Dieta su misura per mantenere in salute i reni

738

Il segreto per mantenere i reni in salute è tutto nella dieta: tanta acqua, poco sale e un menu bilanciato. Detto così potrebbe sembrare semplice, però sapete benissimo che seguire un regime alimentare corretto non …

Il segreto per mantenere i reni in salute è tutto nella dieta: tanta acqua, poco sale e un menu bilanciato. Detto così potrebbe sembrare semplice, però sapete benissimo che seguire un regime alimentare corretto non è semplice, soprattutto quando il lavoro ci fa stare fuori tutto il giorno. Noi abbiamo qualche consiglio per tutti voi, perché la nostra salute dipende da quella dei reni.

Per preservarli è fondamentale bere la giusta dose di acqua ogni giorno, quella consigliata è di due litri e mezzo ma vi sono varie scuole di pensiero al riguardo, l’importante è che abbia un basso contenuto di sodio. L’acqua facilita l’eliminazione delle tossine e delle sostanze di scarto, inoltre diluisce quei prodotti che tendono ad accumularsi formando i calcoli. Un altro consiglio molto importante è quello di non esagerare con le proteine, soprattutto quelle di origine animale come carne, uova, salumi, formaggi e latticini.

Nella dieta per mantenere in salute i reni solitamente vengono predisposti pasti completi con primi e secondi piatti che contengono una quantità bilanciata di proteine e carboidrati. Anche i salumi e il cioccolato devono essere eliminati, o consumati con moderazione per tenere sotto controllo il livello di fosforo nel sangue. È importante limitare il consumo di frutta secca, lievito di birra, frattaglie e crostacei. Per quanto riguarda riso e orzo invece è ammesso un consumo ridotto perché ne contengono una percentuale discreta. Gli alimenti che non contengono fosforo sono le patate, l’olio, il miele e la marmellata. Una dieta troppo ricca di sodio e sali minerali quali fosforo e potassio favorisce la ritenzione idrica e comporta l’insorgenza di malattie come l’ipertensione. Ecco perché lo schema alimentare che vi proponiamo di seguito deve essere seguito scrupolosamente. Perché una carenza porta ad altri problemi.

Programma alimentare per mantenere in salute i reni

Una giornata tipo è strutturata in questo modo: a colazione si può bere latte e caffè e consumare un prodotto da forno come crostate e ciambelle fatte in casa. Per lo spuntino invece mantenetevi leggeri con frullati di frutta e verdure. A pranzo e a cena potete variare tra cous cous con verdure miste grigliate e pesce fresco al forno, pasta integrale con passata di pomodoro, tagliata di manzo, insalatone miste condite con poco sale e pane (sempre integrale). Potete anche divertirvi in cucina preparando la pasta con zucchine e menta, la paella di pesce e l’immancabile minestrone di verdure. Il sabato sera potete mangiare la pizza, non è assolutamente vietato, però ricordate che non dovete esagerare con i “condimenti”, meglio una bufalina che una prosciutto e panna. I vostri reni vi ringrazieranno.

Salute dei reni: no a bevande gassate e zuccherate

Il consumo di bibite gassate e zuccherate aumenta il rischio di sviluppare i calcoli renali. E’ quanto è emerso da uno studio svolto da un team di medici della Harvard University di Boston, in collaborazione con l’Unità di nefrologia del Policlinico Gemelli di Roma e pubblicato sul Clinical Journal of the American Society of Nephrology. Lo scopo della ricerca era quello di verificare quali bevande fossero davvero buone per la salute dei reni in modo da specificare meglio l’indicazione data dai medici per chi soffre di disturbi ai reni di consumare almeno due litri di liquidi al giorno.  Secondo la ricerca infatti alcuni liquidi potrebbero essere dannosi per il benessere dei reni aumentando il rischio di sviluppare i dolorosi e fastidiosi calcoli renali. Proprio per questo, soprattutto d’estate, si consiglia di evitare il consumo di bibite gassate e zuccherate che potrebbero danneggiare i reni. Lo studio scientifico ha avuto una durata di otto anni e ha coinvolto oltre 194.000 persone, in cui sono stati registrati i loro consumi alimentari e lo sviluppo di un’eventuale calcolosi. I risultati hanno dimostrato che un eccesso di bevande gassate e zuccherate può aumentare del 33 per cento le probabilità di sviluppare dei calcoli renali. Non solo, la ricerca ha anche portato alla luce quali sono le bevande amiche dei reni, che sarebbero caffè e tè, grazie al loro effetto protettivo, ma anche il vino rosso, quello bianco e la birra. Per prevenire la formazione di calcoli hai reni sarebbe invece utile consumare del succo di arancia. Per quanto riguarda le bibite gassate e zuccherate i medici ipotizzano un ruolo determinante del fruttosio che, secondo quanto emerso dallo studio “fa aumentare la concentrazione di calcio, ossalato e acido urico nelle urine, favorendo così la formazione di calcoli”. Questo zucchero, si trova anche nel succo d’arancia, che però è buono per la salute dei reni in quanto l’effetto dello zucchero viene annullato dall’azione protettiva del citrato che ha la capacità di modificare in modo positivo l’acidità delle urine. Si è inoltre osservato che chi consuma quotidianamente tè e caffè ha meno probabilità di sviluppare i calcoli ai reni, ciò sarebbe dovuto all’azione della caffeina, che favorisce la diuresi  e all’acido clorogenico, un antiossidante molto potente in grado di prevenire la formazione dei calcoli. Buono anche il consumo di birra, vino e altri alcolici, grazie alla presenza dell’etanolo che favorisce la diuresi.

