Come cucinare il semolino: varietà, ricette e segreti

0

Il semolino è molto di più della minestra di semolino preparata a mo’ di pappa per i più piccoli, visto che può dare vita a piatti dolci e salati. Ma come cucinare il semolino? CONSIGLIO …

Il semolino è molto di più della minestra di semolino preparata a mo’ di pappa per i più piccoli, visto che può dare vita a piatti dolci e salati. Ma come cucinare il semolino?

Gnocchi di semolino, semolino al latte, semolino in brodo, torta al semolino, semolino fritto: le ricette con semolino sono tantissime e tutte da scoprire.

Questa farina ricavata dalla macinazione dei cereali permette di preparare tantissime pietanze diverse, da quelle salate a quelle dolci.

Varietà di semolino

La varietà più conosciuta è senza dubbio il semolino di frumento, quello fine e giallissimo usato per la pappa dei bambini, ma non è l’unica. Quanti tipi di semolino esistono?

Solitamente questo alimento farinoso viene ottenuto dalla macinazione del grano e cambia denominazione a seconda del grano di provenienza. Per esempio c’è il semolino di grano duro e il semolino di grano tenero.

In realtà il semolino può essere ricavato da altri cereali, come per esempio il farro, il miglio o il riso, dando vita a pasta, minestre e dolci buonissimi.

Qual è la differenza tra semola e semolino?

L’assonanza dei nomi e la provenienza crea un po’ di confusione intorno alla natura di semola e semolino, ma in realtà si tratta di due prodotti diversi.

La semola si ricava dalla macinatura del grano duro mentre il semolino può essere prodotto sia dalla macinazione di grano duro che dalla lavorazione di cereali diversi.

Come cucinare il semolino

Questa farina si presta a diverti tipi di cottura, dalla cottura al forno alla cottura in pentola fino alla frittura. Insomma ogni ricetta a base di semolino restituisce un risultato diverso.

Canederli, gnocchi di semolino alla romana, migliaccio, sfogliatella frolla, sono soltanto alcune delle ricette che si possono preparare.

 Il semolino può essere preparato seguendo più di una versione. Può essere fritto, cotto al forno o anche preparato in padella.

Al forno

Per preparare il semolino al forno basta bollire una tazza di latte, aggiungere la stessa quantità di semolino e mescolare accuratamente. Dopodiché si possono aggiungere gli ingredienti preferiti, versare il composto in una pirofila, cospargere un po’ di formaggio e infornare per qualche minuto.

Pentola

Come fare il semolino con acqua o brodo? Il semolino sotto forma di minestra si prepara portando a bollore dell’acqua o preparando un brodo vegetale, aggiungendo il semolino a pioggia e mescolando fino a ottenere un composto cremoso da servire a tavola come antipasto o primo piatto.

Frittura

A qualcuno sembrerà strano, ma il semolino fritto è una delizia che può diventare dolce o salata. Vediamo le frittelle di semolino della ricetta salata: bollire una tazza di acqua salata, aggiungere il semolino a pioggia e mescolare fino a ottenere qualcosa di simile alla polenta. Dopodiché occorre aggiungere uova e burro al composto, creare delle palline e friggere a mo’ di frittelle in olio caldo per un paio di minuti. In ultimo le frittelline vanno aggiustate di sale e servite insieme a un secondo di carne o pesce o un tagliere di formaggi e salumi. In realtà basta cospargere un po’ di zucchero a velo o una quantità generosa di cioccolato fuso per avere dei semolini dolci.

A proposito di semolino dolce, però, non si può fare a meno di parlare anche di zeppole, biscotti, crostate, torte e dolcetti di vari tipi. Tra i dolci con semolino più apprezzati c’è sicuramente il migliaccio.

Cosa si può usare al posto del semolino?

Chi si trova senza semolino di grano duro proprio durante la preparazione della ricetta può usare alcuni sostituti. Quali?

È possibile sostituire il semolino utilizzando altri tipi di prodotti farinosi, come per esempio la fecola di patate, la farina di grano saraceno, la farina di riso o la maizena.

Ovviamente, essendo caratterizzate da gusti e consistenze diverse, si otterranno risultati ricchi e saporiti, ma diversi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759