Zafferano: dove si coltiva, proprietà, benefici, ricette e controindicazioni

743

Lo zafferano è una spezia non solo preziosa, ma anche molto gustosa, utilizzata in tantissimi piatti per creare pietanze deliziose, ricche di colore e di sapore. Ha un sapore inconfondibile e un colore giallo acceso, …

Lo zafferano è una spezia non solo preziosa, ma anche molto gustosa, utilizzata in tantissimi piatti per creare pietanze deliziose, ricche di colore e di sapore.

Ha un sapore inconfondibile e un colore giallo acceso, ma oltre a rendere risotti, cosce di pollo e patate ottime e gustose è anche ottimo per la nostra salute. La medicina popolare e ayurvedica infatti da sempre sostiene le virtuose proprietà dello zafferano per il benessere e la salute del nostro corpo.

Dove viene coltivato lo zafferano?

È una spezia che se consumata in quantità giuste offre diversi effetti buoni al nostro corpo. Il merito dobbiamo assolutamente attribuirlo alle sostanze presenti in questa pianta aromatica. La Crocus sativus (ovvero lo zafferano) si utilizza in cucina, ma la sua assunzione è indicata allo stesso tempo per la nostra salute. Quindi quando il sapore e l’aroma di un piatto viene esaltato perché è stata introdotta questa spezia, dobbiamo pensare che allo stesso tempo forniamo interessanti e utili proprietà al nostro organismo (corpo e mente).

L’Umbria, la Sardegna, l’Abruzzo e le Marche sono le regioni dove si riesce a coltivare lo zafferano in Italia. Di questa pianta si usano gli stimmi, con essi è possibile creare la spezia in questione la quale come in molti sapranno non è affatto economica. Gli stimmi sono raccolti e in seguito messi a essiccare. Dopo questo, lavorati per ottenere la polvere che noi tutti conosciamo. Il periodo in cui sbocciano i fiori di zafferano è l’inverno.

Ogni fiore di zafferano produce solo tre stimmi rossi, che sono la parte utilizzata come spezia. La raccolta deve essere effettuata a mano e solitamente all’alba, per evitare che i delicati stimmi si deteriorino.

Le proprietà terapeutiche che oggi conosciamo non sono state scoperte da noi, ma bensì dalle popolazioni arabe, anche se lo zafferano ha origine in Iran oltre 2500 anni fà. Noi abbiamo solamente confermato i benefici della Crocus sativus, una pianta utile sia in cucina che come rimedio naturale.

Valori nutrizionali

Dopo le poche informazioni che abbiamo riportato è giunto il momento di capire cosa è presente in questa pianta aromatica. Quindi vedremo la compozione chimica dello zafferano.

In successione passiamo ai suoi effetti positivi sul corpo umano che hanno evidenziato gli esperti. Vediamo i suoi componenti adesso:

  • Acqua
  • Fibre,
  • Ceneri
  • Grassi
  • Carboidrati
  • Proteine
  • Vitamine (A, C e alcune del gruppo B)
  • Sali minerali (calcio, fosforo, sodio, rame, zinco, ferro, magnesio, manganese, selenio e potassio)

Gli esperti ci suggeriscono che lo zafferano apporta molte calorie. Sono circa 310 Kcal in base al consumo di 100 g di questa pianta aromatica. Naturalmente non possiamo dire che fa ingrassare dato che nessuno ne consuma un etto al giorno.

Zafferano: benefici per la salute

zafferano benefici salfree

L’alimentazione corretta è un argomento che oggi giorno riveste una buona importanza. Dove posiamo lo sguardo troviamo diete alimentari da seguire, consigli di vario genere e quant’altro. Si sente anche sempre più parlare delle spezie e i loro effetti benefici sul corpo.

Proprio su questo argomento c’è molto di cui discutere, per esempio quali sono le spezie più indicate? Oppure quelle che risultano più costose e via così.

La cura del proprio corpo richiede molte regole da seguire e tra queste anche l’assunzione di erbe aromatiche. Lo zenzero, lo zafferano, la curcuma, la vaniglia, la cannella, i chiodi di garofano e l’elenco potrebbe continuare ancora. Queste spezie sono utili per numerosi benefici e tutte si dimostrano potenti alleate del corpo umano. Adesso daremo alcune informazioni in merito a che benefici dà lo zafferano:

  • Per gli occhi. La spezia contiene la vitamina A, questa sostanza si dimostra indicata per rallentare la degenerazione maculare. Questo disturbo è comune in età avanzata.
  • Contro l’insonnia. Sicuramente non tutti sono al corrente che questa spezia si può usare anche per combattere l’insonnia e quindi riconciliare il sonno. Per assumerla è possibile bere del latte con l’aggiunta di questa spezia e dopo andare a dormire.
  • Sindrome premestruale. Le tensione nervosa oppure gli sbalzi d’umore possono essere frequenti in presenza di una sindrome premestruale. Sono alcune sostanze disponibili nella composizione chimica di questa pianta a essere utili.
  • Trattamento della psoriasi. Un rimedio naturale che offre benefici contro la psoriasi. Basta consumare un tè allo zafferano per ottenere effetti positivi. Sembra utile anche per trattare l’accumolo di gas nello stomaco.
  • Benefici sul sistema nervoso. Gli stimmi color rosso contengono oltre 4 sostanze  attive che favoriscono il benessere e il buonumore, come la crocetina, la crocina, la picrocrocina e la safranale, che sono degli antidepressivi naturali. Bastano pochissimi milligrammi per favorire il malumore e stimolare l’organismo nella produzione spontanea dell’ormone del buonumore, la famosa seratonina.
  • Antiossidante. Contro le malattie degenerative (solamente alcune) e l’invecchiamento cellulare le sostanze con azione antiossidante contenute al suo interno sono utili. Sono una forma di prevenzione che protegge l’intero organismo.
  • Benefici sulle vie respiratorie. Viene utilizzato per curare le infiammazioni che colpiscono le vie respiratorie, contro l’asma è molto efficacie per esempio. Insomma, un rimedio naturale contro un disturbo molto comune.
  • Stimola la memoria. Per merito di alcuni componenti con effetto antiossidante la memoria di un individuo risulta essere migliore e questo perché viene stimolata. Gli antiossidanti sono sempre le solite sostanze che ritardano l’invecchiamento e l’ossidazione delle cellule.
  • Afrodisiaco. Viene considerato un afrodisiaco naturale perfetto per riaccendere la passione e risvegliare l’eros. Già secoli fa infatti gli antichi Greci conoscevano la sua capacità di riattivare l’energia sessuale lavorando sulle ghiandole surrenali e permettendo di stimolare la produzione degli ormoni che favoriscono l’attività sessuale.
  • Digestivo. Lo zafferano può essere utilizzato per condire i piatti preparando alimenti gustosi e ricchi di proprietà, ma può anche essere impiegato per realizzare tisane da bere dopo mangiato. Infatti grazie alla presenza delle vitamine B1 e B2 che si trovano nei pistilli dello zafferano, favorisce la digestione e riattiva il metabolismo.

La preparazione dello zafferano

Prima di utilizzare la spezia nei piatti, è importante prepararla correttamente per massimizzare il suo sapore e colore. Ecco come fare:

  1. Infusione: Mettete i fili di zafferano in un piccolo contenitore e aggiungete un po’ di liquido caldo (acqua, brodo o latte). Lasciare in infusione per almeno 15-20 minuti. Questo aiuta a rilasciare i composti aromatici e coloranti della spezia.
  2. Macinazione: Un’alternativa è macinare i fili di zafferano con un mortaio e un pestello prima di aggiungerli ai piatti. La polvere ottenuta può essere mescolata direttamente nel liquido caldo.

Come usare lo zafferano: ricette e abbinamenti

zafferano ricett Kraken007

Le spezie sono molto apprezzate, ma ognuna riserva caratteristiche uniche. In particolare, lo zafferano è apprezzato per il suo sapore esclusivo e il suo colore dorato. Ha un gusto leggermente amarognolo e un aroma inconfondibile che può trasformare anche i piatti più semplici.

Piatti salati

È tra gli ingredienti principali della paella, il famoso piatto spagnolo a cui regala gran parte del suo sapore distintivo e il suo caratteristico colore giallo. Si può usare con il riso, la pasta, la carne e il pesce.

Tra le ricette con lo zafferano made in Italy c’è senza dubbio un classico della cucina italiana: il risotto alla zafferano. È una delizia per gli occhi e il palato. C’è anche chi ne prepara una versione con la pasta, cioè la pasta allo zafferano. In realtà, può essere aggiunto ome ingrediente extra di svariati risotti (es. il risotto salsiccia e zafferano o il risotto con zucchine e zafferano) e primi piatti.

Anche la bouillabaisse, cioè la celebre zuppa di pesce francese, contiene zafferano per aggiunge profondità di sapore al brodo.

La spezia viene aggiunta al brodo usato per cucinare il couscous, conferendo un sapore aromatico e un bel colore al piatto.

Piatti dolci

È l’ingrediente segreto di svariati dolci. Qualche esempio? Tra i dolci con lo zafferano più apprezzati c’è il budino di riso. Praticamente la spezia si aggiunge al latte mentre si cucina il budino.

Sì anche all’aggiunta della speza all’impasto per torte e biscotti, specialmente se si tratta di preparazioni a base di mandorle o miele.

Anche il gelato beneficia del sapore e del colore dello zafferano. Basta aggiungere lo zafferano infuso alla base del gelato prima di congelarlo.

Bevande

Lo zafferano può essere consumato anche sotto forma di tisana. La tisana a base di zafferano facilita il sonno, quindi è utile per ridurre o eliminare l’insonnia. Migliora anche il sistema digestivo e di dimostra una potente alleata contro lo stress. Per realizzarla basta prendere dell’acqua e metterla sul fuoco a bollire ma dopo che vi è stata aggiunta questa spezia. Ne occorre un pochino per ottenere questa salutare bevanda. Aspettare 10-12 minuti e consumare, per migliorare il gusto introdurre del miele (1 cucchiaio piccolo).

Potete ottenere una bevanda dalle stesse proprietà usando il latte al posto dell’acqua. Il latte allo zafferano è buonissima.

Zafferano: ci sono controindicazioni?

quanto zafferano fa male gefrorene wand

Lo zafferano è sicuro quando viene usato in quantità moderate in cucina, ma può avere controindicazioni se consumato in eccesso. Quanto zafferano si può assumere al giorno? Parliamo di un grammo, visto che anche 12-20 grammi è considerato eccesso.

Alte dosi possono causare tossicità, reazioni allergiche e problemi in gravidanza. Può interagire con farmaci anticoagulanti, per l’ipertensione e antidepressivi.

Tra chi non può mangiare lo zafferano (o comunque dovrebbe usarlo con estrema cautela e sotto controllo medico) ci sono le donne in gravidanza, le persone con disturbi bipolari o bassa pressione sanguigna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Chiudi
Chef si diventa, cucinando con
© Cucinarefacile.com - Seowebbs Srl - P.Iva 04278590759
Non perderti le ultime novità! Vuoi ricevere una notifica quando pubblichiamo un'aggiornamento? No, grazie Sì, certo