London Mule: ingredienti, ricetta, gradi, calorie e abbinamenti

350

Le sperimentazioni dei cocktail più amati continuano a sorprendere, regalandoci nuovi drink tutti da gustare. Oggi scopriamo cos’è e come preparare il London Mule. Sì, avete letto bene. Non c’è stato alcun errore. Il London …

Le sperimentazioni dei cocktail più amati continuano a sorprendere, regalandoci nuovi drink tutti da gustare. Oggi scopriamo cos’è e come preparare il London Mule.

Sì, avete letto bene. Non c’è stato alcun errore. Il London Mule è una rivisitazione londinese del più conosciuto Moscow Mule.

Si tratta di una nuova interpretazione del Moscow Mule che unisce l’essenza dell’iconico drink con un tocco britannico unico, creando un’esperienza di gusto completamente nuova.

Quali sono le radici del Moscow Mule?

Il Moscow Mule, originariamente nato negli anni ’40, è un cocktail noto per l’inedita combinazione di vodka, ginger beer e succo di lime, servito in una tazza di rame.

Perché si chiama Moscow Mule? L’origine del nome è ancora incerta, ma esistono due teorie predominanti. Una ipotesi suggerisce che il termine “Moscow” sia un omaggio alla Vodka Smirnoff e “Mule” ricorderebbe le incisioni iniziali sulle tazze di rame utilizzate per servire il cocktail. Un’altra teoria, invece, attribuisce il nome al caratteristico pizzicore del cocktail, che veniva descritto come un “calcio da mulo”.

L’esplosione di sapori e la presentazione distintiva hanno reso questo drink un classico senza tempo da gustare durante l’aperitivo o dopo cena.

Cos’è il London Mule?

La città di Londra, famosa per la sua natura eclettica e innovativa, ha dato un contributo unico a questa bevanda, creando il London Mule.

Chiamato anche Moscow Mule sbagliato, questo cocktail è nato dal talento di una bartender, Audrey Saunders.

La rivisitazione racchiude lo spirito cosmopolita della capitale britannica, con ingredienti selezionati con cura e una preparazione che fonde maestria e creatività.

Moscow Mule VS London Mule

Qual è la differenza tra Moscow Mule e London Mule? La preparazione e la presentazione sono le stesse in entrambi i cocktail, ma la versione londinese utilizza il gin al posto della vodka.

L’uso di uno dei distillati anglosassoni più apprezzati al mondo conferisce un carattere del tutto nuovo all’amato drink.

Il gin, essendo più aromatico e più forte in termini di sapore, trasforma il Moscow Mule, senza stravolgerne l’equilibrio che lo caratterizza.

London Mule: ingredienti e ricetta

london mule ricetta
Drink

La ricetta del London Mule non è difficile ma, sostituendo la vodka con il gin, richiede qualche piccola accortezza rispetto alle quantità degli ingredienti.

Ingredienti

  • 50 ml di gin
  • 120 ml di ginger beer
  • succo fresco di mezzo lime
  • ghiaccio
  • fettine di zenzero candito e rametti di menta a piacere per guarnire

Preparazione London Mule

  • Riempire una tazza di rame con ghiaccio (facendo attenzione a eliminare l’acqua).
  • Versare il gin e il succo di mezzo lime, mescolando delicatamente.
  • Completare con la ginger beer per aggiungere un tocco di effervescenza al cocktail.
  • Mescolare leggermente con un bar spoon  per amalgamare gli ingredienti del London Mule.
  • Guarnire con fettine di zenzero e un rametto di menta fresca.

London Mule: gradi e calorie

Il mix di gin, ginger beer e succo di lime del London Mule ha un grado alcolico pari al 17%, il che lo rende un cocktail mediamente alcolico.

Guardando all’apporto calorico del London Mule, le calorie contenute in un cocktail sono circa 215 (quindi non propriamente ipocalorico).

I segreti del London Mule cocktail

L’estate sembra essere il periodo perfetto per gustare il London Mule, ma il tratto aromatico del cocktail lo rende perfetto per ogni occasione. Ma quali sono i segreti del Moscow Mule sbagliato?