Qual è la migliore acqua minerale per preservare i reni?

L’acqua è il fondamento della vita stessa, essenziale per il corretto funzionamento dell’organismo. Ma non tutti i tipi di acqua sono uguali. Qual è la migliore acqua minerale per preservare i reni? La quantità di acqua presente nel corpo umano dimostra l’importanza dell’acqua per la salute e il benessere. L’acqua è vita stessa. Sebbene il nostro corpo sia dotato di una riserva notevole di questo liquido prezioso, la sete persiste e ne richiede sempre di più. Oltre a essere fondamentale per il nostro equilibrio e la nostra sazietà, l’acqua riveste un’importanza fondamentale nel funzionamento dei reni.

Acqua e reni: qual è la correlazione?

acqua e reni
Acqua
I reni operano silenziosamente per mantenere l’equilibrio chimico del corpo. Essi filtrano il sangue, eliminando scorie e sostanze nocive, regolano la pressione sanguigna e producono ormoni che influenzano la formazione delle cellule del sangue. Questo sistema richiede un sostegno costante e l’acqua è l’elemento chiave per garantire il suo corretto funzionamento. Bere a sufficienza consente ai reni di svolgere al meglio il loro lavoro di filtraggio e di eliminare le tossine accumulate nel corpo. Inoltre, un buon livello di idratazione aiuta a prevenire la formazione di calcoli renali, comuni condizioni dolorose e debilitanti. Quando il consumo di acqua giornaliero non raggiunge livelli adeguati, infatti, i reni potrebbero incontrare ostacoli nel loro compito di filtrare il sangue in modo efficace, favorendo l’accumulo di sostanze tossiche potenzialmente nocive. A lungo termine, tutto questo può mettere a rischio le normali funzioni corporee, predisponendo all’insorgenza di disturbi come calcoli renali, coliche, e perfino insufficienza renale.

Qual è la migliore acqua minerale per preservare i reni?

L’acqua è il punto di partenza per valutare se stiamo adottando uno stile di vita sano. Essa ci conferisce equilibrio, sazietà ed è decisiva per e il funzionamento renale.

Per garantire il benessere dei reni, oltre a una dieta varia ed equilibrata, è fondamentale assicurare un adeguato apporto di acqua: gli esperti raccomandano di consumare almeno un litro e mezzo al giorno (due al massimo) per mantenere l’organismo ben idratato e favorire la depurazione. Bere acqua sì ma, considerando la vasta offerta sul mercato, qual è la migliore acqua minerale per preservare i reni? La vasta gamma di marchi e tipi di acqua minerale rende la scelta più complessa, specialmente considerando che l’acqua con basso contenuto di sodio dovrebbe essere la preferenza in generale. Sorprendentemente, ricerche recenti suggeriscono che l’acqua “dura”, arricchita di calcio e bicarbonato, possa addirittura prevenire la formazione di tali calcoli. Pertanto, coloro che soffrono di particolari problematiche legate ai reni dovrebbero concentrarsi su acque minerali con un significativo apporto di calcio e bicarbonato in quanto minerali toccasana per la salute renale. Acque caratterizzate da un basso contenuto di sodio possono contribuire a prevenire la formazione di calcoli renali, offrendo un’opzione valida per chi cerca di proteggere la salute di questo importante organo.

Scegliere con cautela per la salute dei reni

Scegliere l’acqua minerale per preservare i reni è un passo fondamentale verso uno stile di vita sano e ben bilanciato e il benessere generale. Se i reni non dovessero funzionare correttamente, il corpo subirebbe una serie di impatti negativi che influenzano diverse funzioni vitali, dalla ritenzione idrica all’aumento della pressione arteriosa fino all’accumulo di tossine e scorie pericolose.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759
Non perderti le ultime novità! Vuoi ricevere una notifica quando pubblichiamo un'aggiornamento? No, grazie Sì, certo