Salute: quanto sono dannosi gli imballaggi alimentari?

0

Il sospetto imperversava già da qualche tempo e un gruppo di ricercatori è riuscito a dare certezza al tema: gli imballaggi alimentari contengono sostanze chimiche che posso danneggiare la salute. Secondo lo studio pubblicato sul …

Il sospetto imperversava già da qualche tempo e un gruppo di ricercatori è riuscito a dare certezza al tema: gli imballaggi alimentari contengono sostanze chimiche che posso danneggiare la salute. Secondo lo studio pubblicato sul  Journal of Epidemiology and Community Health, i prodotti chimici presenti nelle confezioni degli alimenti potrebbero trasferirsi al cibo stesso.

Imballaggi alimentari dannosi per la salute? – foto si24.it

Il problema ha sensibilizzato Altroconsumo a tal punto da chiedere la collaborazione di altre quattro associazioni indipendenti europee quali Danish consumer council (Danimarca), Deco (Portogallo), Ocu (Spagna) e Test-Achats (Belgio) per testare in laboratorio gli imballaggi alimentari usati per pizzerie e fast food.

Le analisi condotte su imballaggi per hamburger, patatine fritte, panini imbustati e cartoni della pizza hanno evidenziato che la presenza di Pfas in vari contenitori alimentari. Si tratta di una sostanza fluorurate usata per rendere l’imballaggio impermeabile al grasso e all’acqua degli alimenti.

Ebbene su 65 campioni di imballaggi alimentari di varia provenienza (13 italiani) è stato riscontrata una presenza massiccia di composti fluorurati: 63 campioni su 65 presentano un valore superiore di tali sostanze rispetto al limite raccomandato per la sicurezza alimentare e la tutela della salute dei consumatori.

Ovviamente per ridurre il problema della contaminazione è necessario approfondire gli studi relativi ai possibili migranti e approfondire argomenti come tossicologia, metodologie analitiche e modelli predittivi  per rispettare le norme di legge e garantire sicurezza.

Principali categorie dei potenziali migranti
Ma quali sono i potenziali migranti? Per qualsiasi materiale d’imballaggio si possono evidenziare tre fondamentali categorie di sostante migranti ovvero gli additivi, i residui e i prodotti di neo formazione.

Negli ultimi anni, i plastificanti hanno riscosso molto interesse perché molto più igienici, ma se il butil stearato, l’acetiltributil citrato, gli alchil sebacati e gli adipati si presentano come plastificanti a bassa tossicità comunemente utilizzati, gli ftalati vengono considerati potenzialmente carcinogeni ed estrogenici.

Si può dire che gli stabilizzanti della luce e gli antiossidanti sono additivi impiegati per ridurre gli effetti dell’invecchiamento degli imballaggi alimentari: antiossidanti sintetici come il terz-butil-idrossianisolo (BHT) riconosciuti non tossici e i fosfiti arilsostituiti considerati tossici.

Gli imballaggi alimentari che contengono monomeri e oligomeri potrebbero migrare nel cibo a causa di una reazione incompleta e inappropriate condizioni. È per questo che le norme igieniche limitano il contenuto di monomeri residui nei materiali dei contenitori alimentari perché sono sostanze reattive riguardo agli organismi viventi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759