  • Sapere quale gin usare per London Mule – Un gin non vale l’altro. Sarebbe meglio optare per un London Dry gin per creare un contrasto armonioso sia con la dolcezza della ginger beer che con l’asprezza del lime.
  • Tazza di rame – L’uso della tazza di rame dalla silhouette leggermente bombata è dove va servito il Moscow Mule ed è imprescindibile anche per servire un cocktail London Mule a regola d’arte: aiuta a mantenere la temperatura del cocktail e conferisce un aspetto elegante. L’alternativa accettabile è un bicchiere highball.
  • Eliminazione dell’acqua – Versare i cubetti prima di tutti gli altri elementi consente di raffreddare il bicchiere, ma potrebbe fa sciogliere un po’ il ghiaccio. Per evitare di “annacquare” il drink, non bisogna far altro che eliminare l’acqua.

Ci sono varianti?

london mule cocktail
Cocktail

Anche se il London Mule è di per sé una variante del famoso Moscow Mule, è comunque una bevanda che mostra un grande potenziale di personalizzazione. Ecco alcune varianti interessanti:

  • Gin e Sambuco – Questa versione sostituisce la ginger beer con una combinazione di acqua tonica e sciroppo di sambuco. L’aggiunta di bacche di sambuco fresche o secche conferisce una nota fruttata al cocktail.
  • Cetriolo – Basta incorporare fette di cetriolo fresco nell’infusione di gin per aggiungere una nota di freschezza e rendere il cocktail leggermente più erbaceo.
  • Mexican Mule – Nella versione Mexican, invece, il gin viene sostituito dalla tequila. Praticamente mescola i sapori tradizionali con l’energia e il carattere distintivo della tequila messicana.
  • Kentucky Mule – A unirsi nella sinfonia composta da ginger beer e lime è il whiskey Bourbon. Il risultato? Un cocktail deciso.

London Mule: abbinamenti perfetti

Il London Mule è un drink ricco di sapori con una base di gin che offre profondità e complessità aromatiche.

Per accompagnare questo drink, è consigliabile optare per spuntini e piatti che siano in grado di valorizzare e armonizzarsi con i suoi gusti distintivi. Ecco alcune idee di cibo che si abbinano bene al London Mule:

  • Antipasti a base di pesce – Il sapore fresco e leggermente salmastro del pesce si accoppia bene con il gusto pulito e aromatico del cocktail. Inoltre, l’acidità del limone nel cocktail può accentuare le note marine del pesce. Sì a fette di pane con salmone affumicato e crema di formaggio spalmabile; gamberetti conditi con salsa all’aglio e prezzemolo oppure ostriche.
  • Formaggi e crostini – L’aroma e la cremosità dei formaggi a pasta molle si contrappongono in modo piacevole alla complessità del gin. Le marmellate e le confetture aggiungono un tocco di dolcezza che ben si sposa con il profilo aromatico del drink. Si va dai formaggi a pasta molle come il brie o il camembert ai crostini con pate di fegato d’oca e confettura di cipolle.
  • Spiedini di pollo – Gli spiedini di pollo marinati con salsa teriyaki o curry e serviti con una salsa allo yogurt e lime sono perfetti per questo cocktail. Offrono un contrasto interessante tra la consistenza succosa della carne e le note erbacee e speziate del gin. La salsa allo yogurt e lime apporta freschezza al piatto.
  • Insalate – Le insalate leggere con ingredienti freschi valorizzano la vivacità e la complessità del cocktail. Meglio ancora se si condisce il tutto con l’acidità e la freschezza della vinaigrette. Qualche esempio? Insalata di rucola e formaggio di capra o insalata di avocado, pomodori e mozzarella con basilico e olio d’oliva.
  • Sushi o sashimi – Una selezione di sushi o sashimi freschi, accompagnati da salsa di soia e wasabi è l’abbinamento perfetto perché il sapore delicato e raffinato del pesce crudo si abbina al profilo aromatico del gin.
  • Patatine e salse artigianali – Le patatine fritte offrono una nota croccante e salata che contrasta in modo piacevole con il profilo aromatico del gin. Le salse artigianali come maionese al limone o ketchup piccante aggiungono varietà di sapore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759
Non perderti le ultime novità! Vuoi ricevere una notifica quando pubblichiamo un'aggiornamento? No, grazie Sì, certo