insorgenza di problemi cardiovascolari.
  • Minerali – Il fatto che il cavolo riccio sia fonte di minerali permette di fare il pieno in vista di caldo o sessioni di allenamento estenuanti.
  • Osteoporosi – La vitamina K1 contribuisce all’assimilazione del calcio mentre il contenuto di calcio è sufficiente per sostenere la salute delle ossa e per ridurre il tasso di incidenza di osteoporosi.
  • Peso – Il contenuto considerevole di fibre dona un senso di sazietà che aiuta a tenere sotto controllo la fame. In più, regolarizzando il transito intestinale, si libera del gonfiore addominale.
  • Pelle – La vitamina C è preziosa sia per combattere l’azione dei radicali che per favorire la produzione di collagene.
  • Vista – La percentuale di luteina e zeaxantina aiuta a prevenire l’arrivo della cataratta e della degenerazione maculare.

Come consumare il kale

Come già accennato, il cavolo riccio si trova sia come ortaggio da usare crudo o cotto che sotto forma di polvere di kale.

Se si riesce a trovare sui banchi del fruttivendolo o al supermercato allora è possibile usare il kale in varie ricette: kale crudo in insalate miste, chips kale o contorni (kale bollito o cotto al vapore).

Come si pulisce il kale? Il cavolo riccio fresco si pulisce come qualsiasi altro tipo di cavolo: sfogliare il kale, sciacquare sotto un getto di acqua corrente e lasciare asciugare.

Se non si riesce a reperirlo allora è possibile usare la polvere di kale per preparare frullati e centrifugati di frutta e/o verdura. Basta aggiungere qualche cucchiaio di polvere in un bicchiere di acqua, un frullato o un centrifugato e mescolare.

In alternativa la polvere di kale può essere aggiunta direttamente alle preparazioni, dalla pasta con kale alle zuppe fino ai secondi piatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759